Cronaca

- di Redazione

Bambini, mai più gastroenteriti: per prevenirle basta un vaccino

Se ne parla poco ma è una malattia che colpisce quasi tutti i bambini entro i 5 anni. Tanto che nei paesi occidentali rimane tuttora la prima causa di ospedalizzazione dei più piccoli. E’ la gastroenterite da rotavirus e si manifesta con episodi di diarrea severa e vomito che, nei casi più gravi, possono portare il bambino alla disidratazione. In Italia colpisce oltre 400.000 bambini, originando 80.000 visite ambulatoriali, più di 10.000 ricoveri ospedalieri per una spesa sanitaria pari a circa 60 milioni di euro all’anno, a cui vanno sommati i costi indiretti, ossia quelli dovuti alla perdita di giorni di lavoro per i genitori dei bambini ammalati. “E’ un problema non di poco conto – afferma Alberto Tomasi, direttore del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda USL 2 di Lucca – soprattutto per i piccoli pazienti, visto che l’incidenza maggiore si registra tra i 6 mesi e i 2 anni, ma anche sociale, con costi economici importanti legati alla patologia”. Solo…

- di Redazione

Parte il mercatino by night

E’ in fase di decollo il tradizionale mercatino sotto le stelle barghigiano che ogni anno attira molte persone provenienti da tutta la zona, specialmente turisti. Quest’anno il mercatino inizierà la sera di mercoledì 6 luglio e proseguirà i mercoledì 13, 20, 27 dello stesso mese con una probabile serata extra nel mese di agosto. Il tutto si svolgerà presso le vie di Barga giardino: via Mordini, via del Giardino, via Roma, via Canipaia.Saranno presenti una sessantina di espositori che si aggiungeranno ai negozi che saranno aperti fino alle 24.Non mancheranno anche iniziative collaterali: in piazza San Rocco la Misericordia del Barghigiano proporrà  crepes a non finire mentre in via Mordini, dopo l’enorme successo riscontrato nell’anno passato, si terrà la seconda edizione della “Bisteccata”, organizzata dall’associazione sportiva ASD Sacro Cuore. Non è finita: in via del Giardino l’associazione “Perché la tradizione ritorni”, proporrà una selezione di foto di Barga d’altri tempi abbinata ad una degustazione di sangria.Insomma, una festa ben organizzata,…

- di Redazione

Una bambina investita questa mattina a Ponte all’Ania

Una bambina rumena di 9 anni residente a Ponte all’Ania in loc. La Quercia, è stata investita da un ‘auto questa mattina al confine tra il comune di Barga e quello di Coreglia. L’incidente è avvenuto sulla SR 445 all’altezza dell’imbocco della vecchia strada pedonale che conduce da Piano di Coreglia a Ponte all’Ania, nei pressi della curva che immette sul ponte del paese di Ponte all’Ania.Tutto è successo attorno alle 8. Non sono ancora chiare le dinamiche dell’incidente, ma stando ad una prima ricostruzione dei fatti la bimba stava scendendo dalla strada pedonale  e si è immessa di corsa sulla carreggiata senza prestare attenzione. In quel momento stava sopraggiungendo in direzione Fornaci di Barga una Matiz condotta da un uomo di Bagni di Lucca e la bambina è probabile che abbia urtato  sulla fiancata destra della vettura. Comunque sia, l’auto per fortuna stava procedendo a velocità non sostenuta e questo ha sicuramente impedito conseguenze più serie.La bimba al momento dell’incidente…

- di Redazione

Fornaci in…canto adesso online

Fornaci in… Canto, il Concorso Musicale Nazionale più fornacino che c’è, dagli scorsi giorni è finalmente presente anche sul web con uno spazio tutto suo (http://fornacincanto.com), dove è possibile consultare il bando, trovare contatti, vedere date e luoghi del concorso, ma anche farsi un idea delle passate edizioni grazie ai molti contenuti video e di immagini.Poche settimane fa la presentazione del regolamento per questa terza edizione, che si preannuncia ancora più ricca nei premi, dato che da quest’anno, in palio per i vincitori delle categorie ammesse (giovanissimi, band e solisti) ci saranno borse di studio per un totale di 2000 euro. Come sempre le due “anime” del concorso sono Venti d’Arte e la Scuola Musica Barga, che hanno trovato nel Comune di Barga, nelle Comunità Montane Media Valle del Serchio e Garfagnana, nella Provincia di Lucca, nella Regione Toscana ed in altri partner dei validi alleati per promuovere una’attività rivolta ai giovani che sia non solo educativa ma anche costruttiva…

