Tag: incidente

- di Redazione

Disposta l’autopsia sul corpo di Hary, emessi anche avvisi di garanzia

L’incidente che ha causato la morte di Hary Marchi ha dei lati ancora da chiarire. Per questo la Procura ha emesso – per il momento solo come atto dovuto – almeno un paio di avvisi di garanzia per concorso in omicidio colposo e disposto l’autopsia sul corpo del giovane per appurare se si sia trattato solo di una tragica fatalità o se in qualche modo ci sono responsabilità.Hary si trovava con i colleghi della cooperativa La Fanaccia a Fobbia, intento a rimuovere tronchi quando un ramo in corso di esser tagliato da altri operai si è spezzato e l’ha colpito violentemente alla nuca. L’intenzione degli inquirenti è capire se l’incidente è stato causato da negligenza o responsabilità di qualcuno e se Hary fosse correttamente equipaggiato con i dispositivi di protezione individuale, casco in primis. Per questo le indagini per ricostruire l’esatta dinamica della tragedia proseguiranno parallelamente all’autopsia, che dovrà accertare di che tipo sono le lesioni alla testa e se…

- di Redazione

Hary Marchi non ce l’ha fatta

Hari Marchi non ce l’ha fatta. La sua tenacia si è arresa alla gravità dei traumi riportati al cranio dopo esser stato colpito da un ramo. Dopo alcuni giorni appeso ad un filo, ormai senza speranze, questa mattina ci ha infine abbandonato. I suoi parametri vitali si sono spenti attorno alle 13.00 di quest’oggi, sabato 16 novembre, presso l’ospedale di Cisanello, circondato dagli affetti più cari. Trentasei anni, di origine barghigiana ma da alcuni anni residente a Pieve Fosciana, era, assieme ai genitori, al fratello e alla compagna molto conosciuto in zona, dove aveva innumerevoli amici. L’incidente che ha spezzato la sua giovane vita è avvenuto mercoledì 13 novembre mentre si trovava a lavoro con una cooperativa nei boschi di Fobbia (Molazzana): per cause ancora da accertare un grosso ramo di è staccato e lo ha colpito alla nuca di sorpresa. Tempestivamente soccorso dai colleghi, non c’è stato altro da fare se non chiedere l’intervento dell’elicottero Pegaso, sia per le…

- di Redazione

I medici non lasciano speranze sulla sorte di Hary

Angoscia, incredulità e tanto dolore. In tutta la comunità barghigiana e in tutta la Valle del Serchio. Sono questi i sentimenti che albergano nei cuori di tutti per Hary Marchi, di questo nostro giovane che ieri è rimasto coinvolto in un infortunio sul lavoro il loc. Fobbia. Colpito violentemente alla testa da un ramo, da subito le sue condizioni sono risultate gravissime e mano a mano che passano le ore le speranze si fanno sempre più tenui. Per lui, come da sua precisa volontà condivisa anche dai suoi genitori, è già stato deciso l’espianto degli organi quando e se il suo cuore smetterà di battere. Purtroppo su una sua ripresa sono stati gli stessi medici fin da subito a non fornire speranze ai suoi cari. Da mercoledì pomeriggio, subito dopo l’intervento alla testa a cui è stato sottoposto all’ospedale di Cisanello a Pisa, è stata dichiarata la morte cerebrale, ma nonostante per Hary non ci siano più speranze sussistono ancora,…

- di Redazione

A proposito dell’incidente di Mologno

Due giorni fa il grave incidente avvenuto in piazza della Stazione a Mologno, dove è rimasta ferita in modo serio l’insegnante elementare Elisabetta Magnani, a Barga meglio conosciuta come Betty. Adesso si trova ricoverata presso l’ospedale Cisanello di Pisa. Le sue condizioni sono sempre gravi ed ha già subito alcuni interventi chirurgici per rimediare alle ferite riportare nell’incidente, che sono ferite importanti. Ma Betty sta affrontando la situazione, a quanto sappiamo, con tanta forza d’animo e questa è sicuramente la strada giusta per arrivare quanto prima ad una pronta guarigione che le auguriamo con tutto il cuore.Nel frattempo quanto le è accaduto ha sconvolto l’opinione pubblica locale ed è di ieri il post che ci è arrivato tramite Facebook scritto da Paolo Marzi, che pubblichiamo nelle lettere in redazione.   Vi siete mai trovati verso l’una, l’una e trenta del pomeriggio in Piazza della Stazione in Mologno? Orde di ragazzi vocianti che provengono dalle scuole di Barga, un continuo andirivieni…

