Tag: San Cristoforo

- di Redazione

Un San Cristoforo di impegno

In un’atmosfera surreale come surreali sono questi mesi che stiamo vivendo, in compagnia dell’epidemia mondiale, si sono svolte ieri sera le celebrazioni dedicate al Santo Patrono di Barga, San Cristoforo. E’ mancata quest’anno, per forza di cose, la solenne processione, ma tutto il resto della cerimonia religiosa della vigilia si è invece svolta in Duomo a Barga, con la presenza del vescovo della nostra diocesi di Pisa, mons. Giovanni Paolo Benotto. Nella cattedrale millenaria di Barga, c’è stata l’esposizione della reliquia di San Cristoforo che solitamente viene invece portata in processione nel “braccio” e poi la consueta preghiera a San Cristoforo, pronunciata come da tradizione dal primo cittadino, con la benedizione finale impartita dal vescovo. La serata è stata poi accompagnata anche dalla musica eseguita all’organo del Duomo dai musicisti Andrea Anfuso, Gabriella Pisani, Milo Turri e Roberta Barsanti. Dicevamo di una atmosfera surreale. Non le folle oceaniche che accoglievano il “Braccio” del santo negli scorsi anni al termine di…

- di Redazione

Ecco la tradizione della bandiera di San Cristoforo

BARGA – Ogni 18 luglio e per molti giorni a venire, la bandiera di San Cristoforo sventola sempre dalpennone del campanile del Duomo di Barga. Segna l’inizio dei festeggiamenti in onore del patrono di Barga San Cristoforo (la ricorrenza il 25 luglio) e mai come quest’anno c’è stata emozione e partecipazione per la semplice cerimonia che con i campanari si svolge sul campanile per issare la bandiera. Mai come quest’anno, perché proprio la bandiera di San Cristoforo è stato nel marzo scorso uno dei simboli della resistenza e della resilienza dei barghigiani contro il coronavirus. I campanari ne issarono una sul pennone più alto (non era mai avvenuto che la bandiera sventolasse se non per San Cristoforo), proprio nei primi giorni bui del lockdown e per diversi giorni a venire, quando anche la voce dell’orologio del Duomo era stata “spenta” a causa dell’impossibilità di ricaricare l’apparecchiatura, era stata il faro a cui guardare per tanti barghigiani; diceva a tutti che…

- di Redazione

I festeggiamenti di San Cristoforo a Barga

BARGA – Tra le tante rinunce legate all’estate covid, anche quella della solenne e partecipatissima processione di San Cristoforo, il patrono di Barga (che si festeggia il 25 luglio). Era una delle più suggestive tra quelle organizzate in provincia di Lucca, ma quest’anno la processione non ci sarà. Non mancheranno però i festeggiamenti del santo patrono e non mancheranno appuntamenti religiosi per celebrare degnamente la ricorrenza, sia la sera della vigilia che il giorno del 25 luglio. La processione del 24 luglio non ci sarà come detto, ma in Duomo alle 21,15, alla presenza dell’arcivescovo della Diocesi di Pisa mons. Giovanni Paolo Benotto che presiederà tutte le celebrazioni, avverrà l’esposizione della reliquia di San Cristoforo che solitamente viene invece portata in processione nel “braccio”. Il tutto sarà annunciato dal doppio dei campanari di Barga e da vespri solenni. In Duomo ci sarà poi la consueta preghiera a San Cristoforo, pronunciata da tradizione dal primo cittadino e poi la benedizione del…

- di Redazione

Spettacolo e tradizione rispettati alla processione di San Cristoforo

In una serata particolarmente calda, che ha messo a dura prova tutti i partecipanti al corteo ed in special modo i figuranti in costume, si è svolta ieri sera la Processione di San Cristoforo, patrono di Barga, uno degli eventi più solenni e suggestivi che si svolgono in provincia di Lucca.  Tantissima la partecipazione al corteo in special modo di figuranti in costume, capitanati da quelli del calcio storiuco fiorentino che in omaggio alla tradizione fiorentina di Barga hanno aperto il corteo, portando anche il labaro del comune di Firenze, a quelli del comune di Pisa, per finire con Lucca, con le contrade di Fiumalbo e Pievepelago e tanti altri ancora. Tanti i comuni presenti, Lucca, Castelnuovo ma anche quelli di tutta la provincia. Tantissimi anche  i vessilli e gli uomini di tante associazioni del territorio barghigiano Accompagnata anche dalla Banda Luporini di Barga e dalle compagnie delle chiese barghigiane e dell’unità pastorale, con le cappe dai diversi colori,  a…

