Tag: 26 dicembre 1944

- di Vittorio Lino Biondi

26 Dicembre 1944,  la battaglia di Natale. Tra “Bufali” e bufale… della Storia

Il 26 dicembre 2019 ricorre il 75° anniversario della tragica battaglia di Sommocolonia, scaturita dalla controffensiva tedesca denominata Operazione “Wintergewitter”, Tempesta d’inverno, una delle ultime operazioni militare effettuate dalle truppe dell’Asse sul territorio italiano, in questo caso proprio nella nostra terra, la Media valle del Serchio. Per ricordare quei giorni il 26 dicembre 2019 alle 10,30 verrà celebrata a Sommocolonia  una santa messa in suffragio di tutti i defunti della battaglia, civili, partigiani e militari. A seguire deposizione di corone presso il monumento ai caduti in Piazza della Chiesa ed in loc. Monticino, al monumento ai martiri della battaglia. Dopo le cerimonie Solace Wales, già autrice del volume “La battaglia e il bombardamento a Sommocolonia: testimonianze dal vivo”, presenterà il suo nuovo libro dedicato alla battaglia, dal titolo “Braided in fire. Black GIs and Tuscan Villagers on the Gothic Line”. Nell’annunciare le commemorazioni del 26 dicembre, vi presentiamo invece questa ricostruzione di quei giorni che fa per noi,  con la…

- di Redazione

Il 26 dicembre a Sommocolonia, per ricordare la tragica battaglia

74 anni fa si combatté la più grande battaglia della Valle del Serchio. Nella notte del 26 dicembre del 1944 sulle colline che sovrastano Sommocolonia partì la controffensiva tedesca che innescò la battaglia più importante, che si è registrata in questo territorio durante la seconda guerra mondiale. La controffensiva tedesca fu portata avanti per un paio di giorni, per distogliere l’attenzione sulle manovre sul lato emiliano-romagnolo della Linea Gotica delle forze dell’asse. Dopo aver sfondato il fronte, i tedeschi e gli alpini della Monte Rosa, guidati dal Generale Carloni, arrivarono fino a Calavorno per poi rientrare nei ranghi nel giro di poche ore. Al termine di quei giorni sanguinosi morirono circa 150 persone tra i due schieramenti, di cui 7 civili e poi tanti partigiani e militari tedeschi, italiani della Monterosa, e forze americane della Buffalo. E ne uscì praticamente distrutto nell’animo e nelle sue abitazioni, il paese di Sommocolonia. Fu durante questa battaglia che il tenente americano John Fox…

- di Redazione

La battaglia di Natale a Sommocolonia. Ecco il documentario. La presentazione il 18 a Lucca

La battaglia di Natale del 26 dicembre 1944, che fece oltre ad un centinaia di vittime tra soldati, civili e partigiani e che si combatte nella Media Valle del Serchio, è stata ricostruita e raccontata attraverso il documentario “La Battaglia di Natale – Sommocolonia, Linea Gotica, 1944”; è stato realizzato grazie all’Associazione “Linea Gotica della Lucchesia” che peraltro ha ricostruito fedelmente scene e momenti della battaglia proprio sui luoghi originali dei combattimenti; il documentario, in parte finanziato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, è stata possibile anche grazie all’associazione Stella Tricolore, e verrà presentato domenica 18 dicembre alle ore 17, presso il complesso di San Micheletto a Lucca. Il filmato è stato interamente prodotto e girato in Valle del Serchio; durante le riprese le scene sono state girate esattamente nei luoghi dell’epoca. Gli operatori sono stati accompagnati dallo storico della battaglia Vittorio Biondi, sopra le trincee originali in Lama; alcune ancora non esplorate come quella che…

- di Redazione

Sommocolonia: il 26 dicembre, il museo della Pace ed il nuovo sito per guardare al futuro

