Per la riqualificazione urbana di Fornaci

-

FORNACI – Non c’era in verità tantissima gente. In tutto hanno preso parte una cinquantina di persone di cui la maggior parte addetti ai lavori, ovvero assessori e consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, e rappresentanti delle associazioni principali di Fornaci, dal Cipaf al Primo Maggio, a Fornaci 2.0 ma non solo. Per il resto poca la rappresentanza della cittadinanza di Fornaci in una riunione che era stata organizzata invece proprio per condividere invece con la gente un progetto per la riqualificazione di un’area urbana della cittadina.

L’incontro comunque, svoltosi ieri sera al cinema Puccini di Fornaci, ha offerto interessanti spunti. Il Comune, con la presenza del sindaco Caterina Campani, dell’assessore ai lavori pubblici Pietro Onesti e del capo dell’ufficio tecnico ing. Alessandro Donini ha esposto le idee circa il progetto di riqualificazione di un’area interna di Fornaci di Barga che comprende l’ex consiglio di frazione, ma anche l’area limitrofa che va da via Medi al piazzale don Minzoni.

Il progetto, prevede un finanziamento regionale di oltre 350 mila euro che servirà soprattutto per la sistemazione del palazzo del’ex consiglio di frazione, ma che l’amministrazione comunale vuole articolare con un progetto condiviso di riqualificazione di tutta quell’area urbana. Un progetto condiviso il più possibile con la gente di Fornaci.

Un primo tassello di un discorso più ampio, hanno spiegato gli amministratori, per iniziare a discutere più in generale sulla sicurezza stradale e la riqualificazione urbana di Fornaci, anche guardando a Ponte all’Ania visto che ormai le due realtà sono destinate a divenire con il tempo una unica realtà urbana.

L’Amministrazione comunale ha illustrato a grandi linee il progetto che vuole appunto riqualificare l’intera zona partendo ovviamente dalla ristrutturazione del consiglio di frazione il cui tetto è messo male da anni, ma arrivando anche alla attigua via Medi. L’idea è quella di verificare la possibilità di realizzare un percorso dedicato ai pedoni, ma anche l’avvio di una parte di pista pedonale che in futuro potrebbe essere ampliata fino a raggiungere l’area della cittadella scolastica.

Il comune ha anche proposto l’idea di completare il progetto con la messa a dimora di alcune piante in piazzale don Minzoni così rendere più verde l’ampio piazzale adibito a parcheggio. Sono stati anche annunciati, al di fuori del progetto,  l’imminente avvio di interventi di ristrutturazione  ringiovanimento di piazza IV Novembre e parco Menichini, per 25 mila euro.

Il comune ha anche annunciato di avere affidato uno studio (al prof. Pratelli dell’università di Pisa) per cercare di razionalizzare meglio la viabilità sia di Fornaci che di Ponte all’Ania; uno studio che prossimamente sarà di nuovo presentato alla cittadinanza.

Da parte di associazioni e realtà presenti in generale è venuta la richiesta a fare una valutazione più ampia per la riqualificazione a tutto campo del tessuto urbano di Fornaci, ma anche ad una attenzione maggiore verso la pulizia e la cura della cittadina richiedendo anche interventi di sensibilizzazione ed anche di repressione circa le deiezioni dei cani soprattutto nelle aree a verde, ma non solo.

Lo strumento che sarà utilizzato per condividere il più possibile con la comunità, ha spiegato il sindaco Campani, sarà anche il nuovo piano operativo (che è il vecchio regolamento urbanistico) che vedrà impegnato il comune nella sua stesura in questo e nel prossimo anno.

Da parte dei presenti è stato anche mostrato interesse, ed in tal senso è stato dato mandato al comune, per studiare un nuovo assetto viario di Fornaci e dintorni da ridiscutere poi con la cittadinanza.

Tag: , , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*