Tag: giovanni pascoli

- di Redazione

A Barga Francesca Sensini ha raccontato il suo “Pascoli maledetto”

Giornata all’insegna di Giovanni Pascoli a Barga quella di sabato 9 ottobre. Oltre all’apertura della mostra #DantePOP di Sandra Rigali, il nostro poeta è stato protagonista di una bella presentazione nella sala conferenza della Fondazione Ricci, gremita da appassionati pascoliani e curiosi. A presentare il suo libro “Pascoli maledetto” (Melangolo edizioni) è stata la professoressa Francesca Sensini, docente di italianistica presso l’Université Côte d’Azur, accompagnata dallo scrittore Luca Cristiano. I due hanno raccontato con garbo, professionalità e passione un testo che ha già riscosso molto successo in ambito letterario, giungendo già alla terza ristampa nel giro di pochi mesi e ottenendo svariati riconoscimenti. La Sensini nella sua opera ripercorre la biografia pascoliana, proponendo di ricondurre il poeta alla temperie letteraria dell’epoca dei poeti maledetti, nell’ottica di una poesia assolutizzante non solo come produzione ma anche nella vita. Molti gli aspetti toccati, dalla fede anarchico socialista degli anni bolognesi, al ruolo delle sorelle, dal Pascoli poeta cosmico al Pascoli che ancora…

- di Redazione

Mercoledì con Michele Cucuzza e Pascoli all’ISI Barga

Mercoledì 29 settembre alle ore 10 nell’Aula Magna dell’ Istituto Superiore di Istruzione di Barga interverrà uno dei giornalisti italiani più conosciuti degli ultimi anni: Michele Cucuzza, ospite del 27° festival LuccAutori e della Fondazione Giovanni Pascoli, presenterà il suo libro dedicato a Steve Jobs (Curcio editore). L’autore ha voluto ricordare Jobs, una delle figure più iconiche del nostro tempo, a dieci anni dalla scomparsa, ripercorrendo il suo cammino di imprenditore, informatico e inventore, fra l’altro cofondatore di Apple, ma soprattutto sottolineandone la genialità. Steve Jobs era un uomo di business ma anche un innovatore, ed un visionario. Egli faceva davvero ciò che amava fare e con perseveranza (una delle virtù che più apprezzava negli altri) ha creato qualcosa che ha davvero rivoluzionato il mondo della tecnologia. Istintivo e competente parlava alle giovani generazioni ed è a loro che è dedicato questo lavoro. Nel suo intervento di fronte agli studenti Cucuzza non mancherà di ricordare la figura di Giovanni Pascoli,…

- di Pier Giuliano Cecchi

Dante e Pascoli in “Zvanì” di Vincenzo Placido              

È già da qualche tempo che ho letto il libro “Zvanì – Il fanciullino di Casa Pascoli” pubblicato nel 2020 da Tra le Righe Libri e scritto da Vincenzo Placido, che oggi non è più tra noi e alla sua memoria dedico questo mio articoletto che in parte lo ricorda, perché fu lui ad ispirarmelo, ricorda un momento di Pascoli e oggi 25 marzo che è il giorno dedicato a Dante, ricorda anche lui, uno dei suoi passaggi più importanti di una vita straordinariamente fuori dal comune, allora, anche da quello di Firenze. Un libro molto particolare, schietto, delicato, di non facile empatia per i soliti lettori che si soffermano al saputo del saputo e che non ci sia altro da lì in poi che il saputo. Pascoli non ha bisogno di difensori, perché gli fanno difesa le sue poesie italiane e latine, i suoi poemetti, ecc, ecc. Vero è, però, che il libro esce nelle mani del lettore molto…

- di Redazione

Con Chiara Lico, nel nome di Giovanni Pascoli, si chiude a Barga il festival LuccAutori

La cronaca come la poesia: chiavi di interpretazione dell’attualità. Molto denso di contenuti e partecipato l’intervento tenuto questa mattina dalla giornalista del Tg2 e scrittrice Chiara Lico di fronte agli studenti dell’ISI Barga, in numero ridotto a causa delle vigenti normative in materia Covid. L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Giovanni Pascoli, ha chiuso la XXVI edizione del festival letterario LuccAutori, ricalcando la concezione della contemporaneità delle tematiche pascoliane: Chiara Lico ha tracciato un affascinante e ricco percorso, partendo dai testi pascoliani dedicati all’emigrazione (Italy e La grande proletaria si è mossa), passando attraverso aspetti attualissimi della società, quali la riforma dei recenti decreti sicurezza, il coronavirus, i mutamenti della socialità. A chiusura, la giornalista ha presentato il suo libro “Il rischio”, scritto a partire dall’esperienza della cooperativa Il tappeto di Iqbal, che opera nel quartiere napoletano di Barra per riavvicinare alla scuola, attraverso l’arte circense, i ragazzi troppo spesso sfruttati dalla malavita. Ad introdurre, il Presidente onorario della Fondazione Maria Bruna…

