Tra le righe winter festival Barga Da marzo incontri con gli autori. Si inizia con Giuliana Sgrena

- 6

E’ stata presentata a Barga la terza edizione dei momenti letterari che animano Villa Gherardi, sede della biblioteca comunale “Fratelli Rosselli”, e altri luoghi come il teatro dei Differenti o l’aula magna delle scuole. Si tratta dell’edizione 2015 del “Tra le righe di Barga winter festival”

L’evento, curato dall’amministrazione comunale, con la Biblioteca e Maria Luisa Livi, in collaborazione con Tra le righe libri vedrà una serie di presentazioni a marzo con differenti argomenti: si va dall’incontro con il mondo islamico raccontato dalla giornalista Giuliana Sgrena, al rapporto tra l’uomo e gli animali con lo scrittore lucchese Vincenzo Pardini, e poi la grande storia e l’autobiografia raccontata dalla scrittrice Francesca Duranti, passando attraverso le scritture femminili, il genere giallo e la natura, vicina più che mai, alla gente della valle del Serchio, con il terremoto.

Si inizia lunedì 2 marzo alle ore 10,30 presso il teatro dei Differenti dove la giornalista Giuliana Sgrena

incontrerà le scuole, parlando della condizione delle donne e sull’uso del velo nel mondo islamico. La Sgrena, conoscitrice dei paesi arabi, metterà a nudo le contraddizioni di un sistema in conflitto, destinato a mutare, nel quale si muovono milioni di donne senza nome, diritti, libertà.

Sabato 7 marzo alle ore 17 presso la sala della biblioteca si parlerà di scrittura femminile con Simonetta Simonetti, Brunella Bertoni, Silvia Redini, Maria Grazia Forli e Paola Ceccarelli: che cosa significa scrivere e leggere attraverso la penna e la lente di una donna.
Sabato14 marzo alla ore 17 Claudio Vastano parlerà del terremoto presentando “Garfagnana la valle del terremoti” (Garfagnana editrice), un saggio che coffre una fotografia reale e precisa della storia tellurica dei nostri territori e al contempo apre il campo a valutazioni e soluzioni migliori per affrontare le scosse.
Sabato 21 marzo sempre in biblioteca i lettori potranno conoscere chi ogni giorno indaga, attraverso la propria fantasia, momenti delittuosi costruendo gialli, noir e polizieschi. Ne parleranno Antonella Pellegrinotti, Marco Bonini (non il sindaco di Barga ma lo scvrittore garfagnino), Beppe Calabretta, Pietro Paolo Pighini, Maria Pia Pieri, Simone Togneri
Mercoledì 25 marzo alle ore 11 presso l’aula magna delle scuole, si terrà l’incontro con Francesca Duranti e l’autobiografia al quale parteciperà la saggista Anna Lisa Del Carlo, autrice di uno studio su “La Bambina” della scrittrice lucchese.
La Duranti, riprendendo le esperienze vissute durante la seconda guerra mondiale, ripercorrerà il ruolo dell’esperienza letteraria, che l’ha vista protagonista.

Infine il winter festival Barga si chiuderà sabato 28 marzo alle ore 16 con lo scrittore Vincenzo Pardini. L’evento voluto dall’Arca della valle si terrà in biblioteca. Al centro della presentazione il rapporto tra gli animali e l’uomo. Si parlerà della prefazione dello scrittore lucchese al romanzo “L’uomo e il cane” di Carlo Cassola, in libreria con una nuova edizione in questi mesi.

“Il winter festival – hanno ricordato l’assessore alla cultura Giovanna Stefani e il curatore Andrea Giannasi – è un momento culturale e letterario voluto dal comune di Barga per aumentare l’offerta di intelligenze. Lo scopo è quello di mettere gli spettatori, i lettori, gli studenti, i partecipanti, di fronte a grandi e piccoli fatti, per potersi porre delle domande. La ricerca delle risposte è già un esercizio che ci spinge a leggere, ricercare, studiare. Questo perché la curiosità muove il mondo e spesso lo fa nella direzione della condivisione, della tolleranza, del confronto. Ecco il Tra le righe winter festival Barga nasce proprio da questa esigenza”.

Tag: , , , , ,

Commenti

6

  1. Marroni Gianmarco


    Sgrena
    Assolutamente contrario alla presenza della Sgrena, colei liberata con o senza riscatto dallo Stato italiano con l aiuto dei servizi segreti dei quali uno ha perso la vita. Ho letto degli articoli sui maro in prigione in India che mi fanno solo montare la rabbia. Comunque questo e’ un pensiero personale e se fossi un insegnante mi opporrei a portare la mia classe.


  2. Sgrena o non Sgrena
    Infatti non sei un insegnante. Meno male.Giuseppe Luti.

  3. Marroni Gianmarco


    Sgrena o non sgrena
    Fino a prova contraria ho il diploma di maestro, il fatto di non esercitare e’ una mia scelta.. In piu ho una laurea specialistica in emergenza Sanitaria.. Ti ricordo che I cari compagni sono la rovina dell Italia in tutti sensi..


  4. sgrena
    i compagni saranno i tuoi.Luti Giuseppe

  5. Merlini Claudio


    d’accordo con Giammarco
    Come non essere d’accordo con te Giammarco. È veramente una cosa ignobile. Penso anche che purtroppo Giammarco abbiamo sbagliato a non fare ciò per cui abbiamo studiato, cioè i maestri, se quelli di ora invitano certa gente. Questo incontro dovrebbe andare deserto e Barga essere tappezzata di volantini pro marò.

  6. Marroni Gianmarco


    Sgrena
    Il mio era solo un pensiero personale Giuseppe e ognuno ha il diritto di esprimere le proprie opinioni in una nazione dove esiSte la liberata’ di pensiero. Prendi fuoco troppo facilmente e le tue risposte possono sembrare un po offensive. Io ho solo detto di non condividere l invito della Sgrena per I motivi che ho detto, chi ha organizzato l evento ha I Suoi buoni motivi pero mi farebbeiacere se si invitassero anche personaggi come Pansa ma a molti il revisionismo storico da fastidio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.