Tag: pirogassificatore

- 1 di Redazione

La decisione del TAR su delibera comunale. Il comune impugnerà la sentenza

BARGA – Il Comune di Barga, in merito alla sentenza del TAR Toscana sul ricorso presentato da KME avverso la propria delibera di Consiglio Comunale dell’aprile 2019,  ha inviato oggi un proprio comunicato stampa dove fa le seguenti prtcisazioni:   il Comune di Barga è intervenuto con una interpretazione autentica del proprio strumento urbanistico a fronte di una specifica richiesta di Regione Toscana, in assenza  di una precisa definizione normativa della valenza delle  invarianti, deliberando, secondo il TAR, in  una materia di non  sua competenza. Di fatto la valenza delle invarianti è questione riferibile alla diversa normativa della Regione Toscana in materia non urbanistica ma di trattamento dei rifiuti, che prevede l’impossibilità di realizzare inceneritori o co-inceneritori in aree ricadenti  in invarianti strutturali, per l’appunto di valenza ambientale. Resta comunque da specificare come il TAR in questa sentenza,  si sia riconosciuto  il compito  di definire “un’invariante ambientale”, materia di esclusiva competenza della Regione Toscana , peraltro quando la Regione stessa …

- di Redazione

Invariante strutturale terreni di KME. La decisione del TAR riapre la partita del pirogassificatore

La questione della  cosiddetta invariante strutturale di tipo ambientale che fu approvata dal comune nell’aprile 2019, oggetto anche di una delle motivazioni che nei mesi scorsi ha portato la conferenza dei servizi ad esprimere il proprio preavviso di rigetto al progetto del gassificatore e che di fatto poneva un serio veto sulla realizzazione del pirogassificatore non sussiste per il TAR di Firenze. Lo dice, come già reso noto oggi, il tribunale amministrativo regionale, con la sentenza emessa il 22 settembre scorso ed emersa oggi. Una sentenza che di fatto riapre la partita del pirogassificatore; proprio riflettendo su quelli che erano stati i punti che avevano portato la conferenza dei servizi ad esprimere un preavviso di diniego al progetto presentato da KME: l’incompatibilità del progetto in rapporto al criterio escludente di localizzazione definito per Impianti di incenerimento e di co-incenerimento, ovvero la presenza di aree individuate come “invarianti strutturali” a valenza ambientale. La KME un particolare chiedeva al TAR, ed alla…

- di Redazione

Contro il pirogassificatore

LUCCA – !Il Partito Comunista Italiano fin dall’inizio della vicenda ha espresso la sua contrarietà al progetto del pirogassificatore voluto da Kme a Fornaci di Barga”. “La nostra visione, ribadiamo – scrive in un suo comunicato il Partito Comunista Italiano – Sezione Lucca e Valdiserchio –  è sempre stata quella di una forte attenzione a non dividere i lavoratori di Kme e del suo indotto, da chi si batte per la difesa del territorio, dell’ambiente e  della salute. Dopo il preavviso di diniego da parte della Conferenza di Servizi regionale sul progetto di pirogassificatore deve essere evidente a tutti che il progetto basato sulla produzione di energia attraverso l’incenerimento del pulper non potrà andare in porto; sono troppi e ben documentati i motivi riscontrati di incompatibilità del pirogassificatore con la Valle, l’ambiente e la salute dei cittadini. Per questo sosteniamo con forza la necessità di un piano alternativo di rilancio dello stabilimento nel suo core business tradizionale, la metallurgia. Ciò…

- di Redazione

Casa del Buglia e pirogassificatore. Pinassi: “Risponderemo alle osservazioni. Convinti delle nostre ragioni e della bontà del progetto”

Dal luglio scorso si è tornati a parlare con più insistenza dei temi legati a KME, al pirogassificatore, alla battaglia in corso tra il fronte del no e l’azienda che intende realizzare il progetto. Ma che cosa ne pensa KME degli sviluppi delle ultime settimane, la sentenza di casa del Buglia prima ed il preavviso di diniego della conferenza dei servizi sul gassificatore poi? Ora in ballo c’è la risposta prevista per il 30 ottobre al cosiddetto preavviso di diniego, ma KME non intende demordere dalle proprie ragioni. E conta di realizzare il proprio progetto perché ritiene superabili le osservazioni che sono state presentate al progetto. Così secondo Claudio Pinassi, amministratore delegato di KME. Dunque ora c’è un preavviso di diniego… Le cose che sono emerse dalla conferenza, dal punto di vista  dell’approccio della Regione sono corrette; un po’ meno corrette sono da parte di chi le ha presentate: l’Amministrazione Comunale di Barga. Tra le osservazioni la non disponibilità dell’area…

- di Redazione

KME, i sindacati: “Siamo preoccupati per la situazione e chiediamo all’azienda di non mollare sul progetto di potenziamento dell’impianto”