- di Redazione

LuccAutori, Pascoli narratore dell’avvenire. Cronaca in versi dell’attualità con Chiara Lico

BARGA – Mercoledì 7 Ottobre alle 10 presso l’Aula Magna ISI di Barga è in programma l’incontro conclusivo del festival LuccAutori dal titolo: GIOVANNI PASCOLI, NARRATORE DELL’AVVENIRE. POESIA, CRONACA IN VERSI DELL’ATTUALITA’. La giornalista e scrittrice CHIARA LICO incontra gli studenti delle scuole superiori di secondo grado. Intervengono Maria Bruna Caproni, presidente onorario della Fondazione Giovanni Pascoli e Demetrio Brandi, presidente di LuccAutori. Con la partecipazione degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Chiara Lico parlerà del mondo di Pascoli visto attraverso gli occhi di una professionista della comunicazione. Farà anche accenno al suo libro “Il rischio” (Sinnos) dedicato agli adolescenti. È più pericoloso spacciare e fare rapine o mangiare il fuoco, andare sui trampoli, o camminare su un filo appeso in aria? Per cosa ci vuole più coraggio: rischiare di farsi ammazzare per una rapina o innamorarsi e rischiare il tutto per tutto per andarsene via da un sistema criminale e marcio? Ciro, Manolo, Principessa, Carmine, Ippolito e un…

- di Redazione

“Narratore dell’Avvenire”: un concorso scolastico nel nome di Giovanni Pascoli

Un concorso scolastico a livello nazionale, dedicato ai ragazzi delle scuole medie e superiori: è l’iniziativa nata dal docufilm “Narratore dell’Avvenire. Un film su Giovanni Pascoli poeta”, del regista Mauro Bartoli, coprodotto dalla Fondazione Giovanni Pascoli con il patrocinio del Comune di Barga. Sono i due poli pascoliani della Toscana e della Romagna a promuovere in sinergia un concorso che parte proprio dai contenuti del film, invitando gli studenti all’elaborazione di una sceneggiatura, di un componimento musicale (parole e musica) o di un prodotto video o multimediale. Sul blog dedicato al concorso, sarà possibile accedere alla visione del docufilm e ad alcune schede didattiche interattive appositamente predisposte, che vanno ad approfondire alcuni degli aspetti più attuali della poetica pascoliana. La classe vincitrice potrà visitare i luoghi pascoliani di Barga e San Mauro e vedere messo in scena il proprio progetto. Per maggiori informazioni è possibile consultare il blog del concorso.

- di Redazione

La vendemmia del “Flos Vineae”

CASTELVECCHIO PASCOLI – Settembre è il mese della vendemmia e non sfugge a questa attività ormai da diversi anni a questa parte, anche e la chiusa di Casa Pascoli dove dal  2014 si è tornati a produrre il Flos Vineae, vino pascoliano;  proprio come quello che lui stesso produceva nelle vigne del suo giardino. Oggi con quel nome si produce, in piccole quantità, grazie alla bella vigna di Casa Pascoli sia un vino rosso (merlot e sirah le uve) che un bianco che peraltro è frutto dei vitigni di Albana, tipici dell’area romagnola da cui proviene il Pascoli, che furono donati a Casa Pascoli dal comune di San Mauro di Romagna nel 2012 in occasione del centenario pascoliano. A pensare alla vendemmia, ed in verità a tutto quello che serve per tenere, curare, far crescere il vigneto di casa Pascoli, fino ad arrivare alla produzione finale del vino, ci pensa un gruppo di volontari castelvecchiesi, che si sono presi la…

- di Redazione

“Breus”. Una canzone popolare di Giovanni Pascoli

BARGA – “Breus”. Una canzone popolare di Giovanni Pascoli… Dalla letteratura bretone a quella italiana. Originale e interessante il tema della conferenza che il prof. Pietro Paolo Angelini terrà a Barga sabato 19 settembre, alle ore 16 presso la Fondazione Ricci in via Roma. La giornata è promossa dalla Fondazione Ricci e dalla Fondazione Pascoli, Cento Lumi, Sezione di Barga dell’Istituto Storico Lucchese, Unitre Barga e Comune di Barga. Il pomeriggio sarà accompagnato da intermezzi musicali a cura di Matteo Marcalli (corno).  

