Nursind: “Pochi infermieri e clima teso in ospedale a Lucca e in Valle del Serchio: sbloccare le assunzioni a tempo indeterminato”

-

LUCCA – “Servono almeno 30 infermieri e 15 operatori sociosanitari tra presidi ospedalieri e territoriali tra Lucca e la Valle del Serchio: tutti i settori sono in sofferenza, tra ferie sospese, malattie non sostituite e continuo ricorso a straordinari e reperibilità. Le rassicurazioni fornite dall’Azienda sanitaria sono del tutto insufficienti”. Con queste parole il Nursind, sindacato autonomo degli infermieri, torna sulla questione della carenza di organico nell’Asl Nord Ovest, dopo i numeri forniti dagli stessi vertici aziendali.

“Ventotto infermieri assunti in 2 anni, come la stessa Asl Nord Ovest ha documentato – dichiarano Teresa Porta e Roberto Pasquinelli della segreteria provinciale Nursind di Lucca – non possono essere sufficienti a coprire il fabbisogno di organico, né tantomeno a fare fronte a turn over e pensionamenti. E’ necessario subito sbloccare le assunzioni a tempo indeterminato, attingendo dalla graduatoria ancora in essere”.

“La situazione è drammatica a causa del picco di accessi al pronto soccorso per malattie stagionali – continua il sindacato – che accentua la perdurante carenza di personale. Le lunghe assenze come gravidanze e aspettative non vengono sostituite. L’Azienda sanitaria è orientata ad assumere personale a tempo determinato, ma in numero insufficiente e in palese ritardo, mentre la mobilità interaziendale non viene attivata”.

“A rendere il clima ancora più teso ci si mettono continui e inspiegabili errori in busta paga, tra indennità non pagate e presenze mancanti. Senza contare l’inserimento continuo di nuove norme e disposizioni aziendali senza una opportuna informazione capillare preventiva”, proseguono Porta e Pasquinelli.

“Ogni processo di riorganizzazione porta a una riduzione del personale in organico o un aggravio nelle mansioni degli infermieri: è necessario procedere subito a nuove assunzioni a tempo indeterminato – conclude il Nursind – se vogliamo evitare un incremento del rischio clinico”.

 

Tag: , , , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*