Tag: fondazione ricci

- di Redazione

“Sulle tracce dei Mordini” alla Fondazione Ricci

Un interessante pomeriggio quello organizzato sabato scorso dalla Fondazione Ricci Onlus in collaborazione con Istituto Storico Lucchese, Unitre e Comune di Barga, nell’economia delle celebrazioni per il bicentenario della nascita di Antonio Mordini: si sono approfondite infatti la storia e le origini di questa illustre famiglia barghigiana attraverso il materiale documentario (in gran parte inedito) ritrovato durante alcune ricerche presso l’Archivio di Stato di Firenze dal dr. Marco Angella. Il dr. Angella, originario di Pontremoli dove è attivo come studioso di storia locale e giornalista pubblicista, già da diversi anni frequenta Barga, dove non manca di partecipare in prima persona alle iniziative culturali, maturando rapporti di stima e amicizia soprattutto con l’Istituto Storico e la Fondazione. L’interesse di Angella verso questo argomento è nato nel corso delle ricerche su un personaggio originario di Barga ma legato alla memoria di Pontremoli, Piero Mordini, che di quella cittadina fu vicario dal 1778 al 1782. L’incontro con Piero, citato in due epigrafi pontremolesi,…

- di Redazione

“Sulle tracce dei Mordini”, sabato 13 luglio la conferenza alla Fondazione Ricci

BARGA – Sabato 13 luglio alle ore 18 alla Fondazione Ricci, in collaborazione con l’Istituto Storico Lucchese, proseguono, in occasione del bicentenario della nascita di Antonio Mordini, gli approfondimenti sulla storia della famiglia Mordini a cura del prof. Marco Angella. Con lui si terrà una conferenza dal titolo “Sulle tracce dei Mordini” che racconta della storia della famiglia attraverso i documenti conservati nell’Archivio di Stato di Firenze.

- di Redazione

Un Galilei a Barga?

Sabato 25 maggio alle 11 la presentazione della pubblicazione curata dagli studenti dell’Istituto Superiore di Istruzione di Barga dal titolo Un Galilei a Barga?, frutto di un una ricerca della classe V° Tur dell’Istituto Alberghiero di Barga, guidati dalla professoressa Maria Pia Baroncelli (Edizione Tra le righe libri). “Il figlio di Galileo, Vincenzo, fu destinato, suo malgrado, nel 1632, alla Cancelleria di Barga…”. Questo è quanto gli studenti hanno casualmente rinvenuto nelle pagine di una scheda del Museo Civico Mordini di Barga. Incuriositi ed esortati dalla loro docente hanno iniziato una lunga ricerca…Per saperne di più bisogna ora prendere parte alla presentazione di sabato.

- di Redazione

Una grande passione animava Nazareno

Ci lascia attoniti e sgomenti la perdita di Nazareno Giusti. Le nostre strade si erano incontrate quest’anno con la scoperta di Nazareno come coautore del documentario storico La Provincia di Lucca e la grande Guerra che la Fondazione Ricci e l’Istituto Storico di Barga hanno voluto che fosse proiettato nell’aula magna dell’I.S.I. di Barga. Nazareno aveva già realizzato La Battaglia di Natale, documentario dedicato alla battaglia di Sommocolonia del 26 dicembre del ’44, che non avevo visto prima, per cui è stata per me una vera scoperta vedere con quanta professionalità, fedeltà storica e ricerca, passione, attenzione, era stato fatto questo bel filmato. Complimentandomi con lui, seppi che aveva fatto l’Istituto d’Arte a Lucca nello stesso periodo in cui anche io ci ho insegnavo, ed era suo docente un mio carissimo amico, il prof. Giorgetti. In quel momento capì che la formazione in un Istituto artistico aveva certamente influenzato la sua anima e il suo essere, anche se la vita…

- Commenti disabilitati su La plurisecolare questione per il monte di Gragno alla Fondazione Ricci di Redazione