Il 26 dicembre è stato giorno del ricordo e della commemorazione per Sommocolonia. Per l’anniversario della tragica battaglia del 26 dicembre 1944 che fece centinaia di vittime tra civili, partigiani e soldati. Quella battaglia viene ricordata ogni anno con una sentita cerimonia pubblica che vede la deposizione di corone di alloro ai monumenti ai caduti, alla rocca di Sommocolonia ed al monumento di Monticino che ricorda i partigiani caduti a Sommocolonia; ed anche con la santa messa celebrata dal don Stefano Serafini nella chiesa parrocchiale. Così è stato anche quest’anno, sotto l’organizzazione del Comune, dell’ANPI, sezione di Barga e con la partecipazione delle associazioni di Marinari, Carabinieri e Alpini in congedo, ma quest’anno a Sommocolonia ci sono state altre novità riguardanti il paese anche se sempre legate al ricordo della battaglia del 26 dicembre. La mattinata è stata infatti l’occasione per vedere da vicino lo stato di avanzamento dei lavori riguardo la costruzione del Museo della Pace che sorgerà nel…

- di Redazione

Celebrazione del 70° della Battaglia di Sommocolonia

Venerdì 26 dicembre 2014Sommocolonia: solenni celebrazioni peril 70° anniversario ella battaglia di Sommocolonia (26 dicembre 1944 – 26 dicembre 2014).Ore 10,30: Santa Messa.A seguire deposizione di coroe presso il monumento ai caduti in Piazza della Chiesa ed in loc. Monticino al monumento ai martiri della battaglia.La celebrazione è promossa da Comune di Barga, ANPI sezioe di Barga e Associazione Nazionale Alpini

- di Redazione

A Sommocolonia l’ANPI ha ricordato la battaglia del 26 dicembre ’44

Ieri l’iniziativa delle Sezioni ANPI di Barga e Valdiserchio Garfagnana dell’ANPI (Associazione nazionale partigiani), quella che si è svolta a Sommocolonia venerdì 27 dicembre. In una serata accompagnata da un tramonto dai colori invernali, che ha reso ancor di più il fascino del piccolo borgo montano del comune di Barga, si è parlato dell’importanza della battaglia di Sommocolonia del 26 dicembre 1944 nelle dinamiche finali della seconda guerra mondiale. L’incontro, patrocinato dal comune di Barga, si è svolto nei locali della parrocchia e l’Associazione paesana ha preparato una bella merenda per tutti i partecipanti. Prima dell’intervento del relatore hanno presentato l’iniziativa Carlo Giuntoli, Vice Presidente dell’ANPI Provinciale, Giuseppe Rava e Mauro Campani in qualità di Presidenti delle sezioni organizzatrici. Il Professor Gianluca Fulvetti dell’Università di Pisa ha poi presentato un’interessanterelazione contestualizzando quanto è avvenuto a Sommocolonia, nel dicembre del 1944, in una più vasta cornice dello scenario bellico. Si è, fra l’altro, parlato della strategia della rappresaglia studiata a tavolino…

- di Redazione

Sommocolonia 1944-2013

Sommocolonia 1944-2013. Si intitola così il pomeriggio organizzato dalla sezione ANPI di Barga “Mrakic-Marroni” e dalla sezione Val di Serchio “Leo e Marino Lucchesi”, per ricordare i tragici fatti della battaglia del 26 dicembre 1944, dove tra civili, soldati e partigiani, ci furono quasi cento vittime.Un pomeriggio di riflessione, musica, studio e approfondimento sulla battaglia, che si aprirà alle 15,30 con gli interventi delle autorità e dei presidenti delle sezioni Val di Serchio e di Barga dell’ANPI. Alle 16 “la guerra ai civili”, intervento diGianluca Fulvietti, direttore dell’Istituto Storico della resistenza e di seguito un intermezzo musicale a cura di Giulio D’Agnello..A chiudere il pomeriggio, verso le 17, il collegamento in teleconferenza con Ivan Houston, veterano della divisione “Buffalo” che combatté e Sommocolonia, autore del libro “Black Warriors: the Buffalo soldier in World War II” ed infine una merenda con intermezzo musicale, ma anche l’intervento di alcuni testimoni della battaglia.L’evento è organizzato con la collaborazione dell’Associazione Ricreativa Sommocolonia e si…

- di Redazione

La commemorazione della battaglia del 26 dicembre 1944

Giovedì 26 dicembreSommocolonia: solenni celebrazioni per l’anniversario della battaglia di Sommocolonia (26 dicembre 1944 – 26 dicembre 2013).

