Tag: kme

- di Redazione

Proroga KME per osservazioni su gassificatore: La Libellula: “La Regione prende atto”

FORNACI – A proposito della proroga ulteriore richiesta da KME per presentare le proprie osservazioni al preavviso di diniego della conferenza die servizi sul pirogassificatore, prorioga richiesta al 30 giugno 2021, dopo la pubblicazione della “presa d’atto” da parte degli uffici regionali competenti ed apparsa in questi giorni sulle documentazioni del procedimento in corso per il pirogassificatore, dal movimento La Libellula riceviamo e pubblichiamo.   “E’ Natale e a Natale siamo tutti buoni, per cui una proroga non si nega a nessuno; avrà pensato così l’Ing. Claudio Pinassi nel richiedere l’ennesimo rinvio per presentare le osservazioni al preavviso di diniego al progetto del pirogassificatore; rinvio richiesto addirittura fino al 30 giugno del 2021; in poche parole, si chiede di allungare il brodo di altri sei mesi. Ripercorrendo le tappe di questo procedimento infinito, tutti ricorderanno che il progetto KME fu presentato in Regione nell’ottobre del 2018, da cui poi il termine per la presentazione delle osservazioni (aprile 2019) e l’ulteriore termine massimo di 6 mesi concesso…

- di Redazione

Progetto Comune: “Lo stato dei locali del cimitero di Loppia? Ancora peggio…”

LOPPIA- Non ci sta Progetto Comune che dopo la replica del comune di Barga torna alla carica sulla questione dei locali del cimitero di Loppia. “In merito alla replica dell’Amministrazione sulla stato dei locali del cimitero di Loppia in relazione alle nostre foto, una cosa è vera, e cioè che le “foto non siano rispondenti allo stato attuale dei locali”, infatti lo stato attuale è molto peggio rispetto a quello documentato dalle precedenti foto le quali mettono (giustamente) in cattiva luce l’Amministrazione Comunale, che per anni ha trascurato quei locali che ora si trovano nelle attuali condizioni di degrado. Non mettono in cattiva luce invece gli operai di KME, i quali sono stati costretti ad andare in quei locali. Forse volutamente il Comune non riporta che a quel citato sopralluogo presso il cimitero di Loppia erano presenti anche il capogruppo di minoranza ed il Consigliere Salvoni, non invitati da alcuno e presenti sul posto per puro caso per constatare la…

- di Redazione

Degrado locali cimitero di Loppia. L’Amministrazione: “Foto non veritiere, non rispondenti allo stato attuale dei locali”

“Foto non veritiere, non rispondenti allo stato attuale dei locali; che mettono in cattiva luce, ingiustamente, non solo l’Amministrazione Comunale di Barga, ma, soprattutto gli stessi operai di KME che utilizzano, ad uso esclusivo quei locali e che invece li tengono in modo corretto ed ordinato” Così replica l’amministrazione comunale di Barga all’intervento dei giorni scorsi del gruppo consiliare di opposizione Progetto Comune, in merito allo stato di alcuni locali del cimitero di Loppia. “Nel mese di luglio scorso, dopo la ripresa della convenzione per la cura del verde pubblico da parte degli operai di KME, sospesa nei mesi precedenti a causa del lockdown, si è presentata l’esigenza di allestire spazi ad uso esclusivo per i dipendenti dell’azienda impegnati nel servizio e tali spazi sono stati appunto individuati nei locali messi a disposizione al cimitero comunale di Loppia – spiega il Comune di Barga –  Qui a loro, ad uso esclusivo, e vogliamo ripeterlo, è stato riservato l’utilizzo di un…

- di Redazione

FIOM: “I problemi di KME vanno indietro di lustri e non sono solo crisi dell’ultimo anno”

Rilanciano, dopo la replica di KME ieri, Massimo Braccino, coordinatore nazionale FIOM del Gruppo KME ed il segretario provinciale Mauro Rossi. Per i due sindacalisti, che oggi tornano ad intervenire sulla stampa, i problemi della Kme non sono determinati dalla crisi dell’ultimo anno, ma da lustri, anche perché, scrivono altrimenti non si spiegherebbe il continuo utilizzo degli ammortizzatori sociali per la gran parte dei lavoratori del gruppo (circa 10 anni) e la conseguente diminuzione dello stipendio: “I lavoratori Kme sono anni che hanno lo stipendio decurtato e gli accordi sindacali sono spesso disattesi. . Vi sono poi una parte di lavoratori Kme a Fornaci di Barga che sono ai massimali della cassa integrazione; dovevano lavorare almeno otto giorni al mese, ma non ci risulta che questo avvenga”. Braccini e Rossi stigmatizzano poi il comunicato di KME: “Questa concezione aziendale di tentare di ridicolizzare tutti quelli che intervengono sul precario andamento dell’azienda denota una mancanza di un piano industriale concreto e…

