Aperta la mostra “La pittura dell’Immaginifico”

-

BARGA – Si è tenuta ieri, giovedì 4 agosto 2022 alle ore 18, l’inaugurazione della mostra d’arte contemporanea ‘La Pittura dell’Immaginifico’ a Barga, alle Stanze della Memoria. In mostra le opere di Claudio Cargiolli, Marco Manzella, Alessandro Tofanelli, tre artisti toscani di autentico talento, sorretti da un’appassionata frequentazione quotidiana della pittura.

Alla presenza della sindaca di Barga Caterina Campani, del consigliere regionale Mario Puppa, della curatrice Lucia Morelli, di Laura Biangiarelli titolare della Galleria Bernabò di Milano e dei tre artisti, la presentazione della mostra si è tenuta in Sala Consiliare, a Palazzo Pancrazi. Avendo la mostra il patrocinio del Ministero della Cultura, il Senatore Andrea Marcucci ha inviato i suoi più sinceri auguri per la buona riuscita di un evento così importante. L’occasione è stata preziosa per illustrare la genesi dell’evento nato grazie alla sinergia tra il Comune di Barga e la Galleria Bernabò che, oltre alla mostra, per l’intera estate 2022, ha deciso di trasferirsi a Barga da Milano con uno spazio galleria in Piazza Angelio.

Il taglio del nastro, al Museo delle Stanze della Memoria, ha dato il via ad una mostra che presenta, a livello nazionale, tre artisti d’eccellenza e che resterà aperta fino al 31 agosto. Esposte oltre trenta opere inedite inserite anche nel catalogo appositamente realizzato a cura di Altamura e associati, e stampato dalla tipografia del Consiglio regionale della Toscana. Tra i testi critici inseriti nella pubblicazione c’è anche quello di Giovanni Faccenda, noto critico d’arte.

La pittura di Claudio Cargiolli, classe 1952, attraverso le influenze del rinascimento italiano, rimanda alle preziosità antiche. Marco Manzella, nato a Livorno nel 1962, è cantore di un realismo a volte nostalgico. Le architetture di Alessandro Tofanelli, viareggino del 1959, sono sospese nel tempo e nello spazio. Come sogni ad occhi aperti le opere dei tre artisti si prendono per mano e non si accavallano.

L’invito quindi è quello di andare a visitare la mostra e soffermarsi non solo ad osservare ma anche ad ascoltare affinché si possa trovare un pezzo di ognuno di noi in ciò che vedremo perché l’arte va oltre l’oggettività e si declina in mille sfaccettature, una per ogni soggetto che osserva e ascolta l’opera.

La mostra vede i patrocini del Ministero della Cultura, della Regione Toscana, della Provincia di Lucca e del Comune di Barga. Orari Apertura: dalle ore 10,30 alle ore 12,30 e dalle ore 17,30 alle ore 22,30

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.