Maltempo media valle del Serchio, stamani sopralluogo regionale sui luoghi colpiti

-

BARGA – Un sopralluogo in Media valle del Serchio sui punti più colpiti dal nubifragio della settimana scorsa: lo hanno compiuto questa mattina gli assessori regionali all’agricoltura (Marco Remaschi) e all’ambiente (Federica Fratoni) insieme all’Unione dei comuni. La notizia alla fine della giornata è che gli assessori regionali hanno ribadito l’impegno ad emanare nella giunta della prossima settimana lo stato di emergenza regionale, necessaria per attivare aiuti concreti da parte della Regione.”E’ necessario rimarginare rapidamente, con il pieno sostegno della Regione, queste ferite”, ha detto Remaschi mentre la Fratoni ha aggiunto di essere rimasta colpita dal danno del maltempo: “Abbiamo quindi fatto una ricognizione degli interventi in somma urgenza che i Comuni e il Consorzio Toscana Nord di bonifica hanno attivato e per i quali la Regione sta lavorando per dare le coperture economiche”.

I sopralluoghi sono iniziati nel comune di Coreglia e poi proseguiti prima a Barga dove sono state visionati alcuni danni sulla strada di Tiglio, i danni al Rio Fontanamaggio e quelli della frana di Fornioni nella montagna; forse uno dei danni di maggiore entità tra quelli verificatisi nel comune dove comunque, dopo questa ondata di maltempo, ha dimostrato tutta la sua fragilità il sistema di raccolta del reticolo idraulico minore che ha bisogno quindi di interventi di ripristino e miglioramento.

Per Barga erano presenti la sindaca Caterina Campani e l’assessore ai lavori pubblici Pietro Onesti che hanno sottolineato una situazione delicata sul territorio come delicato diventa anche l’intervento economico.

A quanto sembra dai primi rilievi statistici, un evento eccezionale di tale portata non si era verificato nel comune negli ultimi duecento anni, ma in tal senso sono in corso ulteriori studi ed approfondimenti.

Per Barga in quanto a danni comunali, si parla di alcuni milioni di euro, mentre sempre nel comune i danni subiti alla rete fognaria e dell’acquedotto di Gaia sono stati per 900 mila euro; il consorzio di Bonifica ha già attivato sul territorio interventi per 170 mila euro di somme urgenze.,

E’ stato ribadito dai rappresentanti del comune, nell’immediata emergenza, l’impegno a cercare il prima possibile di riaprire le strade, che infatti nel giro di 12 ore erano state quasi tutte riaperte; resta ancora ancora la problematica situazione della frana di Fornioni dove l’intervento per riaprire il collegamento sarà più lungo.

La visita è proseguita anche sui danni presenti nei territori di Gallicano e Fabbriche di Vergemoli

Era presente al sopralluogo, oltre agli esponenti di Gaia e del Consorzio di Bonifica con il suo presidente Ismaele Ridolfi, anche il presidente dell’Unione dei Comuni Patrizio Andreuccetti: “I sopralluoghi effettuati stamani mattina nei luoghi colpiti dall’alluvione della scorsa settimana – ha commentato – sono stati essenziali per prendere coscienza dei danni causati dalla pioggia”.

Andreuccetti confida molto nel sostegno economico della Regione Toscana.

Tag: , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*