La UILM al neo sindaco Campani: “Riaprire il dialogo su KME e futuro dei lavoratori”

-

BARGA – Così chiede la UILM che con il segretario della Area Nord Toscana, Giacomo Saisi dice: “I lavoratori sono stati trascurati da troppo tempo. Occorre un tavolo di confronto con le istituzioni per ritrovare un clima più sereno”. Per Saisi c’è da ricucire i rapporti e ritrovare una unità di intenti che è andata persa soprattutto durante una campagna elettorale molto tesa.

“Buon lavoro al nuovo sindaco del Comune di Barga, Caterina Campani, a tutta la sua squadra e anche ai consiglieri di opposizione – scrive in particolare Saisi – Per tutti loro, una delle priorità da affrontare seriamente nei prossimi mesi sarà la vicenda della Kme e auspichiamo che ci sia un riavvicinamento ai lavoratori dello stabilimento di Barga, da troppo tempo trascurati dalle istituzioni, e una riapertura al dialogo e al confronto con le organizzazioni sindacali sui temi che riguardano il lavoro”.

Da troppo tempo, inclusa tutta la campagna elettorale, la  discussione si è incentrata solo ed esclusivamente sul nuovo progetto di autoproduzione di energia elettrica,  con tutte le forze politiche  impegnate a scannarsi su questo tema  mettendo in secondo piano i problemi inerenti al lavoro e ai lavoratori – prosegue Saisi -. Problemi che non si sono però risolti da soli: ancora oggi in Kme si fa un uso massiccio di ricorso alla Cassa Integrazione, i giorni di adattamento sono aumentati rispetto all’anno precedente e ci sono ancora 53 persone al massimo degli ammortizzatori sociali. L’obbiettivo comune non deve essere solo quello di avere un ulteriore proroga della cassa integrazione, ( che resta di vitale importanza) ma quello di ricreare i presupposti perché l’azienda torni a crescere e a investire a Fornaci di Barga. Kme  non è solo il Pirogassificatore  ma è soprattutto un industria metalmeccanica che occupa 600 lavoratori più un nutrito indotto che vivono grazie agli emolumenti aziendali”. L’obiettivo della Uilm è lavorare tutti insieme per cercare di garantire un futuro roseo a tutti i dipendenti e a un intero territorio.  “Dobbiamo collaborare non solo per salvare gli attuali livelli occupazionali  ma soprattutto per  far tornare la più importante azienda del comune  a creare nuova occupazione crescita e sviluppo in tutta la valle – conclude il segretario -. Chiediamo alla nuova amministrazione di assumersi  l’impegno di aprire un tavolo di confronto tra il Comune di Barga, le istituzioni  del territorio, le organizzazioni sindacali e i Rappresentanti dei lavoratori al fine di ritrovare un clima più sereno e affrontare insieme le sfide che ci attendono nei prossimi anni”.

Tag: , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*