- di Stefano Elmi

Le valli valdesi della Toscana

Fu Giorgio Spini che iniziò a chiamarle ‘Le Valli Valdesi della Toscana’, come le ben più grandi, sia per estensione che per popolazione, valli piemontesi. Il professor Spini vi trovò rifugio nel periodo della guerra, e successivamente, nel dopoguerra, furono molti i suoi soggiorni estivi col figlio Valdo e tutta la sua famiglia. Renaio, Tiglio e  Piastroso sono oggi rispettivamente le frazioni montane dei comuni di Barga e Coreglia Antelminelli, divise dai torrenti Ania, Loppora e Corsonna dall’altro lato. Erano i centri più importanti dove vivevano molte famiglie valdesi. La presenza documentata lungo queste valli risale al 1879. In quell’anno alcune famiglie, soprattutto di figurinai di origine lucchese, di ritorno dalla Francia decisero di stabilirsi su queste montagne. A seguire anche altre famiglie di emigranti di ritorno dal Regno Unito, in particolar modo dalle miniere del Galles, si stabilirono fra queste montagne. In entrambi i casi tutti questi nuclei familiari erano entrati in contatto con la realtà protestante di quelle…

- di Redazione

“Costruire sicurezza” a Borgo un convegno con il sindacato di polizia

Il commosso ricordo di Nicola Giannecchini  ha aperto, ieri, il Convegno “Costruire sicurezza”  organizzato dal Sindacato della Polizia di Stato Consap  sul tema “Sicurezza Stradale e infrastrutture: un binomio imprescindibile”. Quello di ieri mattina è stato il secondo appuntamento nel comune di Borgo a Mozzano con il patrocinio e il supporto dell’amministrazione comunale, nei giorni della festa dell’Azalea, dopo il riuscito evento del 2009 fortemente voluto da Giannecchini alla cui famiglia è stata donata una targa ricordo.  “Il nostro obbiettivo- hanno affermato Indro Marchi e Gianluca Pantaleoni del Consap- è stato quello di illustrare i comportamenti più a rischio e che con maggiore frequenza mettono in pericolo la sicurezza stradale, la legislazione che attualmente regola e punisce tali comportamenti, gli effetti che fisicamente si subiscono assumendo droga o alcol mettendosi alla guida, le attività di prevenzione, informazione ed educazione stradale che vengono realizzate, i danni causati dall’incidentalità stradale e il percorso che le Amministrazioni stanno compiendo per ridurne l’entità, la…

- di Redazione

Barghigiani in visita alla St. Andrew Cathedral in Glasgow

Un gruppo di dodici persone, fra cui anche il proposto di Barga don Stefano Serafini e don Salvatore, sono partiti da Barga per la Scozia, su invito dell’Arcivescovo di Glasgow Mario Conti, in occasione della riapertura, dopo un periodo di restauro, della Cattedrale di St. Andrew a Glasgow.Le celebrazioni sono iniziate sabato 9 aprile con i Vespri Solenni presieduti dall’Arcivescovo Conti e a cui erano presenti anche, personalità rappresentanti di altre Chiese Cristiane in vero spirito ecumenico.Domenica 10 aprile è stata celebrata la Messa Solenne con la dedicazione dell’altare presieduta sempre dall’Arcivescovo Conti e a cui hanno preso parte, per evidenziare l’importanza dell’evento e il particolare legame dell’Arcidiocesi di Glasgow, con la Chiesa Cattolica Romana (“Specialis filia Romanae Ecclesiae” recita il motto della stessa, riprodotto su un mosaico all’ingresso della cattedrale, opera di artisti palestinesi di Betlemme), il Nunzio Apostolico per la Gran Bretagna mons. Antonio Mennini e il cardinale Patrick O’Brien, Arcivescovo di Edimburgo e presidente della Conferenza Episcopale…

- di Redazione

Fumo: nuovi scenari nella lotta alla dipendenza

E’ stato scoperto e identificato il meccanismo che ci induce alla dipendenza da nicotina: dipende da una differenza genetica. Il risultato dello studio è opera dei ricercatori dello Scripps Research Institute di La Jolla (California). In Italia fumano più di 14 milioni di persone di cui almeno 5 milioni sono donne Una mutazione genetica del recettore per la nicotina rende i soggetti portatori più vulnerabili al consumo di sigarette. Il risultato dello studio, opera dei ricercatori dello Scripps Research Institute di La Jolla (California), è stato da poco pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature. I dati ottenuti potrebbero ora aprire nuovi interessanti scenari nella lotta alla dipendenza da fumo. L’effetto della nicotina si esplica attraverso il suo legame con il recettore nicotinico, una struttura composta da 5 differenti sub-unità. Una di queste, l’alfa-5, è stata oggetto dello studio dei ricercatori statunitensi. Dalle analisi effettuate in modelli animali è emerso che, la presenza di una mutazione che non consente la corretta espressione…