FORNACI – “Con il crollo della produzione dovuta anche all’emergenza Covid19, i lavoratori Kme Italy dello stabilimento di Fornaci di Barga quest’anno dovranno andare in ferie collettive di circa un mese. Siamo preoccupati per la situazione e chiediamo all’azienda di non mollare sul progetto di potenziamento dell’impianto, con o senza pirogassificatore, seguendo le linee direttrici che prevedevano un aumento dei volumi produttivi, la riduzione dei costi energetici, creare un polo accademico sull’economia circolare, favorire il recupero dell’occupazione utilizzando le aree dismesse come incubatore per nuove aziende”. Sono i temi messi sul tavolo dalle segreterie provinciali di Fim, Fiom e Uilm e dalle rispettive rappresentanze sindacali di Kme Italy ed EM Moulds che ieri alla sala consiliare del Comune di Barga hanno partecipato a un incontro con il sindaco Caterina Campani, il vicesindaco Vittorio Salotti e l’assessore Francesca Romagnoli. Presente all’incontro anche il Senatore Andrea Marcucci. Le organizzazioni sindacali hanno espresso le loro preoccupazioni per la situazione dei bassi carichi di lavoro…

- di Redazione

KME, proroga a novembre per presentare le osservazioni al preavviso di diniego sul pirogassificatore

E’ stata vinta una battaglia, ma la guerra è ancora aperta. E’ insomma lungi dall’essere conclusa la vicenda del pirogassificatore almeno secondo KME. La notizia ha avuto conferma oggi: l’azienda ha risposto al cosiddetto preavviso di diniego da parte della conferenza dei servizi presentando una richiesta di proroga ai dieci giorni di tempo previsti per la presentazione delle osservazioni. Proroga fino al 30 novembre prossimo che di cui oggi è stata ufficializzata la concessione dalla Regione Perché la proroga richiesta? perché per KME sul campo ci sono ancora questioni aperte, legate peraltro alle motivazioni che hanno portato la conferenza dei servizi ad esprimersi per il no al progetto, ovvero le famose invarianti strutturali a valenza ambientale che per il comune di Barga sono presenti nell’area dove dovrebbe sorgere il progetto e che per KME non sussistono. In tal senso è atteso infatti il pronunciamento del TAR a cui l’azienda ha fatto ricorso contro la delibera legata alle invarianti che il…

- di comunicato stampa

Remaschi su KME: “L’unica tifoseria da sostenere è quella per il lavoro”

FORNACI – L’unica tifoseria da sostenere è quella per il lavoro, che deve andare d’accordo con la salute e l’ambiente. Lo sostiene l’assessore regionale Marco Remaschi, in relazione agli ultimi sviluppi riguardanti la Kme di Fornaci di Barga: una posizione che l’assessore sostiene dall’inizio di tutta la vicenda e che ha avuto modo di ribadire anche due giorni fa ai rappresentanti sindacali della fabbrica, Uilm-Uil, Fiom-Cgil e Fim-Cisl. “Rispetto al progetto della proprietà di Kme – spiega – Asl e Arpat, le due autorità preposte e competenti ad occuparsi di salute pubblica e di impatto ambientale, hanno chiesto all’azienda di presentare ulteriori integrazioni e chiarimenti in quanto la documentazione depositata riporta alcune lacune. Stiamo quindi su questo punto, che è il più delicato e complesso di tutti: l’azienda che intenzioni ha? Noi dobbiamo fare da pungolo e chiedere questo, perché ciò che è importante è salvaguardare i posti di lavoro e in generale il lavoro nella nostra Valle, attraverso progetti e programmi che siano sempre rispettosi dell’ambiente e della…

- di Redazione

La Libellula sui sostenitori del progetto KME

Dal Movimento La Libellula, sulla vicenda pirogassificatore e sulla questione in particolare del preavviso di diniego del progetto inviato dalla Conferenza dei servizi a KME, riceviamo e pubblichiamo.   “Non contenti del preavviso di diniego dato dalla Regione Toscana al progetto KME, i suoi sostenitori, più realisti del re, continuano a battere la grancassa. E’ del 12 luglio scorso un articolo del quotidiano “la Repubblica” apparso nella cronaca fiorentina: “Per tutelare un rudere, no al pirogassificatore“. Un titolo del genere, che esula da una qualsiasi minimale conoscenza della questione, è senza alcun dubbio fuorviante, oltre ogni limite accettabile. E’ vero che nell’articolo si enunciano poi anche altri (ma non tutti) motivi del diniego, ritenendoli tutti infondati ovviamente; ma intanto, come sa bene chi è del mestiere, il messaggio è passato. Falso, ma è passato. Chi volesse conoscere realmente le ragioni del diniego, non ha che da consultare i pubblici documenti presenti sul sito della Regione, in particolare la comunicazione  da parte del settore VIA. E’ dunque stata solo o principalmente la…