La plurisecolare questione per il monte di Gragno alla Fondazione Ricci

Sabato scorso Barga ha visto un gradito ritorno, quello del dr. Luigi Santini, direttore della sezione Versilia Storica dell’Istituto Storico Lucchese che, a quattro anni di distanza da una simile iniziativa, è tornato in città per parlare di un argomento che ha molto a cuore, la contesa che per secoli ha visto contrapporsi le due comunità di Barga e di Gallicano per lo sfruttamento del Monte di Gragno. Una storia iniziata nel lontano 1256 quando l’allora comunello di Gragno fece dono al più potente comune di Barga di sé stesso e dei suoi beni, compresa un’altura che, al di là del confine naturale del fiume Serchio, ne aveva acquisito anche il nome. Un dono che, per quanto riguarda il Monte di Gragno, riguarda soprattutto utilità di tipo economico: castagne, pascoli, legname, carbone. Nel complesso quadro dei confini preunitari in Valle del Serchio, la lotta tra la fiorentina Barga e la lucchese Gallicano per il Monte continuò, tra lodi, sentenze, e…

- di Redazione

La plurisecolare questione del Monte di Gragno, tra Barga e Gallicano

Sabato 2 Marzo alle ore 16 presso la Fondazione Ricci Onlus (via Roma,20 – Barga) si terrà la conferenza “La plurisecolare questione del Monte di Gragno tra Barga e Gallicano”, a cura di Luigi Santini, direttore della sezione Versilia Storica dell’Istituto Storico Lucchese. Nell’occasione sarà distribuito un estratto degli atti del convegno “La Garfagnana: relazioni e conflitti nei secoli con gli stati e i territori confinanti” (Castelnuovo di Garfagnana, 9-10 settembre 2017) con la relazione sul Monte di Gragno.

- di Redazione

Le terre robbiane di Barga. Una storia di arte e di fede

“Le terre robbiane di Barga. Una storia di arte e di fede”. Questo il titolo dell’iniziativa che si terrà venerdì 7 dicembre alle ore 16.30 presso la Biblioteca Comunale F.lli Rosselli di Barga. La conferenza, promossa da Fondazione Ricci Onlus e Istituto Storico Lucchese sez. di Barga in collaborazione con Unitre e Amministrazione comunale, sarà tenuta dal giovane studioso Leonardo Umberto Conti. Il dr. Conti, partendo dall’esperienza barghigiana, esaminerà la questione della spesa artistica nel cristianesimo, ovvero come la committenza religiosa si sia rapportata, nelle varie epoche e in diversi luoghi, alla spesa artistica; in particolare sarà analizzata la relazione tra l’ordine francescano e le modalità di produzione delle opere commissionate: i costi di lavorazione, le modalità di esecuzione, le scelte dei Della Robbia, in particolare quella di Luca di inaugurare questa stagione artistica peculiare rispetto alla tradizionale via della scultura. Ad introdurre il pomeriggio sarà la storica dell’arte dr.ssa Maria Pia Baroncelli che approfondirà i rapporti tra l’ordine francescano…

- di Redazione

Armi, divise, ue attrezzatura militare della Grande Guerra in mostra fino a sabato alla Fondazione

Armi, divise e attrezzatura militare originale si affiancano a periodici, cartoline e foto nella mostra “Grande Guerra: la stampa ritrovata. Periodici della Valle del Serchio e Corriere illustrato” voluta e organizzata dalla Fondazione Ricci Onlus e curata da Nazareno Giusti, Sara Moscardini e Ivano Stefani, che termina sabato 27 ottobre alle 18. Tutti gli oggetti militari sono messi a disposizione dall’Associazione Linea Gotica della Lucchesia su interessamento del Col. (Ris.) Vittorio Lino Biondi, esperto di storia militare che ha anche curato il loro allestimento. “Si tratta di materiale militare della Prima Guerra Mondiale – spiega Biondi -. Fucili italiani, austriaci e tedeschi, pistole, bombe a mano, tutto disattivato ma originale. Poi uniformi ed equipaggiamento, con in particolare uno zainetto austriaco da combattimento, mantelle, elmetti. C’è anche una bicicletta pieghevole da bersagliere marca Bianchi, una decina di fucili ‘91, cartucce della S.M.I., pistole italiane e austriache, elmetti Adrian modelli 15 e 16  e tedeschi modello 16 , giberne, materiale di trincea,…

- di Redazione

La stampa ritrovata della Grande Guerra: inaugurata la mostra alla Fondazione Ricci

