Folla record per il doppio tramonto

-

BARGA – Il vero spettacolo stavolta non è stato il sole che tramonta per due volte, ma la gente salita in Duomo. C’erano 300 forse 400 persone giunte addirittura dalla Lombardia, dalla Sardegna, da diverse provincie toscane, da Firenze addirittura con un trekking organizzato nei dintorni di Barga con tappa finale ad assistere al doppio tramonto…

L’insolito spettacolo che dal Duomo di Barga si ammira il special modo l’11 ed anche il 12 novembre e poi il 30 e 31 gennaio ormai ha assunto una sua notorietà ed ha varcato i confini locali C’erano tantissimi fotografi, appassionati di astrofisica, semplici curiosi, turisti. C’era tanta, ma proprio tanta gente, come mai era stato in questi anni. Fino a qualche anno fa qui si ritrovava qualche appassionato e qualche fotografo o qualche barghigiano più legato alle tradizioni, ma negli anni qualcosa è cambiato e stavolta è stato afflusso da record.

Il merito va sicuramente anche a qualche barghigiano, uno tra tutti lo storico Pier Giuliano Cecchi che non perde occasione per promuovere l’evento tra appassionati e studiosi; anche la Pro Loco sta dedicando impegno a questa promozione come ci ricorda anche Roy Santi nell’audio intervista che trovate in questo post. Comunque sia, i risultati si vedono. Il Doppio tramonto di Barga, di chiunque sia il merito, è divenuto uno spettacolo naturale in grado di fare in qualche modo turismo.

E’ stato dunque bello vedere il sagrato del Duomo pieno di gente salita per assistere al doppio tramonto. Doppio tramonto che alla fine ha però lasciato tutti a bocca asciutta o quasi in quanto le nuvole, nei minuti fatidici, solo salite dalle valli a coprire proprio il monte Forato, impedendo a tutti di vedere lo spettacolo del sole che riappare attraverso il ciclopico arco naturale che da il nome al monte; dando, da Barga, appunto l’illusione del doppio tramonto.

Ci si può riprovare anche il 12 novembre, questa domenica, anche se il cielo dovrebbe essere coperto. Altrimenti l’appuntamento è per il 30 e 31 gennaio 2018.

 

 

 

Tag: ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*