- di Redazione

Botta e risposta tra Fiom CGIL e KME; la polemica si accende

Nei giorni scorsi Massimo Braccini, coordinatore nazionale FIOM Gruppo KME e Mauro Rossi, segretario generale della FIOM di Lucca lanciavano un grido di allarme sulla situazione del settore delle Lingottiere.   “Un ramo d’impresa di alto valore aggiunto, dove assistiamo ad una evoluzione lavorativa altalenante, tra scarsa produzione e improvvisi carichi di lavoro – scrivevano. Rossi e Braccini aggiungevano che dopo la cessione di importanti rami d’impresa, non vorrebbero che ci si trovasse di fronte ad altre alienazioni che potrebbero tendere a ridurre ulteriormente il perimetro del gruppo Kme a Fornaci di Barga. Secondo i due sindacalisti di passaggio in passaggio, la Kme nel corso degli anni ha ridotto il perimetro delle produzioni; la fase ora è resa delicata dalla pandemia, ma secondo la FIOM lo era già prima. Per Braccini e Rossi si rende necessario su questi temi un confronto con la direzione aziendale. Legittima, ha risposto in questi giorni KME,   la richiesta di un confronto con la direzione,…

- di Redazione

KME a FIOM: “Bizzarra la strada del comunicato stampa per chiedere incontro all’azienda”

FORNACI – “Non sappiamo se sia una necessità fisiologica o il bisogno di far sapere di esistere, ma ancora una volta, con cadenza ormai trimestrale, i vertici locali della Fiom, hanno scelto di far proclami e richieste all’azienda usando gli organi d’informazione. Nel merito, c’è la richiesta di un confronto con la direzione aziendale. Il che è assolutamente legittimo, facciamo però notare che è bizzarra la strada del comunicato stampa invece della solita richiesta alla direzione risorse umane, tanto più che fino ad oggi tutte le richieste d’incontro sono state accolte prontamente, spesso prevenute. Ma fare una richiesta all’interlocutore è così noioso, meglio una “grida” sui giornali, meno efficace per le relazioni industriali ma più creativo.” Così l’azienda KME in merito alla presa di posizione dei giorni scorsi di Massimo Braccini, coordinatore nazionale FIOM Gruppo KME e Mauro Rossi, segretario generale della FIOM di Lucca “L’altro allarme lanciato dal Braccini è quello relativo “all’andamento altalenante della produzione del settore lingottiere”.…

- 1 di Redazione

Torna ad infiammarsi la vicenda di Casa del Buglia

Il Comune di Barga ha di nuovo inviato all’azienda un’ordinanza in cui si impone a KME la ricostruzione fedele dell’antico manufatto; pena, passati 90 giorni di tempo, l’acquisizione coatta dell’area.   Area di notevole importanza perché qui, in parte, dovrebbe sorgere secondo il progetto di KME, il futuro gassificatore. La vicenda risale al luglio 2019 quando il Comune emise la prima ordinanza che imponeva di ricostruire fedelmente il fabbricato ed altri manufatti limitrofi; il comune sosteneva che fossero stati demoliti in assenza di autorizzazioni; KME di avere solo rimosso le macerie dio fabbricati fatiscenti che erano definitivamente crollarti a causa del maltempo dell’ottobre 2018. Nel frattempo nella vicenda ci si è messo il ricorso di KME al TAR della Toscana; ricorso che però, per la parte riguardante proprio Casa del Buglia, il TAR aveva respinto nel giugno 2020. In realtà KME ha sempre interpretato in chiave diversa quella sentenza e, come aveva affermato nei mesi scorsi anche lo stesso AD…

- di Redazione

FIOM: “Kme, strano andamento nel settore Speciali”

FORNACI – “Di passaggio in passaggio, la Kme nel corso degli anni ha ridotto il perimetro delle produzioni. La fase é sicuramente delicata e lo era già prima della pandemia, ma da qualche settimana stiamo notando un andamento diverso, in particolare modo nel settore delle Lingottiere, gli speciali, un ramo d’impresa di alto valore aggiunto, dove assistiamo ad una evoluzione lavorativa altalenante, tra scarsa produzione e improvvisi carichi di lavoro.” Così Massimo Braccini, coordinatore naziuonale FIOM Gruppo KME e Mauro Rossi, segretario generale della FIOM di Lucca che proseguono: “Dopo la cessione di importanti rami d’impresa, non vorremmo trovarci di fronte ad altre alienazioni che potrebbero tendere a ridurre ulteriormente il perimetro del gruppo Kme a Fornaci di Barga ed in Italia. Siamo di fronte ad un gruppo industriale in affanno da anni e i lavoratori ne stanno pagando un caro prezzo, passando dall’utilizzo di un ammortizzatore sociale ad un altro. Abbiamo sempre fatto importanti accordi sindacali per tentare di…

