Tag: molazzana

- di Redazione

I medici non lasciano speranze sulla sorte di Hary

Angoscia, incredulità e tanto dolore. In tutta la comunità barghigiana e in tutta la Valle del Serchio. Sono questi i sentimenti che albergano nei cuori di tutti per Hary Marchi, di questo nostro giovane che ieri è rimasto coinvolto in un infortunio sul lavoro il loc. Fobbia. Colpito violentemente alla testa da un ramo, da subito le sue condizioni sono risultate gravissime e mano a mano che passano le ore le speranze si fanno sempre più tenui. Per lui, come da sua precisa volontà condivisa anche dai suoi genitori, è già stato deciso l’espianto degli organi quando e se il suo cuore smetterà di battere. Purtroppo su una sua ripresa sono stati gli stessi medici fin da subito a non fornire speranze ai suoi cari. Da mercoledì pomeriggio, subito dopo l’intervento alla testa a cui è stato sottoposto all’ospedale di Cisanello a Pisa, è stata dichiarata la morte cerebrale, ma nonostante per Hary non ci siano più speranze sussistono ancora,…

- di Redazione

Infortunio sul lavoro a Molazzana. Grave un giovane di Barga

E’ in gravissime condizioni un giovane barghigiano, rimasto travolto dalla caduta di un ramo da un albero nei boschi sopra Fobbia, nel comune di Molazzana.Un brutto infortunio sul lavoro dove il giovane ha riportato ferite serie. Si tratta di Hari Marchi, 36 anni, nativo di Barga dove risiede la sua famiglia, ma residente a Pieve Fosciana.L’incidente è avvenuto oggi, mercoledì 13 novembre, attorno alle 12,30. Il giovane era con alcuni colleghi a lavoro nei boschi sopra la località di Fobbia nel comune di Molazzana. L’infortunio è accaduto mentre stava potando alcune piante per conto di una cooperativa forestale.Le sue condizioni sono apparse subito gravi, soprattutto per il forte trauma cranico riportato dall’impatto con il grosso ramo.Difficili le operazioni di soccorso visto che il Marchi si trovava in una zona abbastanza impervia, tanto che la centrale del 118 ha deciso di fare intervenire l’elicottero Pegaso. Dopo le prime cure il giovane è stato trasportato all’ospedale di Cisanello. I medici si sono…

- di Matteo Casci

Terza Categoria: Sacro Cuore K.O. in casa contro il Molazzana

Sacro Cuore – Molazzana : 1 – 4 —–Partita molto tesa e nervosa per entrambe le squadre che si fronteggiano a testa alta prevalentemente a centrocampo. Partono subito forti i padroni di casa che a pochi minuti dal fischio di gara, si portano in vantaggio con il colpo di testa di Betti sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Dopo il gol subito la squadra di casa cerca di reagire portandosi in avanti con Orsucci e Capovani bravi entrambi a controllare la palla e a far salire la squadra. Mentre ci si avvicina al primo quarto d’ora si vengono a creare in campo due occasioni da moviola: al 13′ pt. su cross di Guaspari un difensore ospite devia la traiettoria della sfera con un braccio , l’arbitro che si trovava nei pressi decide di far continuare l’azione ; l’altra arriva pochi minuti dopo quando viene annullata una rete ai padroni di casa per una presunta posizione di fuorigioco. Il Sacro Cuore…

- di MariaElena Caproni

Finanziamenti regionali agli asili nido anche per Barga

La sinergia, l’impegno comune, l’abbattere i campanilismi e le divergenze ideologiche, lo sappiamo, premia. Ce lo conferma nuovamente il fatto che i comuni di Barga, Borgo a Mozzano, Fabbriche di Vallico e Molazzana associatisi in un progetto comune hanno ottenuto un cospicuo finanziamento regionale per lo sviluppo degli asili nido, realtà partita in modo sperimentale l’anno passato con il progetto “Ragnatela” ed ora concretizzatasi con l’erogazione di 224 mila euro suddivisi proporzionalmente al numero di posti negli asili nido comunali. Barga, capofila di questo impegno dispone di 20 posti ed ha ottenuto ben 140 mila euro per continuare il progetto dell’asilo nido, peraltro attivato con fondi comunali in attesa dei finanziamenti regionali.Questo progetto comune, classificatosi terzo nel bando regionale permetterà di effettuare adeguamenti strutturali per la sicurezza e consentirà un accesso prioritario ai bambini residenti (nel caso non vi fosse la possibilità nel proprio comune) ai posti rimasti liberi nei nidi degli altri comuni del progetto. Sono trentadue i posti…