Pronto Soccorso: a Lucca e Castelnuovo rose arancioni sui camici degli operatori dedicato alla lotta contro la violenza su donne e soggetti fragili

-

CASTELNUOVO – Arancione è il colore simbolo del mese di novembre 2018 dedicato alla lotta contro la violenza sulle donne. E anche quest’anno dalle strutture di Pronto Soccorso di Lucca e Castelnuovo Garfagnana parte un messaggio forte nei confronti della cittadinanza: per tutto il mese una rosa fatta all’uncinetto, di colore arancione, fa bella mostra di sé sulla divisa bianca del personale medico ed infermieristico.
L’iniziativa è stata voluta dal servizio Codice Rosa dell’ambito territoriale di Lucca dell’Azienda USL Toscana nord ovest insieme al personale di Pronto Soccorso per far sapere alle donne e a tutti coloro che subiscono violenza che il personale dell’Azienda è formato all’ascolto, all’accoglienza e all’accompagnamento nel percorso di “uscita” dalla violenza e che lavora in rete con istituzioni e associazioni di volontariato come il Cav Luna.
“Ringraziamo – evidenzia la referente del Codice Rosa per Lucca e Valle del Serchio Piera Banti – le infermiere, le OSS, le mamme, le nonne, le zie e anche le pazienti che, in una vera e propria catena di solidarietà, si sono unite per creare queste rose dall’alto valore simbolico, lavorando gratuitamente e con il solo scopo di aiutarci a sensibilizzare i pazienti che arrivano in Pronto Soccorso e l’intera opinione pubblica”.
Si tratta quindi di un messaggio importante rivolto alla cittadinanza perché, prima o poi, tutte le vittime di violenza, anche quelle che non hanno la forza di denunciare o la capacità di comprendere la gravità di quello che hanno subito, da sole o accompagnate dai loro persecutori, arrivano davanti al personale del Pronto Soccorso.
Da ricordare che il Codice Rosa identifica un percorso specifico riservato a tutte le persone che hanno subito violenza, senza distinzione di genere od età.
Purtroppo sono molte le persone che, a causa della loro condizione di fragilità, possono diventare vittime di violenza. Per loro ci sono fin da subito le cure necessarie, una protezione ed un sostegno psicologico, grazie ai servizi garantiti in rete da enti ed associazioni del territorio.

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*