Tag: kme

- 2 di Redazione

Casa del Buglia, Campani: “Ora c’è la sentenza del TAR. Va ricostruita”

L’Amministrazione Comunale di Barga rende noto che in data odierna ha ricevuto dall’avvocato Giuseppe Toscano (legale nominato per la difesa nell’ambito del ricorso presentato da KME al TAR per chiedere la sospensiva della ordinanza pubblicata dal comune nel luglio scorso che obbligava l’azienda a ripristinare integralmente la Casa del Buglia, demolita nei mesi precedenti): Toscano ha trasmesso la sentenza del TAR che da ragione al Comune di Barga dichiarando la legittimità dell’operato dell’Amministrazione Comunale circa l’ordinanza presa per il ripristino di Casa del Buglia. E’ stato insomma respinto il ricorso presentato da KME a suo tempo in merito appunto alla legittimità del provvedimento assunto dalla sindaca Caterina Campani a fine luglio scorso; ricorso in cui KME richiedeva anche un cospicuo risarcimento danni. “Siamo soddisfatti – dice la sindaca Caterina Campani – e lo dico anche a nome degli uffici che in questi mesi hanno lavorato sulla vicenda, per il riconoscimento della legittimità delle nostre azioni. Vorrei sottolineare peraltro un punto…

- di Redazione

Braccini: “Calo ordini e instabilità economica in KME; serve confronto con l’azienda”

FORNACI – La Fiom chiede un incontro a KME e valuta necessario proclamare iniziative sindacali a tutela delle garanzie occupazionali ed in difesa dei siti produttivi. Così Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom gruppo Kme dopo il coordinamento sindacale nazionale Fiom Cgil del gruppo Kme per esaminare lo stato della situazione  degli stabilimenti dove permane un quadro di instabilità economica ed un calo degli ordinativi, accompagnato da un aumento dell’utilizzo della cassa integrazione. “Le lavoratrici ed i lavoratori del gruppo Kme vivono nell’incertezza lavorativa da troppi anni e serve un chiaro piano di prospettiva che lasci intravedere un percorso volto al ritorno ad una condizione di stabilità – dichiara Braccini – c’è bisogno  di ulteriori impegni finanziari ed investimenti da parte della proprietà in Italia e chiarezza sul mantenimento di tutti gli stabilimenti.”. Per quanto riguarda lo stabilimento di Fornaci di Barga Braccini ricorda che 35 lavoratori, a causa dell’impossibilità dovuta all’emergenza sanitaria di portare avanti l’accordo che prevedeva almeno 8…

- di Redazione

Uilm: “Crollo ordini Kme ed Em Moulds per crisi Covid19: aumenta la cassa integrazione. Preoccupati per lavoratori”

FORNACI DI BARGA – Il segretario della Uilm area nord Toscana, Giacomo Saisi, preoccupato per la crisi del settore e gli effetti sullo stabilimento di Fornaci di Barga: “Aumentano i giorni di cassa integrazione. Servono subito nuovi accordi anche con i Comuni per la manutenzione e la gestione del verde”. Ecco nel dettaglio la nota di Saisi: “La Uilm area nord Toscana esprime grande preoccupazione per la situazione di Kme Italy ed EM Moulds per il drastico calo di ordini attuale e quello previsto per i prossimi mesi. Eppure la ripartenza era avvenuta con un i giusti carichi di lavoro  e, soprattutto, in sicurezza per evitare possibili contagi da coronavirus tra i lavoratori, con  un protocollo di sicurezza condiviso e concordato con  la Rsu di stabilimento.  Oggi, invece, si sta registrando una flessione importante del mercato, forse in parte dovuta alla crisi derivata  dall’emergenza per la pandemia. Fatto sta che gli ordini non stanno entrando e purtroppo a pagarne ancora una…

- di Redazione

Danni maltempo, tante anche le attività economiche colpite.

