Emma Morton ci racconta il suo X Factor. Domenica una festa per lei a Barga

-

Due chiacchiere con Emma Morton, eliminata a sorpresa da X Factor nella semifinale, ma indubbiamente vincitrice morale della manifestazione, anche per un pubblico di appassionarti che cresce di giorno in giorno in tutta Italia.

L’abbiamo raggiunta al telefono, quando era in viaggio per Milano insieme a Luca Giovacchini, il suo compagno, e la piccola Billie. Giovedì sera infatti prenderà parte anche lei con tutti gli altri ex concorrenti del talent show, alla serata della finalissima di X Factor 8, per una performance tutti insieme come da tradizione del programma.

Prima di proporvi questa intervista una notizia di oggi che riguarda sempre la nostra Emma. Domenica 14 dicembre ci sarà al teatro dei Differenti una festa per e con Emma. Un incontro con l’artista organizzato dagli amici e dal Comune di Barga. Non un concerto quindi, ma un momento informale di benvenuto; l’incontro tra lei e tutti i fan barghigiani e non. Da non perdere.

E adesso, lasciamo la parola a Emma:

Partiamo da giovedì scorso, Emma. Te l’aspettavi l’eliminazione?

Non me l’aspettavo. Sono andata alla prova finale, prima del giudizio dei giudici, tranquilla. Non pensavo che mi avrebbero eliminato ed invece è andata così. Ovviamente è stato uno shock, ma in prospettiva oggi non la vedo come una cosa negativa. Ho realizzato l’obiettivo di presentare il mio inedito e sono uscita nella semifinale a testa alta, avendo realizzato due performance eleganti. Anche Mika dopo l’eliminazione, mi ha detto che sono uscita dal programma come una grande cantante.

Certo, mi è dispiaciuto non arrivare in finale anche perché aspettavo molto quel momento. Avevo peraltro scelto un pezzo, oltre all’inedito, molto più grintoso, che tirava fuori la parte punk che c’è in me e che mi sarebbe piaciuto fare.

Ora però sono tranquilla e anche contenta. Posso affrontare e portare avanti il mio lavoro e farlo al meglio: se devo fare un bilancio posso solo dire di aver dimostrato tutto quello che valevo, di aver ottenuto quello che volevo e di avere ora più libertà per portare avanti il mio percorso artistico.

Gli impegni già non mancano…

Sono stata a Roma, a Milano ed a Firenze (al punto Sky ai Gigli martedì 9 dicembre ndr) per incontrare i fan ed il pubblico di X Factor; ho cantato e mi sono divertita. In questi giorni mi sono riconnessa al mondo anche grazie ai social network: mi sono arrivati migliaia di messaggi ai quali non so se ce la faccia a rispondere!

Soprattutto mi sono dedicata completamente a Billie ed a Luca; siamo stati sempre insieme. Billie è venuta anche con noi a Firenze, all’incontro ai Gigli… ballava mentre io e Luca ci esibivamo. E’ stato bello…

Rientrare a Barga che effetto ti ha fatto?

E’ stato speciale tornare a casa. Sentire l’odore, l’aria, l’energia, di casa mia mi ha tonificato e rimesso a nuovo. Mi ha ridato nuove forze dopo due mesi molto intensi che mi avevano completamente scaricato. Non è stato facile nelle settimane di X Factor alternare il mio ruolo di concorrente a quello di mamma. Ogni sera, quando lasciavo il loft e tornavo nel mio appartamento, Billie si svegliava e voleva stare con me. E le ore del sonno se ne andavano così… Praticamente in questi mesi ho dormito pochissimo.

E l’incontro con i barghigiani?

Molto intenso anche questo. Un sacco di persone sono venute a casa. Anche stamani alle otto e mezzo mi hanno portato un panettone… Tutti sono molto carini. Mi lasciano lettere di apprezzamento sotto casa. Tanti mi hanno fermato per dirmi brava e che mi hanno supportato; che ho fatto molto bene. Una signora stamani mi ha ringraziato per tutto quello che ho fatto per Barga. In verità sono io che devo ringraziare Barga per tutto quello che mi ha dato.

Che cosa provi sapendo di avere centinaia di migliaia di fan in Italia?

Non me l’aspettavo. Ed ovviamente è una sensazione stranissima , ma anche bellissima. Devo dire che sono piacevolmente sorpresa dalla capacità delle persone in Italia di vedere oltre, di saper entrare nella giusta sintonia con una persona grazie alla musica: linguaggio universale ed accessibile a tutti. Nonostante io sia straniera, gli italiani mi hanno subito accolta e sostenuta senza riserve, mi hanno dato grande supporto ed hanno voluto premiarmi. Sono molto grata di questo.

Il tuo inedito Daddy Blues è uno dei più scaricati su iTunes. Quando conta per te questo brano?

Sì, su iTunes sta andando molto bene, anche se non sono una dei finalisti di XF 8. Sono stata molto felice che sia stato passato anche in Radio Deejay. Ho incontrato nei giorni scorsi Linus che mi ha fatto i complimenti per il pezzo.

Ora è disponibile su iTunes anche in Gran Bretagna e questo è ovviamente motivo di nuovo orgoglio.

Sono molto contenta di averlo scritto anche se ero un po’ in difficoltà all’inizio; scrivere, parlare, cantare di una tematica così personale mi spaventava. Avevo timore ad espormi, a mettere a nudo la mia esperienza., ma poi sono stata felice di averlo fatto. Daddy Blues è stato una grande liberazione a livello personale ed emotivo e soprattutto ha avuto dal pubblico una risposta importante. Ho ricevuto tanti commenti positivi, ma quello che mi ha colpito di più sono state le parole di una donna che ho incontrato ieri a Firenze. Piangendo mi ha ringraziato per il mio brano. Mi ha detto che con la figlia stavano vivendo quello di cui parlava la canzone, dell’alcolismo e delle difficoltà che può vivere una figlia e che Daddy Blues ha dato loro la giusta forza per affrontare questa situazione senza nascondersi e senza vergogna. Sapendo che non sono sole.

Cantare la mia esperienza e sentire quanto questa è condivisa ha cancellato tutte le paure iniziali; anche quella di non aver proposto un brano commerciale. Tutte le preoccupazioni sono sparite , cancellate dalla certezza della potenza di questo brano, di quello che può trasmettere agli altri ed anche a me stessa.

La musica può servire a farsi capire, ed a capire, a non farci sentire soli nei nostri problemi e credo che la forza di Daddy Blues sia proprio questa.

I tuoi prossimi progetti?

I progetti per il futuro sono scrivere musica. Io e luca ci siamo già messi sotto ed ho cominciato a collaborare con un autore a Milano: Alexandre Rainer. Poi per il momento ho ancora diversi impegni con Sky e con la Sony. Ho registrato un EP di cinque brani più l’inedito che uscirà a Natale. C’è anche una cover speciale su un brano di Michael Jackson che ho realizzato con Luca e nell’EP ci sarà come ospite anche Madh.

Mi raccomando, non vi dimenticate di andare su iTunes per scaricarlo!

Tag: , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*