- di Redazione

Pirogassificatore, parroci del vicariato: soddisfatti per la decisione presa, ma vicini alle preoccupazioni del mondo del lavoro: il 18 e 19 luglio una speciale preghiera

BARGA – Dai Parroci del vicariato di Barga, con in testa don Stefano Serafini e don Giovanni Cartoni, riceviamo e pubblichiamo.   “Le gioie e le speranze” Riprendiamo l’inizio della “Gaudium et spes”, un documento importante del Concilio Vaticano II sul rapporto della Chiesa con il mondo contemporaneo, per descrivere i nostri sentimenti dinanzi ai recenti sviluppi del progetto pirogassificatore. Anche noi parroci del comune di Barga vogliamo esprimere soddisfazione circa la decisione della conferenza dei servizi regionali inerente alla non realizzazione  di tale progetto. La salvaguardia dell’ambiente e la sua tutela è parte integrante della morale Cattolica ed è in linea col magistero e i documenti di Papa Francesco. Tuttavia come cattolici siamo convinti della promozione integrale della persona umana pertanto non ci può essere vera ecologia senza riconoscere i diritti fondamentali della persona umana tra cui il diritto al lavoro. Se possiamo gioire per l’ambiente  e la salute pubblica, siamo altresì spinti a sostenere tutte le preoccupazioni nel…

- di Redazione

Riflessioni sulla vicenda pirogassificatore KME

Dal Comitato per l’attuazione della Costituzione della Valle del Serchio” riceviamo e pubblichiamo “Dopo la conferenza dei servizi dell’8 luglio e il relativo preavviso di diniego della Regione Toscana, come Comitato per la difesa e l’attuazione della Costituzione, riteniamo utile svolgere alcune riflessioni. Siamo stati fin dall’inizio parte di quel vasto movimento che si è mosso contro la proposta di KME e abbiamo cercato di portare il nostro contributo avendo sempre come punto di riferimento i principi fondamentali a base della nostra Costituzione. Ed anche ora le nostre considerazioni si basano su quei principi. Artt. 1 – 4 – 32 – 41 – 43 principalmente, ma non solo. KME non ha mai considerato che per l’art. 41 l’iniziativa economica privata “non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale” e che (art. 32) “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’’individuo e interesse della collettività”. In base invece alla logica del massimo profitto, ha pensato di inserirsi nel business dello…

- di Redazione

Rifondazione: ora per KME va sostenuto rilancio economico che passi attraverso progetti sostenibili

Anche Rifondazione Comunista interviene sul tema del rigetto del progetto di KME sul pirogassifgicatore: “L’esito negativo della conferenza dei servizi regionali, relativa al progetto di realizzazione di un gassificatore a Fornaci di Barga da parte di KME, rende ragione a tutti quei cittadini che avevano visto in un tale progetto l’insostenibilità ambientale, soprattutto dal punto di vista della salute pubblica. Come Rifondazione Comunista, ribadiamo con forza che il ricatto occupazionale paventato da KME non può andare a discapito della salute di una intera vallata. KME ha a disposizione 10 gg dall’esito della conferenza dei servizi per presentare osservazioni nei confronti della sentenza e che presumibilmente non presenterà. Ma la lotta non è ancora terminata, non è sufficiente impedire che si realizzi il gassificatore, ora c’è la necessità di impedire che l’azienda chiuda la propria attività o che la riduca drasticamente a discapito dei lavoratori. C’è bisogno come non mai che tutti i cittadini e le forze politiche siano vicini ai…

- 1 di Redazione

La Libellula: non ci sono vincitori, né vinti; deve invece iniziare una strada diversa

In merito alla decisione presa dalla conferenza dei servizi riguarda al pirogassificatiore, dal Movimento La Libellula riceviamo e pubblichiamo: “Con il “preavviso di diniego” espresso dalla Regione Toscana nei confronti del progetto KME siamo giunti ad una tappa importante del nostro cammino. Cammino che sarà ancora molto lungo, come è naturale che sia,  riguardando di fatto il futuro di una valle intera per decine e decine di anni ancora. Il nostro primo pensiero va ai lavoratori, che mai abbiamo considerato antagonisti e verso cui abbiamo la più grande solidarietà. Di una cosa siamo convinti: il pirogassificatore non sarebbe stato una tutela per l’occupazione della valle. Crediamo che i lavoratori meritino qualcosa di più. Rinnoviamo pertanto la nostra disponibilità verso l’azienda intesa nel suo complesso (direzione, lavoratori, forze sindacali) a sederci insieme ad un tavolo per valutare alternative che possano rappresentare piani di rilancio reali e consoni al contesto locale. La prosperità di un’azienda che sia in sintonia con la comunità, le…