Artefici del nostro avvenire

-

BARGA – Ormai ci siamo. Questa domenica 26 maggio sarà il giorno in cui i cittadini del comune di Barga decideranno il loro futuro, amministrativamente parlando, per i prossimi cinque anni. Questa domenica sarà il giorno delle elezioni europee, ma da noi quello che più importa è che sarà il giorno delle elezioni comunali per eleggere sindaco e nuovo consiglio comunale.

Tutta la campagna elettorale, a volte anche animata e con tensione e parole al vetriolo, si è svolta proprio sulla questione comune di Barga, con in testa la vicenda gassificatore, ma non solo. In tutte le nostre frazioni da più di un mese a questa parte, non si parla d’altro che di chi sarà il nuovo sindaco, di chi vincerà e di chi perderà, di quello che ci vuole o non ci vuole per il nostro comune.

A giocarsi la poltrona di primo cittadino di Barga, sono in quattro: l’attuale vice sindaco Caterina Campani. Campani, sostenuta da una lista civica con appoggio del centro sinistra (PD e Rifondazione); Simone Simonini sostenuto da una lista civica con appoggio di Lega e Forza Italia; della partita anche il consigliere comunale uscente Luca Mastronaldi con una lista civica che ha anche l’appoggio di Fratelli d’Italia; Francesco Feniello, ex presidente dell’ASBUC di Barga, a capo di una lista civica.

Dunque le liste saranno quattro: Lista Civica Progetto comune Feniello sindaco;  Prima Barga Simonini Sindaco; Lista del Cuore No al pirogassificatore Mastronaldi Sindaco; ViviAMO Barga Caterina Campani Sindaco

Ieri sera a Barga, prima Francesco Feniello al Bar Roma in piazza Matteotti, poi Simone Simonini al Caffè Capretz e Caterina Campani in piazza Angelio all’Osteria ed infine Luca Mastronaldi al Deja Vù caffè di Fornaci, in un incontro rilassato e con apericena in primo piano ed anche con la musica in alcuni casi, hanno pronunciato le loro ultime parole prima della chiusura della campagna elettorale, ringraziando innanzitutto la propria squadra ed i propri sostenitori.

Ora è il momento del voto e la parola passa agli elettori: artefici davvero anche tutti loro come poi lo sarà il nuovo sindaco, del nostro avvenire.

Chiudiamo auspicando come sempre la più matura e numerosa partecipazione possibile al voto. Tutti gli elettori sono chiamati ad esprimere il proprio senso civico scegliendo coloro che vogliono li rappresentino sia come sindaco che come consigliere comunale.

In ballo il futuro amministrativo del comune di Barga per i prossimi cinque, sicuramente difficili, visto il momento, anni.

Ai quattro aspiranti alla carica di sindaco, ai candidati al consiglio comunale il nostro in bocca al lupo.

 

 

PS

Prima di chiudere permetteteci una rettifica a quanto avevamo scritto presentando le elezioni sul numero di maggio del Giornale di Barga. Un nostro lettore ci ha fatto notare il nostro errore: Campani non è la prima donna a tentare di conquistare la poltrona di sindaco; prima di lei nel 1995 fu l’avv. Silvia Giannini a capo di una lista di centro. Questo per dovere di cronaca e di storia, scusandoci con l’interessata per l’involontaria dimenticanza.

Tag: ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*