BARGA E FORNACI – E’ un continuo aggiornamento quello della stima dei danni nel comune di Barga, dopo il maltempo del 4 giugno scorso. Anche ieri sono continuati i  sopralluoghi, sia sulle verifiche degli interventi realizzati in somma urgenza che sulle ulteriori segnalazioni che arrivano al comune di Barga. Ieri l’assessore ai lavori pubblici Pietro Onesti ha effettuato un sopralluogo anche presso lo stabilimento KME che ha avuto diverse aree e capannoni allagati. Ancora presto per fare una stima dei danni rilevati in azienda, ma potrebbeapotrebbe trattarsi di diverse centinaia di migliaia di euro. Alcuni reparti sono ripartiti solo ieri. Mai era successo, hanno dichiarato in stabilimento, un fenomeno di questa portata, nemmeno nei precedenti alluvioni del 2013 e del 2000. A Fornaci danni per alcune decine di migliaia di euro anche sull’UPIM di Fornaci di Barga che ha visto i locali allagati. A Barga invece danni di infiltrazioni d’acqua anche all’Hostel Villa Gherardi Le attività economiche in generale risultano…

- di Redazione

Accordo tra CNR e KME Italy per prodotti in rame e leghe antivirali e antibatterici

FORNACI – Lo scorso 13 Maggio 2020 l’istituto di Biofisica del CNR e KME Italy SpA hanno sottoscritto una Convezione per attività di collaborazione scientifica per lo sviluppo di materiali, componenti e parti che utilizzano il rame e sue leghe in funzione antibatteriche e antivirali. Questo accordo tra il CNR, il maggiore ente di ricerca in Italia, e la KME Italy SpA, leader internazionale nella produzione di rame e sue leghe, intende generare innovazione di prodotto sfruttando le straordinarie proprietà anti-patogene del rame e delle sue leghe, (ottone, principalmente, ma non solo) e le più moderne tecnologie produttive, quali le nanotecnologie. La pandemia che stiamo vivendo ha messo in evidenza come in tantissimi ambienti lavorativi quali ospedali, supermercati, trasporti pubblici e di socializzazione in generale, la persistenza di agenti patogeni, quali batteri e virus, può avere effetti devastanti in termini di vite umane e di aggravio delle strutture sanitarie. Già ben prima della scoppio dell’attuale pandemia, gli ospedali e le…

- di Redazione

KME, firmato verbale di consultazione sindacale per la Cassa integrazione “Covid-19)

FORNACI DI BARGA – Se da lunedì riprende una parziale produzione dello stabilimento KME, e quindi una parte dei dipendenti torneranno a produrre, per gli altri c’era da confezionare il provvedimento per la cassa integrazione. Per tal motivo stamani,  tramite una conference-call tra l’azienda, i sindacati e le RSU, è stato firmato un verbale di consultazione sindacale per la CIGO (cassa interazione guadagni) “COVID19”. Lo rendono noto i sindacati che specificano che tale accordo vale sia per KME Italy che per EM Moulds ed ha la durata di nove settimane così come previsto dal D.L. del 17 marzo 2020. L’azienda garantirà l’anticipo della Cassa Integrazione. indacati e azienda hanno anche siglato un verbale di accordo che prevede, quando ci sarà la ripresa e si tornerà a lavorare a regime normale (cioè appena la situazione emergenziale finirà e si tornerà ad una completa operatività), che si attui un impegno a garantire la flessibilità essenziale per il recupero dei livelli produttivi, previo…

- di Redazione

Chiudi Italia. KME si ferma fino a lunedì

Da stasera alle 22 lo stabilimento KME  ferma tutte le attività, dopo i  progressivi spegnimenti di fonderie,  laminatoio e degli altri reparti, ma da lunedì alcune produzioni  riprenderanno. Lo faranno però in forma molto ridotta riducendo anche la presenza degli operai all’essenziale.  Non è arrivata oggi nessuna disposizione a non continuare da parte della Prefettura, dopo la richiesta di deroga al DPCM Chiudi Italia presentata  KME e quindi si è ritenuta valida la condizione del silenzio assenso. Lunedì mattina ripartiranno solo alcuni tipi di produzione, ovvero le linee che servono per rifornire le aziende clienti di KME che sono considerate essenziali. Ce lo conferma il segretario dell’area nord Toscana della UILM Giacomo Saisi che spiega: “Riprenderanno la linea ottone,  fonderia, laminatoio a caldo, laminazione, gli impianti di ricottura e di cesoiatura e quelli di imballaggio, ma tutto  avverrà in forma davvero molto ridotta, razionalizzando la  produzione con la minima presenza di operai. Cim e Lingottiere resteranno invece ferme fino al…

- di Redazione

Ventimila euro dai lavoratori di KME per gli ospedali di Lucca, Barga e Castelnuovo

FORNACI DI BARGA – I lavoratori della KME e E.M. Moulds di Fornaci di Barga, a seguito dell’emergenza Codiv-19 attraverso il codice Iban indicato della Asl Toscana nord, hanno effettuato una triplice donazione per un totale di 20.000 euro che servirà per sostenere gli ospedali di Lucca, di Castelnuovo e di Barga. Lo rendono noto le Rsu FIM-FIOM-UILM di KME Fornaci di Barga. Di questa dominazione 10mila euro sono stati indirizzati all’ospedale San Luca di Lucca per l’ acquisto di un respiratore ed i rimanenti 10 mila euro sono stati divisi tra gli ospedali di Barga e Castelnuovo per l’acquisto delle mascherine protettive.