- di Redazione

Previsioni settimanali sino a Pasqua: tanto sole e più caldo

L’alta pressione pare intenzionata a fare sul serio. Dopo essersi concessa una breve vacanza ed aver lasciato campo libero all’aria fredda da nord est, che ha causato un netto calo delle temperature ed un po di pioggia tra giovedi e la prima parte di venerdi, riprenderà prepotentemente il controllo della situazione, rinforzandosi ogni giorno che passa e riportando, in concomitanza del Venerdì Santo, anche un po’ di caldo. La natura potrà così proseguire il suo risveglio dal torpore invernale regalandoci scorci fantastici come in questa foto di Daniela Marchi. Come in un grande risiko le forze in campo sono cosi disposte: ad ovest del Portogallo agisce una vasta zona depressionaria che determina la risalita di un corridoio di alta pressione, che si estende dall’Africa sino all’Inghilterra ed alle zone più meridionali della Svezia ma che abbraccia praticamente tutto il Continente. La situazione resterà immutata nei prossimi giorni. Sino a che la “falla” portoghese agirà in quella posizione l’Italia, e gran…

- di Redazione

Viva l’Italia di Aldo Cazzullo

Ormai lo sappiamo tutti, il 17 marzo 2011 l’Italia ha festeggiato il 150° anniversario della propria Unità. In questi mesi indubbiamente, tartassati dai mass media, nella parvenza di un rigurgito patriottico, ci siamo riempiti la bocca e le orecchie della parola “Italia”. Presunta divulgazione tramite programmi televisivi, rispolvero dei manuali di storia risorgimentale, sconfortanti polemiche parlamentari, inno di Mameli a go go. Ma, si domanda il giornalista Aldo Cazzullo, nella realtà in cui viviamo cosa significano queste semplici parole: “Viva l’Italia”? Non rischiano di questi tempi di ridursi a un mero slogan da stadio, proclamato solo in occasione della gara calcistica di turno? Eppure, in un’epoca neppure troppo lontana, queste parole erano una vera e propria bandiera, un credo irrinunciabile, un proclama orgoglioso della propria identità. In appena un secolo e mezzo di vita quanti giovani, tra le file dei patrioti risorgimentali, nelle trincee, uniti ai partigiani sulle montagne, si sono sacrificati per la nazione con quel grido sulle labbra?Oggi…

- di Redazione

La Tac spirale salva la vita

Scoprire la malattia in fase iniziale è fondamentale per la sopravvivenza dei malati, ma serve esperienza per limitare inutili catene di controlli, costi e ansieLa diagnosi precoce con Tac spirale riduce del 20 per cento il numero di decessi per tumore del polmone nei forti fumatori e negli ex fumatori. Lo hanno mostrato chiaramente i risultati dello studio National Lung Screening, avviato nel 2002 dal National Cancer Institute statunitense e sospeso lo scorso novembre 2010 per gli evidenti benefici registrati sui 53.500 tabagisti o ex tabagisti partecipanti. Per ora l’esame in Italia non è coperto dal Sistema sanitario nazionale e costa circa 200 euro. Il dibattito nella comunità scientifica ferve: bisogna prevedere campagne di screening sulla popolazione sana per favorire l’eventuale neoplasia in fase iniziale? Bisogna coinvolgere solo chi ha fumato molto o tuttora fuma? Certo è che scoprire la malattia quando è ancora di pochi millimetri e non dà segno di sé per i pazienti con questa aggressiva forma di cancro…

- di Redazione

Instabilità pomeridiana in agguato

L’Italia è terra di nessuno. L’alta pressione si è ritirata, si è distesa molto più a nord tra Inghilterra e Russia portando tempo buono e temperature tardo primaverili e lasciando il nostro Paese in quella che in gergo è chiamata “palude barica”: i valori di pressione sono troppo bassi per garantire il sole e la stabilità ma, allo stesso tempo sono troppo alti per un peggioramento organizzato del tempo. Il risultato lo abbiamo visto chiaramente nella giornata appena trascorsa: cielo sereno al mattino, serata e notte, nubi in aumento al pomeriggio con possibilità di locali rovesci o temporali, sopratutto in appennino (nella foto di Daniela Marchi un bellissimo scorcio di Barga). Inizia quindi il festival dell’instabilità pomeridiana che ci terrà compagnia per tutta la settimana e che andrà accentuandosi a partire da giovedì. Difficile localizzare esattamente dove colpiranno i rovesci e, quindi, dove avremo precipitazioni che colpiranno a “macchia di leopardo” ed in modo improvviso ma non disperate, anche questa…