- di Redazione

La questione invariante ambientale e KME. Il Comune impugna la sentenza del TAR

BARGA . Così come annunciato nelle settimane scorse, il comune di Barga ha deciso di fare ricorso al consiglio di stato contro la sentenza emessa dal TAR lo scorso 28 settembre, riguardante la questione della invariante ambientale sui terreni di KME.  Sentenza che aveva dato ragione all’azienda circa la presenza sui terreni che dovrebbero essere interessati anche dal pirogassiificatore, di una invariante strutturale di tipo industriale e non ambientale come aveva certificato il comune con la delibera di interpretazione autentica assunta nell’aprile del 2019. Delibera che è stata appunto annullata dalla sentenza del tribunale amministrativo toscano. La deliberazione della giunta per la presentazione del ricorso in appello avverso la sentenza del TAR Toscana, è del 6 ottobre scorso. La delibera riporta appunto la decisione di  impugnare presso il Consiglio di Stato la sentenza del TAR Toscana N . 1124/2020  pubblicata in data 28 settembre . Nel documento si da incarico di rappresentare e difendere il comune all’ Avv. Giuseppe Toscano…

- di Redazione

Elezioni RSU in KME, trionfa la UILM

FORNACI – Grande successo per la Uilm area nord Toscana che si conferma il primo sindacato all’interno dello stabilimento Kme Italy  di Fornaci di Barga e, al tempo stesso, lo diventa anche all’Europa Metalli  Moulds ribaltando gli equilibri precedenti. Le elezioni per il rinnovo della Rappresentanza sindacale unitaria del sito fornacino si sono svolte dal 6 all’8 ottobre e la Uilm ha conquistato il 59,75% dei consensi risultando così l’organizzazione sindacale più  votata. I risultati delle elezioni in KME Italy hanno visto 249 voti alla lista UILM, di cui 198 nel collegio operai e 51 in quello impiegati con 4 Rsu elette, 3 tra gli operai . Il delegato più votato è stato Stefano Tortelli con  69 preferenze, a seguire Stefano Bertolini 52  voti e Mauro Maier 39 voti . Nel collegio   impiegati è risultato eletto  Luca Bonomini con 51 voti. Per quanto riguarda gli altri sindacati: lista Fiom Cgil 139 voti con 2 delegati eletti Emilio Cecchini e Giannotti…

- 1 di Redazione

La decisione del TAR su delibera comunale. Il comune impugnerà la sentenza

BARGA – Il Comune di Barga, in merito alla sentenza del TAR Toscana sul ricorso presentato da KME avverso la propria delibera di Consiglio Comunale dell’aprile 2019,  ha inviato oggi un proprio comunicato stampa dove fa le seguenti prtcisazioni:   il Comune di Barga è intervenuto con una interpretazione autentica del proprio strumento urbanistico a fronte di una specifica richiesta di Regione Toscana, in assenza  di una precisa definizione normativa della valenza delle  invarianti, deliberando, secondo il TAR, in  una materia di non  sua competenza. Di fatto la valenza delle invarianti è questione riferibile alla diversa normativa della Regione Toscana in materia non urbanistica ma di trattamento dei rifiuti, che prevede l’impossibilità di realizzare inceneritori o co-inceneritori in aree ricadenti  in invarianti strutturali, per l’appunto di valenza ambientale. Resta comunque da specificare come il TAR in questa sentenza,  si sia riconosciuto  il compito  di definire “un’invariante ambientale”, materia di esclusiva competenza della Regione Toscana , peraltro quando la Regione stessa …

- di Redazione

Invariante strutturale ambientale. Kme: “Il TAR ci da ragione”

KME rende noto che il TAR della Toscana ha accolto il ricorso dell’azienda Icontro la delibera del Comune di Barga assunta nell’aprile. 2019, che imponeva una invariante strutturale ambientale all’interno del perimetro dello storico stabilimento metallurgico (nell’area dove è prevista realizzazione di un impianto di autoproduzione di elettricità, il pirogassificatore ). “Il TAR toscano non solo – sottolinea KME – riconosce l’assenza di invariante strutturale ambientale ma riconosce l’importanza strategica che riveste lo stabilimento di KME per l’economia toscana.