La cucina della Valle del Serchio incontra l’Argentina: alla Tenuta del Ciocco tornano i “Venerdì della Locanda”

-

IL CIOCCO – Barga, 28 novembre 2019 –  La tradizione gastronomica della Valle del Serchio incontra l’Argentina: venerdì 29 novembre alle ore 20 alla Locanda alla Posta, all’interno della Tenuta del Ciocco, va in scena la “Black Angus Night”, cena a base di pregiata carne bovina con spettacolo di Tango a seguire. La serata fa parte del ciclo dei “Venerdì della Locanda”, serate a tema dedicate ogni volta a abbinamenti e pietanze diverse durante le quali la tradizione incontra sapori e cultura lontane.

Sul menu della “Black Angus Night”: carpaccio di Angus americano marinato in olio e limone, tartare di Angus americano con crema di pecorino, cipolla cotta a bassa temperatura e chips di pane, pappardella con ragù al coltello di Angus australiano e pistacchi, tagliata di controfiletto di Angus argentino con purè di patate viola e indivia, hamburgherino di Angus argentino con rucola e salsa barbecue al dattero giallo e patate croccanti. Il tutto innaffiato dalla speciale birra di Natale creata dalla italiana Forst e Botrosecco 2015, rosso toscano della Fattoria Mortelle Antinori.

La prossima “puntata”, venerdì 6 dicembre, si intitola “Sushi che passione!” e prevede una rivisitazione delle specialità nipponiche in chiave locale, con prodotti del territorio.

Oltre ai “Venerdì della Locanda”, ci sono molte altre occasioni golose per visitare il Ciocco durante la stagione delle feste. Tra le novità il Brunch che si tiene ogni domenica, un’occasione conviviale, da gustare in coppia, con gli amici o la famiglia, tra il calore di un camino acceso e le cime innevate al di là della vetrata. Bacon, salmone, uova, frittelle, ma anche pasta, carne e le mille proposte dello chef.

Diversi i menu degustazione proposti durante le festività di Natale alla Locanda Alla Posta, pensati per cene e pranzi d’auguri, in famiglia o con amici e colleghi, in grado di soddisfare gusti e budget diversi, il locale ospiterà anche il banchetto di Natale, il brunch di Santo Stefano e la serata di San Silvestro; il veglione di Befana (5 gennaio), invece, sarà alla Taverna dello Scoiattolo, una baita di montagna a 1000 metri di altitudine, riscaldato da un grande camino e da arredi dal gusto vintage. Protagonisti della tavola salumi tipici del territorio come il prosciutto Bazzone (presidio Slowfood), il Biroldo e la Mondiola, accanto ai classici tortellini in brodo di cappone, tacchino ripieno e polenta al forno.

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*