La storia del teatro Guglielmi a Barga con Paolo Giannotti (sabato 19 a Villa Nardi)

-

Riprendono gli appuntamenti letterari con gli incontri promossi sotto la sigla “Il Circolo” da Unitre Barga, Cento Lumi, Tralerighi libri e Circolo ACLI Rita Levi Montalcini in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Barga.

Sabato 19 gennaio alle 16:30, a Villa Nardi (viale Cesare Biondi 15, Barga) sarà di scena il professor Paolo Giannotti con il suo libro “Lo spettacolo è interrotto perché è andata via la scossa. Storia molto confidenziale del teatro Guglielmi”, recentemente pubblicato da Eclettica Edizioni.

Massese di origine e barghigiano di adozione, dalle nostre parti Giannotti è conosciuto soprattutto come insegnante di scuola media e forse in pochi conoscono la sua attività di cronista teatrale svolta per la Nazione dalla redazione del capoluogo apuano. Se aggiungiamo che il padre Ernesto e lo zio Ermanno sono stati fra i personaggi che hanno scritto la gloriosa storia del teatro dialettale massese, è facile intuire che per Paolo il Guglielmi è stato praticamente una seconda casa.

Un’atmosfera di famiglia è infatti quella che si respira sfogliando il suo “Lo spettacolo è sospeso perché è andata via la scossa”. Una “storia (molto) confidenziale” perché non si tratta di una ricerca e catalogazione storica di nomi o eventi susseguitisi sul palco del Guglielmi. Al contrario, davanti ai nostri occhi sfila una galleria apparentemente disordinata di personaggi che il teatro l’hanno vissuto: compagnie locali, macchinisti, guardiani, maschere, ma anche gente comune che era lì semplicemente per partecipare ai veglioni delle feste. Incrociando a volte il proprio destino con grandi personaggi come Puccini o vicende epocali come le due guerre.

Il tutto narrato nello stile inconfondibile dell’autore: agile, fluido, divertente e in apparenza spontaneo, in realtà frutto di uno studio accurato e degli anni di esperienza accumulati come scrittore sia di saggistica che di narrativa.

Dopo l’appuntamento di sabato 19 gennaio, gli incontri con “Il Circolo” proseguiranno nei mesi di febbraio e marzo. Il programma è ancora da definire nei dettagli, ma si preannuncia particolarmente ricco: Il Futuro Passato” di Virginio Monti (libro sul ’68 a Lucca. Introdurrà Mario Regoli), “Gli occhi azzurri e poi” di Alessandra Burzacchini (raccolta di racconti di un’autrice già venuta a Barga con il suo “Sulle tamerici salmastre“) e Il settimo peccato” di Carlo Martigli (giallo storico edito da Mondadori con protagonista il francescano Martino da Barga. Evento in collaborazione con l’Edicola Poli).

Tag: , , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*