Sabato mattina la Fondazione Ricci Onlus di Barga e la locale sezione dell’Istituto Storico Lucchese hanno aperto ufficialmente sul territorio le celebrazioni per i cento anni dalla conclusione del primo conflitto mondiale. Lo hanno fatto con un convegno di studi e l’apertura di una mostra, entrambi gremiti e molto apprezzati. La mattinata, aperta dalla Presidente della Fondazione Cristiana Ricci, ha visto gli interventi del prof. Umberto Sereni, che ha delineato il quadro storico italiano negli anni della Grande Guerra, del col. Vittorio Lino Biondi con un intervento sul soldato italiano durante il conflitto, della prof.ssa Natalia Sereni che ha delineato il peculiare rapporto degli emigrati della Valle del Serchio con la madre patria durante e dopo la guerra, e di Pier Giuliano Cecchi che ha tracciato una geografia delle lapidi e dei monumenti memoriali presenti nel barghigiano. A questi interessanti contributi è seguita, alla presenza del senatore Andrea Marcucci, l’inaugurazione della mostra “Grande Guerra: la stampa ritrovata”, curata da Nazareno…

- di Redazione

Grande Guerra, si celebra il centenario dell’armistizio alla Fondazione Ricci

Una nuova interessante iniziativa il prossimo 20 ottobre alla Fondazione Ricci di Barga (via Roma). Per i cento anni dell’armistizio (1918-2018) ed in generale per le celebrazioni della Grande Guerra si terrà presso la fondazione un importante convegno storico che avrà come relatori il prof. Umberto Sereni, il col. Vittorio Lino Biondi, la prof.sa Natalia Sereni e lo storico locale Pier Giuliano Cecchi. Il convegno si terrà alle 10. Sereni farà una introduzione storica incentrata in particolare sulla fine della guerra, mentre Biondi affronterà il tema “Il soldato italiano nella grande guerra”; la prof.sa Sereni parlerà di “Emigrati e Grande Guerra” mentre Cecchi affronterà il tema delle memorie di Barga della Grande Guerra. Seguirà, alle 11,30, l’inaugurazione di una mostra dal titolo Grande guerra: la stampa ritrovata con l’esposizione dei periodici dell’epoca della Valle del Serchio e del Corriere Illustrato. La mostra è curata da Sara Moscardini, Nazareno Giusti e Ivano Stefani e sarà aperta sabato 20, domenica 21 e…

- di Redazione

Alla Fondazione Ricci si celebra la “Grande Guerra”: un convegno ed una mostra in programma

La Fondazione Ricci di Barga torna con un’iniziativa sulla memoria storica della Valle. Periodici, foto, cartoline, monumenti e un convegno raccontano la Grande Guerra in Valle del Serchio a cento anni dall’armistizio 1918-2018. L’appuntamento è per sabato 20 ottobre  alle 10 alla Fondazione Ricci (in via Roma 20 a Barga). Qui il convegno per le Celebrazioni della fine della Grande Guerra che vedrà l’introduzione storica di Umberto Sereni, Vittorio Lino Biondi su “Il soldato italiano nella Grande Guerra”, Natalia Sereni su “Gli emigrati e la Grande Guerra” e Pier Giuliano Cecchi (ISL Barga) che parla di “Le memorie di Barga della Grande Guerra”. L’iniziativa, che ha il logo della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di Missione per gli Anniversari di interesse nazionale, è realizzata dalla Fondazione Ricci con le sue competenze interne, l’Istituto storico Lucchese sezione di Barga, in collaborazione con l’associazione Linea Gotica della Lucchesia, con il patrocinio del Comune di Barga e il sostegno della Fondazione…

- di Redazione

Gli amici lucchesi di Giovanni Pascoli. Presentato il libro alla Fondazione Ricci

I rapporti di Giovanni Pascoli con Barga sono ormai ben assodati nella vulgata biografica e letteraria del poeta. Meno conosciuti forse i legami con la vicina Lucca, che eppure gli conferì la cittadinanza onoraria nel 1905, e che lo vide partecipe alla vicende culturali cittadine dell’epoca, soprattutto in virtù dei rapporti di amicizia con personaggi di spicco dell’intellighenzia lucchese. Tra questi, un ruolo fondamentale lo ricopersero due personaggi molto diversi tra loro: Gabriele Briganti e Alfredo Caselli. Briganti, funzionario della Biblioteca Statale, che in alcuni periodi diresse brillantemente, fu stretto amico di Pascoli che gli dedicò una delle sue più celebri liriche, “Il gelsomino notturno”; Caselli, proprietario del Caffè Carluccio in Fillungo, amante del lusso e delle arti, ebbe con lui un rapporto simbiotico, costellato di alti e bassi e rivelatore di tanti, piccoli aspetti quotidiani della vita del poeta. Di questi due personaggi si è parlato sabato scorso alla Fondazione Ricci, in occasione della presentazione degli atti del convegno…