La Fondazione Ricci ricorda Antonio Nardini

-

La Fondazione Ricci Onlus rende un commosso omaggio allo storico Antonio Nardini suo consigliere da lunga data.

Antonio Nardini, grande appassionato di storia, già direttore dell’Istituto Storico Lucchese, sezione di Barga, aveva messo a disposizione la sua conoscenza e le sue capacità intellettuali per la realizzazione di molti progetti realizzati dalla Fondazione Ricci.

Ricordo, tra i tanti, in particolare la sua pubblicazione Storia del Teatro dei Differenti (1998)  e Barga in Cartolina (2003), dove aveva messo a disposizione la sua importantissima raccolta di cartoline e documentazione dei primi anni del Novecento e la mostra e la pubblicazione  Immagini del mondo pascoliano (2012).

Ho lavorato gomito a gomito con Antonio per molto tempo nella realizzazione di queste belle mostre e delle pubblicazioni e non dimenticherò le tante informazioni e insegnamenti che mi ha dato e soprattutto il rispetto che aveva dei documenti storici. Erano come dei compagni di avventura per lui, viveva in simbiosi con essi raccontandoli agli altri con rispetto per la loro utilizzo storico, ma soprattutto perché facevano parte della suo vissuto. Quando aveva tra le mani le centinaia di cartoline che dovevamo scegliere con paesaggi, monumenti, vie, strade e piazze della sua bella Barga era per lui ritornare in quei luoghi a quel tempo, perché tanti li aveva vissuti direttamente, e ne parlava con sapienza ma anche con estrema nostalgia.

Mancherà Antonio Nardini, mancheranno le sue conoscenze storiche, il suo impegno civico e sociale, ma soprattutto mancherà l’Antonio come punto di riferimento di e per Barga, anche se  i suoi testi, le sue ricerche, tutto ciò che ha realizzato per la Comunità continueranno a parlare di lui e noi continueremo a ricordarlo con grande affetto e gratitudine. Grazie Antonio

Ai suoi familiari le più sentite condoglianze personali e della Fondazione Ricci Onlus Barga.

 

Cristiana Ricci

Presidente Fondazione Ricci Onlus Barga

Tag: ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*