La tradizione del Doppio. Che si ripete (martedì) per sostenere i diritti umani

-

Non è mancato , come tutti gli anni da forse più di un secolo, il tradizionale appuntamento con il “Doppio dell’Immacolata”, il concerto di campane del Duomo che, alla vigilia dell’Immacolata Concezione, vengono suonate per un’ intera ora dai valorosi campanari di Barga.
Come sempre gli strumenti principali sono state appunto le secolari e gigantesche campane del Duomo di Barga , con le lunghe funi tirate a turno dai campanari barghigiani che per questo appuntamento ci mettono tutto il loro impegno e tutta la loro passione per regalare a Barga uno straordinario concerto.
Da qualche anno a questa parte, anche in considerazione dell’impegno per formare una unica associazione campanaria della Valle del Serchio, all’evento hanno partecipato anche i campanari di Cardoso, di Chiozza, di Lucca e di Cascio; tutti presenti per poi prendere parte, finito il “Doppio”, al tradizionale ritrovo conviviale con il quale i campanari festeggiano l’approssimarsi delle feste ed uno altro anno dedicato a preservare e diffondere la tradizione dei suonatori di campane.
Per quanto riguarda i campanari barghigiani praticamente tutta la squadra era presente al gran completo ed ognuno ha fatto il possibile per superare se stesso e non perdere nemmeno una nota. Con un risultato quest’anno più che mai azzeccato.
C’è un’altra bella notizia che riguarda i nostri campanari il cui concerto si potrà sentire in bis anche martedì 10 dicembre.
Martedì, dalle 20 alle 20 e 15, in contemporanea in tutta Europa si terrà uno speciale concerto campanario. Giunge infatti alla quinta edizione l’iniziativa “Suoniamo i campanili d’Europa per sostenere i diritti umani” alla quale parteciperanno anche i campanari di Barga.
L’iniziativa a sostegno dei diritti umani ha avuto negli scorsi anni un considerevole successo, sono stati oltre trecento i campanili che nel 2012, dal nord al sud Italia, dalla Svizzera all’Inghilterra, hanno suonato per questo importante scopo di sensibilizzazione. Le torri campanarie interessate effettueranno un’esecuzione, di solito una suonata a festa, della durata massima di dieci minuti che sarà eseguita in contemporanea da parte di tutti i partecipanti. L’invito alla partecipazione è arrivato dal gruppo Campanari di Arrone (Terni) ed è un’ulteriore riprova della bontà del cammino di proiezione verso l’esterno che il gruppo ha intrapreso sia con la partecipazione alla Federazione Nazionale Suonatori di Campane, sia in relazione alla costituenda Unione Campanari della Valle del Serchio.
Il gesto è simbolico ma importante per divulgare e sostenere il valore dei Diritti Umani. Per l’iniziativa non vengono chiesti patrocini o collaborazioni particolari: per i campanari la partecipazione è basata sulla concreta, motivata e sentita partecipazione personale.

Tag: , , , , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.