- 2 di Redazione

Premio di poesia Pascoli. Riattivato il bando. Scadenza il 31 dicembre 2020

BARGA – E’ uscito il bando della ottava edizione del Premio Nazionale di poesia “Giovanni Pascoli – L’Ora di Barga” organizzato e curato da Unitre Barga, Comune di Barga,  Proloco, Fondazione Giovanni Pascoli, Tra le Righe Editore con il patrocinio di ISI Barga e la Commissione Pari Opportunità. Il Comitato del Premio aveva deciso di rimandare l’uscita del Bando programmata per lo scorso marzo, in rispetto alla grave situazione COVID 19.  Ora, dopo mesi di attesa, ilè stato presentato il concorso, con una nuova scadenza per la presentazione dei lavori fissata al 31 dicembre 2020. Posticipata dunque anche la cerimonia, che solitamente si teneva in ottobre e che si terrà nell’aprile 2021 in abbinamento con altre ricorrenze pascoliane. Il bando si articola in 3 sezioni: Sezione A: Poesia Inedita a tema libero o ispirata ai seguenti temi pascoliani: Il Fanciullino – poesie dedicate all’infanzia; Mariù – poesie dedicate alla donna; Gulì – poesie dedicate agli animali; Caprona – poesie ispirate alla…

- di Redazione

Sul Fosso l’abbraccio a Pascoli ed al M.o Luigi Roni

BARGA – Per tanti motivi, la serata omaggio a Pascoli 2020, nella notte delle stelle cadenti, il 10 agosto, non poteva essere come le altre, le tante altre che sono state vissute in questi anni coronati dal grande successo della manifestazione. Ci sono stati tanti motivi che hanno reso unica e particolarmente toccante questa edizione che si è svolta dopo i mesi difficili del covid, dell’epidemia che ancora ci tiene in scacco; per questo anche la location, il piazzale del Fosso, è stata tutta nuova quest’anno; ed è stata così Barga, per la prima volta nella storia dell’evento, ad ospitare la manifestazione per consentire il necessario distanziamento sociale. Anche i posti sono stati limitati, ma comunque sia si è riusciti a mettere a sedere 450 spettatori. Il tutto organizzato dalla Fondazione Pascoli insieme alla Misericordia di Castelvecchiio ed al Comune di Barga. A proposito del Fosso, bellissima la cornice che ha offerto questo luogo, con le mura recentemente restaurate che…

- 1 di Vincenzo Pardini

Il nuovo mondo

Si suol dire che il mondo cambia, che quello di ieri non è quello di oggi. Non solo riguardo alle innovazioni tecnologiche, ma riguardo ai paesaggi che ci attorniano, e nei quali viviamo. Chi non è più tanto giovane ricorda, sul filo della memoria, come fosse un film, di quanto siano mutati i nostri panorami. A cominciare da quelli che vediamo percorrendo le strade che, da Lucca, conducono in Media Valle del Serchio e Garfagnana. Nel volgere di mezzo secolo, il cemento ha invaso spazi un tempo verdi. Lentamente, la Media Valle ha finito per congiungersi a Lucca, divenendone periferia. L’evento ha avuto inizio col boom industriale e con la fine della società agricola. Quella società che faceva della coltivazione della terra, e l’allevamento del bestiame la sua economia e la sua vita. Gli aratri, trainati da buoi o muli, furono sostituiti dai trattori, i mitici Landini i quali, nella piana attorno a Borgo a Mozzano, all’altezza di Valdottavo, venivano…

- di Redazione

Alla scoperta di Casa Pascoli. Viaggio nelle stanze del poeta con i “Colori del serchio”

CASTELVECCHIO PASCOLI – Stasera, sabato 11 luglio, una nuova puntata della rubrica I Colori del Serchio ideata, condotta e realizzata da Abramo Rossi. Approfittando della riapertura della casa museo di Giovanni Pascoli a Castelvecchio, dopo il lockdwon dovuto all’emergenza covid, la puntata (in onda su Noi TV a partire da questa sera alle 21 e per tutta la settimana con diverse repliche) ci guiderà nella prima parte appunto, in una speciale visita a Casa Pascoli dove, accompagnati da Sara Moscardini, andremo alla scoperta  dei tesori e delle particolarità conservate in questo luogo che è rimasto immutato come quando lo lasciò Giovanni Pascoli, morto nel 1912.  Grazie soprattutto all’amore della sorella Mariù la dimora sul colle di Caprona  è divenuta un sacrario che ha perfettamente conservato l’essenza di Giovanni Pascoli. Un luogo più unico che raro per la particolare conservazione. La puntata prosegue poi con la messa in onda di un documentario sulla Garfagnana realizzato cinquant’anni fa da alcuni cineasti livornesi:…