- di Redazione

La Memoria ritrovata di Sommocolonia. Il Milite Ignoto alpino Rocco Botta

Quella che vi raccontiamo è una storia se vogliamo a lieto fine; sicuramente un abella storia. Che nasce nei giorni in cui ha riaperto i battenti giornaledibarga.it e che ha avuto un esito inaspettato quanto positivo per tutti quelli che l’hanno vissuta.Al nostro indirizzo mail riceviamo a giugno la richiesta di un avvocato, Sebastiano Di Filippo, che ci chiede aiuto per ritrovare i resti di un suo parente, un alpino deceduto a Sommocolonia nell’ottobre del 1944, di cui però si ignora il luogo di sepoltura.Abituati a sentir parlare di Sommocolonia e dei fatti bellici del 26 dicembre 1944, ci incuriosisce il mese citato dal parente di questo alpino e così informiamo dell’accaduto Vittorio Lino Biondi, la cui opera storica di ricostruzione dei fatti bellici di Sommocolonia è stata in questi anni ogni volta sempre più completa e preziosa.Biondi non se lo fa dire due volte ed alla fine ne viene fuori una storia, una storia veramente interessante; una nuova ed…

- di Pier Giuliano Cecchi

Barga sulla Linea Gotica (6) – Il tragico Natale barghigiano (seconda parte)

Nel precedente articolo, lasciando Barga alla mattina del 26 dicembre 1944, da cui si vedeva Sommocolonia “Avvolta in una nube di polvere”, siamo saliti a quel paese per vedere cosa stava avvenendo. Era in atto la controffensiva delle forze dell’Asse, con la stessa Sommocolonia epicentro della loro prima azione, nel complesso tesa alla riconquista del territorio di Barga, da loro abbandonato con la distruzione dei ponti agli inizi dell’ottobre e ora in mano alle forze Alleate In pratica c’era stato l’arretramento della Linea Gotica verso nord, alcune centinaia di metri, e le forze dell’Asse, in questa mattina del 26 dicembre, avevano iniziato la riconquista del territorio prima abbandonato, con la fantasiosa idea di ricacciare molto più indietro il fronte Alleato. Qualcuno sentì dire che addirittura volessero giungere sino a Roma. Per ora non lasciamo ancora Sommocolonia, la patria politica di Capitan Galletto, perché, oltre alla testimonianza del partigiano Corneli, detto “Balistite”, ripubblicata nel precedente articolo, ci pare interessante offrire al…

- di Redazione

Le celebrazioni della battaglia di Sommocolonia

Domenica 26 dicembre Sommocolonia: solenni celebrazioni per l’anniversario della battaglia di Sommocolonia (26 dicembre 1944 – 26 dicembre 2010).

- di Redazione

A Sommocolonia il ricordo di Manrico Ducceschi

BARGA – Una cerimonia ufficiale per ricordare il partigiano Manrico Ducceschi noto con il soprannome di Pippo a sessanta anni dalla sua tragica scomparsa.Lunedì mattina una delegazione dell’Amministrazione comunale con il consigliere Pietro Onesti e il maggiore Vittorio Biondi, della Brigata Folgore, ha deposto una corona di alloro in ricordo del comandante Pippo, nome di battaglia assunto riferendosi ad uno pseudonimo usato da Giuseppe Mazzini (come ha recentemente confermato Carlo Gabrielli Rosi, suo seguace di quel tempo. L’appuntamento a Sommocolonia dove si trova il cippo che commemora il partigiano collocato accanto al monumento ai caduti dedicato anche al Tenente della Divisione Buffalo, John Fox, morto da eroe nella battaglia del 26 dicembre 1944 e insignito dal Presidente degli Stati Uniti della Medaglia d’Onore.L’amministrazione Sereni ha voluto così ricordare la figura del partigiano Pippo morto tragicamente il 24 agosto del 1948. A questo proposito il sindaco di Barga, Umberto Sereni, ha anche inviato una lettera al presidente della Provincia, Stefano Baccelli,…