“Le guerre politiche servono solo a danneggiare il circolo di Villa Nardi”

-

BARGA – “Siamo dispiaciuti di ciò che sta succedendo nella politica interna al nostro comune visto che al momento la sindaca Campani si sta dimostrando collaborativa e sempre a disposizione e per noi quello che conta è il bene del Circolo che non può passare anche da un rapporto chiaro e collaborativo anche con il Comune di Barga”.

Così il consiglio direttivo del Circolo Rita Levi Montalcino da poco rinnovato con l’intento di rilanciare il circolo sociale di Villa Nardi. Un comunicato di Progetto comune, gruppo consiliare all’opposizione a Barga, pubblicato in questi giorni ha portato il neo consiglio a scrivere questa dichiarazione che prosegue:

“Il consiglio direttivo del circolo ACLI Rita Levi Montalcini in merito all’articolo uscito  tiene a precisare i seguenti punti:

In merito all’incontro avvenuto con l’amministrazione comunale, si tiene a chiarire che è stato un colloquio di conoscenza per presentare i nuovi membri; avente il fine di chiarire le problematiche che riguardano il circolo e per iniziare un percorso nuovo in modo che tutto sia chiaro e condiviso.

Per quanto riguarda il licenziamento di una delle due ragazze di cui parla Progetto Comune,  la decisione è stata presa a causa del fatto che la nuova convenzione vedrà il circolo come soggetto interessato al pagamento esclusivo delle utenze, e per poter far fronte all’insieme delle spese che ci saranno, si è deciso di ridurre i costi. E’ bene precisare che il Comune non ci darà una lira e tanto meno un euro per il sostentamento del Circolo e che tutto graverà sulle nostre spalle.

È stata nostra cura informare i soci in assemblea  di quanto discusso con il sindaco; punto per punto, perché uno dei nostri principi è fare le cose con chiarezza e trasparenza; come pure una delle nostre finalità a far tornare al massimo splendore il nostro circolo e non certo partecipare a guerre politiche che non ci rappresentano e che fanno solo il male del Circolo”

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*