- di Redazione

Infortunio sul lavoro a Molazzana. Grave un giovane di Barga

E’ in gravissime condizioni un giovane barghigiano, rimasto travolto dalla caduta di un ramo da un albero nei boschi sopra Fobbia, nel comune di Molazzana.Un brutto infortunio sul lavoro dove il giovane ha riportato ferite serie. Si tratta di Hari Marchi, 36 anni, nativo di Barga dove risiede la sua famiglia, ma residente a Pieve Fosciana.L’incidente è avvenuto oggi, mercoledì 13 novembre, attorno alle 12,30. Il giovane era con alcuni colleghi a lavoro nei boschi sopra la località di Fobbia nel comune di Molazzana. L’infortunio è accaduto mentre stava potando alcune piante per conto di una cooperativa forestale.Le sue condizioni sono apparse subito gravi, soprattutto per il forte trauma cranico riportato dall’impatto con il grosso ramo.Difficili le operazioni di soccorso visto che il Marchi si trovava in una zona abbastanza impervia, tanto che la centrale del 118 ha deciso di fare intervenire l’elicottero Pegaso. Dopo le prime cure il giovane è stato trasportato all’ospedale di Cisanello. I medici si sono…

- di Redazione

Grave una donna investita dal bus a Mologno

Brutto incidente questo pomeriggio davanti alla stazione di Barga – Gallicano in Mologno dove è rimasta gravemente ferita una insegnante che abita a Barga in loc. Bellavista, investita da un pullman della Vai Bus CTT.La vittima è Elisabetta Magnani, 50 anni, insegnante elementare a Saltocchio. La donna è finita sotto un pullman della Vai Bus, per cause ancora in corso di accertamento da parte della Polizia Stradale di Bagni di Lucca, intervenuta sul luogo dell’incidente con due pattuglie.A quanto si sa il bus stava facendo manovra e la donna, che a quanto sembra sarebbe dovuta salire proprio su quel mezzo, è stata urtata ed è finita con una gamba sotto la ruota del pesante mezzo. Si ignora comunque l’esatta dinamica dell’accaduto.Subito le condizioni della Magnani sono apparse gravissime, soprattutto per la ferita riportata alla gamba che è stata schiacciata dalla ruota anteriore del mezzo. Sul posto il 118 con la Misericordia del Barghigiano che ha prestato le prime cure. Era…

- di m.e.

In memoria di Marco De Candussio e Michele Robazza

Un mese fa la tragedia di Genova, l’incidente al Molo Giano causato da un porta container costato la vita a nove persone tra piloti e ufficiali della Guardia costiera. Tra loro anche due giovani uomini legati alla nostra comunità, Marco De Candussio e Michele Robazza, impiegati presso lo scalo genovese il primo come guardia costiera, il secondo come pilota. Nel trigesimo della loro scomparsa l’unità pastorale, il comune di Barga e la comunità tutta ha voluto ricordarli una volta ancora, stringendosi attorno alle famiglie presenti alla cerimonia officiata da don Antonio Pieraccini. La solennità della commemorazione è stata avvalorata anche dalla presenza non solo degli amministratori comunali e dalle locali autorità militari, ma anche dalla partecipazione del prefetto Giovanna Cagliostro e del Capitano di Corvetta Federico Giorgi. Riuniti per ricordare due giovani che sono stati strappati alle famiglie e agli amici da una simile tragedia su cui ancora l’Italia si interroga. Ad accompagnare la celebrazione la Schola Cantorum e i…

- di Redazione

Gli ultimi aggiornamenti sull’incidente mortale

Son stati resi noti i nomi dei giovani rimasti coinvolti nell’incidente mortale avvenuto questa mattina all’alba sulla SR 445, poco dopo la ziona delle Case Operaie di Fornaci di Barga.Il giovane che guidava l’auto e che è deceduto nell’impatto si chiamava Alessandro Valdrighi ed abitava a Castelnuovo dove lavorava nell’azienda del padre Antonio e dello zio. Aveva venti anni.Il ragazzo rimasto gravemente ferito e che ha perso una gamba si chiama Simone Angeli, ha 19 anni e risiede a Fornaci con lo zio Nazareno Suffredini.Si chiama invece Giampaolo Donnini il terzo giovane, quello ricoverato all’ospedale di Castelnuovo. Il ragazzo ha 16 anni ed i suoi genitori gestiscono un’edicola a Gallicano dove risiede la famiglia. Le sue condizioni, giudicate buone in un primo tempo, sarebbero gravi.