- di Redazione

Coronavirus, KME assicura i dipendenti

FIRENZE – Come rende noto un comunicato stampa, il Gruppo KME ha stipulato un’assicurazione per tutti i propri dipendenti in Italia finalizzata a coprire i rischi da Corona Virus. “La copertura assicurativa che interessa circa 1.100 dipendenti – spiega il comunicato – consiste in un’indennità in caso di ricovero causato da infezione, un’indennità da convalescenza e un pacchetto di assistenza post ricovero per gestire al meglio il recupero della salute e la gestione familiare”.

- di Redazione

Per Coldiretti il gassificatore di KME preclude il futuro della Valle del Serchiio

Il gassificatore Kme preclude il futuro della Valle del Serchio e della Garfagnana, la sua tenuta ambientale, lo sviluppo del turismo naturalistico sempre più a trazione internazionale e dell’agricoltura che la caratterizza da sempre. E’ questo, in  sintesi, il parere di Coldiretti raccolto nella presentazione che il Presidente, Andrea Elmi ha illustrato in occasione dell’audizione generale dedicata alla presentazione delle osservazioni nell’ambito dell’inchiesta pubblica regionale. “Siamo molto preoccupati. – ha ammesso Elmi – Si mina il futuro di un’area importantissima: la sede dell’impianto si trova in mezzo a due parchi naturali. Non proprio il posto giusto”.  Coldiretti ha usato la forza dei numeri per rappresentare la vera vocazione della Valle del Serchio: “la sua vocazione è agricola – ha detto Elmi – Nell’areale a 10 km da dove dovrebbe nascere l’impianto ci sono quasi 500 imprese agricole ed almeno 2 mila occupati agricoli. L’agricoltura è la più grande industria di questa terra. L’impianto ne minerebbe lo sviluppo”. Solo entro i…

- di Redazione

La Libellula sull’inchiesta pubblica e sulle parole di KME

Dopo la seconda sessione  dell’audizione generale dedicata alla presentazione delle osservazioni e dei contraddittori al progetto di KME, nell’ambito dell’inchiesta pubblica regionale, interviene sulla serata anche il Movimento La Libellua, che fa il punto della situazione su quanto è emerso nella serata e fa una riflessione anche sulle parole di KME, dopo il duro attacco dei giorni scorsi nei confronti di Progetto Comune. Ecco il testo integrale della Libellula:   “Si è tenuta venerdì 28 febbraio al Teatro dei Differenti la terza adunanza dell’Inchiesta Pubblica relativa al progetto del gassificatore KME: dopo l’esposizione del 21 febbraio del progetto da parte dei tecnici KME, è stata la volta delle parti che gli si oppongono (tutte le slides e le eventuali relazioni fatte per il Movimento La Libellula, sono disponibili pubblicamente in una apposita sezione del nostro sito accessibile dalla home page in alto a sinistra). Tornando alla serata di venerdì, ha introdotto Paolo Fusco per il Movimento La Libellula elencando le…

- di Redazione

Inchiesta pubblica sul gassificatore, la parola a chi si oppone al progetto

BARGA – Dopo la presentazione del progetto con gli studi che proverebbero la sua fattibilità ed un impatto ambientale sul territorio inferiore a quello dello stabilimento attuale presentato dai consulenti di KME nell’incontro del 21 febbraio scorso a Fornaci, ieri sera a Barga, al teatro dei Differenti, il secondo round dell’udienza generale per mettere a confronto le parti. Da ieri sera sono state proprio le altre parti in causa, ovvero quelle che a livello pubblico ed anche di associazioni del territorio hanno presentato osservazioni al progetto ed all’impianto che vuole realizzare KME. Osservazioni che da due anni vedono il territorio in fermento con la stragrande parte della popolazione contraria alla realizzazione del progetto Come detto è stato questo solo il secondo round perché ci vorrà forse ancora un’altra riunione, oltre a quella già fissata per il 6 marzo sempre al teatro dei Differenti, per permettere a chi denuncia le criticità ed in rischi dell’impianto, di poter esprimere le proprie osservazioni…