Con l’ultimo ok alla riclassificazione acustica, strada spianata dal consiglio al nuovo stabilimento Kedrion

-

Con l’approvazione definitiva al piano di riclassificazione acustica (passaggio da classe III a classe IV per l’area di Castelvecchio Pascoli interessata dal progetto), compie un importante passo in avanti il progetto per la realizzazione a Castelvecchio Pascoli di un nuovo stabilimento che produrrà un nuovo farmaco destinato al mercato americano, da parte della Kedrion. Stabilimento che a pieno regime dovrebbe dare lavoro a circa 80 unità.
Un progetto di cui si parla da dicembre, ma che, per quanto riguarda l’iter burocratico ed autorizzativo, necessitava di questo passaggio riguardante il piano acustico per consentire l’effettiva realizzazione di un insediamento industriale in un’area dove fino ad ora questo non sarebbe stato possibile.
Da adesso, come sottolineato dal sindaco Marco Bonini in fase di presentazione del punto (che ha visto la controdeduzione a tre osservazioni presentate) potranno partire tutti i nullaosta ed i successivi lavori che serviranno per arrivare a gennaio ad avviare la produzione nello stabilimento di Castelvecchio. Stabilimento che, ricordiamo, esiste già, ma che avrà bisogno di alcune infrastrutture ed adeguamenti, come la costruzione di una nuova linea di smaltimento fognario ed un adeguamento del depuratore di Castelvecchio.
La Giunta Bonini non ha mai dubitato nella effettiva realizzazione di questo progetto, ma indubbiamente con il passaggio relativo all’adozione del piano di riclassificazione acustica, da adesso la strada imboccata da questa nuova opportunità produttiva per il comune di Barga è tutta in discesa.
Tra i punti approvati dal consiglio (con le astensioni delle opposizioni), anche la determinazione del numero e della scadenza delle rate di acconto della Tassa rifiuti per l’anno 2014.
In mancanza di disposizioni precise del Governo sulla struttura e sui parametri sui quali si dovrà effettivamente pagare la nuova Tasi, è stato deciso di adottare una soluzione già sperimentata lo scorso anno anche se con alcune modifiche.
In pratica è stato deciso di non applicare i parametri TASi fino ad ora noti, ma in attesa di capire come sarà e quanto peserà alla fine la Tasi per i contribuenti, verrà richiesto un acconto pari al 70% di quanto pagato in totale nel 2013 all’Amministrazione Comunale. Le rate scadranno il 15 luglio ed il15 settembre e si potranno pagare con i moduli F24 che giungeranno nelle case dai contribuenti. Da sapere, è stato fatto notare, che con gli F24, coloro che vantano crediti nei confronti dell’Amministrazione Comunale potranno chiederne la compensazione con le due rate di acconto della Tassa sui rifiuti.
Sarà poi la nuova amministrazione, in sede di approvazione di bilancio di previsione che avverrà presumibilmente con il mese di agosto, a fissare i definitivi importi, dopo che il Governo avrà fornito tutte le indicazioni sulla TASI che per il momento sono ancora possibili di variazioni.

Tag: , , , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.