- di Redazione

Giovane endurista austriaca muore a Ponte di Catagnana

Si è trasformata in un tragico incubo l’avventura in Garfagnana di una giovane austriaca appassionata di Enduro che oggi pomeriggio ha perso la vita in un incidente stradale sulla provinciale Barga – Castelvecchio Pascoli in una curva a pochi metri dall’abitato di Ponte di Catagnana.La vittima è la giovanissima Keherer Ingebor proveniente da Salisburgo. Aveva solo 28 anni.La giovane, in sella ad una KTM da Enduro stava percorrendo la Provinciale in direzione Barga e nell’affrontare la prima curva subito dopo la frazione di Catagnana è andata violentemente a sbattere contro un mezzo agricolo, unpiccolo trattore con cassone che procedeva nella direzione opposta condotto dal muratore Roberto Agostini, 47 anni, residente a BargaA spiegarci la dinamica dell’incidente è stato lo stesso Agostini: “Stavo rientrando al magazzino per lasciarvi il mezzo quando nell’affrontare la curva due moto enduro a forte velocità mi hanno sfiorato. Erano in mezzo alla strada e così ho deciso di spostarmi ancora di più dalla mia parte per…

- di m.e.

Le esequie di Paolo Pierantoni, l’imprenditore scomparso in un tragico incidente

Martedì 7 luglio, già prima delle 17.30, l’ora fissata per le esequie, la chiesa del Cristo Redentore di Fornaci di Barga era gremita da una folla composta giunta per dare l’ultimo saluto a Paolo Pierantoni, l’imprenditore fornacino scomparso in un incidente stradale il 3 luglio scorso.Seppur schivo e riservato, in tanti lo conoscevano e lo stimavano per l’attività di ingrosso ortofrutticolo e per altre attività in ambito commerciale che conduceva con i figli, ed infatti la funzione religiosa è stata seguita fin dal sagrato della chiesa, tanti erano gli amici, i colleghi commercianti, i collaboratori giunti a rendergli omaggio. Tantissimi anche gli amici dei figli Marco e Giovanni e della moglie Marta, altrettanti i parenti e gli amici di famiglia. Erano presenti tra gli altri l’assessore ai lavori pubblici del comune Gianpiero Passini e il consigliere Giovanna Stefani, anche in virtù della candidatura del figlio minore, Giovanni, alle ultime amministrative. Il Comune di Barga ha pure voluto esprimere solidarietà alla…

- di Luca Galeotti

Tragico incidente sulla Firenze mare. Muore l’imprenditore fornacino Paolo Pierantoni

Fornaci di Barga ed un po’ tutta la comunità barghigiana in lutto per la tragica scomparsa del noto imprenditore Paolo Pierantoni, 67 anni, perito in un tamponamento a catena verificatosi nelle prime ore di stamattina sulla Firenze Mare.L’incidente è avvenuto tra Chiesina Uzzanese e Montecatini. Il Pierantoni stava procedendo in direzione di Firenze con la sua Citroen Picasso; quasisicuramente si recava ai mercati ortofrutticoli per scegliere la merce con cui rifornire il suo centro ortofrutticolo all’ingrosso che si trova a Fornaci in via Duccio Galimberti.Tutto è accaduto intorno alle 4,30 del mattino C’è stato un primo incidente tra un’auto ed un furgone contro i quali successivamente si è andato a scontrare un TIR. Il grosso mezzo, nell’impatto, si è spostato sulla carreggiata andando ad occupare tutta la sede stradale ed il Pierantoni, che sopraggiungeva poco dopo non ha avuto la possibilità a quel punto di evitare l’impatto; ha provato a frenare, ma l’auto ha tamponato violentemente carambolando sugli altri veicoli.…

- di Redazione

Pensionato investito sulle strisce pedonali

Un pedone è stato investito questa mattina sulle strisce pedonali in via Pascoli a Barga. L’uomo è stato colpito da una Fiat Panda mentre stava attraversando le strisce pedonali in pieno centro cittadino. L’investitore non ha visto il pedone in quanto accecato dal sole che nelle ore della mattina in quel punto crea spesso problemi di visibilità.L’uomo ha sbattuto sul parabrezza dell’auto e poi è caduto a terra, ma le sue ferite non dovrebbero destare preoccupazioni. l’uomo, un pensionato, è stato portato al pronto soccorso di Castelnuovo. I rilievi sono stati effettuati dai Vigili Urbani del comune di Barga.L’incidente ha comunque messo in risalto soprattutto la pericolosità di quel passaggio pedonale che si trova subito dopo una curva che sbocca dall’incrocio con Via Roma. Proprio sulle stesse strisce pedonali negli ultimi tempi si sono verificati almeno altri tre incidenti e la gente chiede a questo punto all’Amministrazione Comunale di spostare l’attraversamento pedonale più avanti, in modo che sia ampiamente visibile…