Le bontà della Garfagnana a tavola

-

Il progetto regionale Vetrina Toscana vive uno dei suoi momenti clou in parallelo con il Desco a Lucca. L’iniziativa, promossa da Confcommercio Lucca assieme a Confesercenti, punta il focus sull’olio d’oliva: settimane enogastronomiche e degustazioni di prodotti tipici nei ristoranti e nelle botteghe aderenti dal 16 novembre fino all’8 dicembre. Menù speciali dunque in tutto il territorio provinciale da Lucca alla Piana, dalla Versilia fino alla Media Valle. Sono 8 i ristoranti aderenti all’iniziativa da Ghivizzano fino a Pieve Fosciana. Risalendo da Lucca, il primo ristorante aderente è La Cantina delle Pianacce dello chef Mariano Rapaioli con un menù a 25 euro che offre lombetto di cinta senese, degustazione di ravioloni su trilogia di salse, straccetti di
pollo del cortile con patate dell’Alpe ed una crema aromatizzata con mirtilli selvatici, vini ed olio della tenuta del Buonamico e fattoria Barbi.
A Castelvecchio, è Il Ciocco Resort ad offrire un menù da 49 euro con variazione di chianina per antipasto, raviolo di catagne, carrè di agnello con polenta ottofile su fonduta di pecorini e il parfait al buccellato di Lucca come dolce con vini della tenuta del Buonamico e del Colle di Bordocheo da cui arriva anche l’olio.
A Castelnuovo ben 5 adesioni: dai 25 euro de La Rocca (fettunta, spaghetti con olive nostraline e zuppa di farro della Garfagnana, tagliata di manzo e focaccia con la nutella assieme ai vini della fattoria La Fortezza e all’olio del frantoio del Casale) e dell’Osteria Vecchio Mulino (tartata di manzo, manzo di pozza, torte salate, trota affumicata, bazzone, mondiola e birolo della Garfagnana con i vini di Colle Verde e di Concori e l’olio Baldaccini e Ceragioli), ai 28 euro del ristorante Da Carlino (minestrone di farro, risotto cacio e pepe, tagliata di manzo alle erbette e come vini Greo e Fubbiano). Trenta euro per i menù del ristorante Il Baretto (crostone di pane di patate con lardo, manzo di pozza, zuppa di verdure, caserecce di farro alla carbonara, tagliata di maiale con castagne, tris di delizie garfagnine e vini di Fubbiano e Costa Davini, olio Fabbri e Ceragioli) e de Il Ciulè (bruschetta, minestrone di farro, maccheroni di grano con castagne e noci, spezzatino di coniglio, castagnaccio e vini Wandanna, il Poggio e Villa Mimosa, olio Mei di Matraia).
Chiude il programma il ristorante Il Pozzo di Pieve Fosciana a 30 euro con frittelline al formaggio, zuppa alla frantoiana e maccheroni cacio e pepe, fritto di cortile e verdure, vini ed oli Lenzini, Greo e Valle del Sole. All’iniziativa aderiscono anche tre botteghe di Castelnuovo: La piazzetta di Abrami Angelo con farina di castagne, salumi e formaggi ed olio del compitese, Pozzo di Bacco con olio della tenuta di Forci e L’Aia di Piero con pane di patate cotto a legna, olio delle colline lucchesi, torte di farro, dolce di farina di castagne, mondiola e biroldo.

Tag: , , , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*