Archi della Ripa, ecco i primi lavori

-

Il cantiere è stato aperto da pochi giorni e dalla prossima settimana dovrebbero entrare nel vivo i lavori per la messa in sicurezza del versante ed il ripristino degli archi della Ripa, per rimediare ai danni del crollo avvenuto nel gennaio 2014, ma anche di mettere in sicurezza una rupe (su cui sorge il Duomo di Barga) che potrebbe essere oggetto altrimenti a nuovi crolli.

Un intervento da un milione di euro finanziato dai fondi regionali per la difesa del suolo, che permettono di

Tra i primi interventi è stato anche ripulito il sentiero che fino a diversi anni orsono univa il bastione del Fosso con Porta Macchiaia, passando proprio sotto gli archi della Ripa:

“Abbiamo intenzione – ha detto in proposito l’assessore ai lavori pubblici Pietro Onesti – di risistemare il tracciato e renderlo nuovamente fruibile. E’ una bella passeggiata che permette di percorrere il basamento della rupe su cui sorge il Duomo”.

Dopo questi primi interventi, dalla settimana prossima l’avvio dei lavori veri e propri con il posizionamento di reti paramasso a difesa del versante franoso, la pulizia dalla vegetazione dello stesso, la regimazione delle acque ed infine la ricostruzione degli archi crollati.

E’ nostra intenzione alla fine valorizzare gli archi anche con una specifica illuminazione – prosegue l’assessore –  Primo step intanto a settembre per fare il punto della situazione e capire quale sarà il termine dei lavori.”

 

Onesti fa il punto anche sugli altri interventi in corso tra i quali l’opera da circa 1,2 milioni di euro, interamente coperti dal CIPE per il rifacimento quasi ex novo del Palazzetto dello sport, chiuso alcuni anni fa per seri problemi strutturali:

“I lavori vanno avanti – ci dice – E’ stata rimossa la copertura in amianto e adesso si procederà con la rimozione delle travature e dei pannelli laterali in calcestruzzo per poi procedere alla ricostruzione

Vanno avanti –  aggiunge –  anche i lavori per la messa a norma dell’impiantistica degli  stadi di Barga e Fornaci e sono a buon punto i lavori di adeguamento sismico del Nido di San Pietro in Campo, tanto da sperare che entro massimo ottobre i bambini possano tornare, dalla sede provvisoria di Castelvecchio, a San Pietro in Campo.

Sono anche in corso – continua Onesti – i lavori per l’efficientamento energetico della scuola primaria “Giovanni Pascoli” di Barga e della scuola media “Don Aldo Mei” di Fornaci di Barga per diverse centinaia di migliaia di euro.

Nel frattempo annuncio che sono state anche presentare nuove domande per accedere a bandi per il finanziamento dei lavori per la ristrutturazione della strada di Valdivaiana ed il controllo del versante interessato da un movimento franoso, e per la sistemazione del ponte dei Gasperetti e per quello di Giuncheto. Non resi fatiscenti dall’incuria, lo ribadisco, ma da danni causati da terzi (spallette urtate da mezzi) che si sono ben guardati da riconoscere le proprie responsabilità

Per le manutenzioni ordinarie e le strade? Interveniamo di volta in volta, cercando di venire incontro alle varie esigenze che ci sono in base alle finanze disponibili al momento; non è facile ma non manca il nostro impegno.

Il Governo negli anni passati ci ha permesso di lavorare ed intervenire con diverse opere a favore della difesa del suolo; c’è solo da sperare che i nuovi rappresentanti in zona del Governo eletto, possano proseguire l’opera svolta dai loro predecessori in questi anni e dare continuità a questa programmazione per la messa in sicurezza delle territorio, così come è stato fatto in questi anni con diverse decine di milioni di euro investiti”.

Tag: , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*