- di Redazione

Tutto pronto per i festeggiamenti di San Cristoforo con la solenne processione

BARGA – Come tutti gli anni torna nell’estate barghigiana anche il fascino della tradizione e della storia. San Cristoforo è il patrono di Barga ed ormai da qualche decennio, grazie anche all’impegno dell’Amministrazione Comunale, l’evento è tornato a rivestire importanza anche a livello di attrazione turistica oltre che per il suo significato religioso. La tradizionale processione della vigilia (la sera del 24 luglio con partenza alle 21 dalla chiesa del Sacro Cuore ed arrivo in Duomo) è divenuta una delle poi importanti manifestazioni religiose che si celebrano in tutta la Provincia di Lucca, con la partecipazione di migliaia di persone. La processione, sarà condotta quest’anno dal vescovo della Diocesi di Pisa mons, Giovanni Paolo Benotto, che poi il giorno successivo in Duomo presiederà la solenne santa messa in onore del Santo (25 luglio, ore 11). Per quanto riguarda la processione tutto il percorso del corteo sarà illuminato da ceri e torce ed alle finestre ed ai balconi verranno stesi gli antichi e…

- di Redazione

La bandiera ed il doppio per San Cristoforo. A Barga si ripete la bella tradizione

BARGA – L’esposizione della bandiera di Barga sul campanile del Duomo, segna l’inizio dei festeggiamenti in onore del patrono di Barga San Cristoforo (la ricorrenza il 25 luglio con prologo il 24 con la solenne processione). Così naturalmente è stato oggi e sarà per i prossimi giorni. Come da tradizione i campanari di Barga, stamani 18 luglio, hanno issato la bandiera sul pennone del Duomo per annunciare la festa del Santo Patrono, San Cristoforo. C’era per l’occasione anche il sindaco di Barga Caterina Campani che per la prima volta assiste a questo rituale; con lei don Stefano Serafini e diversi componenti della squadra dei bravi campanari di Barga. Non è mancato anche il classico brindisi benaugurale, affinché la festa patronale sia come ogni anno bella, sentita e partecipata. E’ una storia che si ripete da anni ed anni, da decenni e rispettando la stessa tradizione, all’alzabandiera è seguito a mezzogiorno in punto il rintocco a distesa della campana piccola, poi…

- di Luca Galeotti

San Cristoforo d’oro: riconoscimenti a Dario Ballantini, il Giornale di Barga e il GVS

Ebbene sì, ci saremo anche noi quest’anno tra i premiati del San Cristoforo d’oro. Il Comune di Barga ha fatto il grande onore al Giornale di Barga di inserirlo tra le due realtà barghigiane alle quali il prossimo 24 luglio, il giorno della vigilia, verrà consegnato il più alto riconoscimento comunale, la medaglia d’oro di San Cristoforo. Il riconoscimento, come ha spiegato stamattina il sindaco Caterina Campani nella conferenza stampa in cui ha presentato la cerimonia, è stato assegnato a Il Giornale di Barga per il settantesimo anno dalla fondazione che ricorre in questo 2019. Una informazione che ha resistito al profondo cambiamento dell’editoria e che si è aggiornata ad esso, pur mantenendo intanto e costante la pubblicazione del mensile che esce ininterrottamente da 70 anni. Un grande onore quello che ci fa il comune di Barga che ringraziamo di cuore, a cominciare dal sindaco Caterina Campani, per il riconoscimento; un San Cristoforo d’oro che va non tanto a me…

- di Ubaldo Giannini

San Cristoforo e la sua storia

San Cristoforo è rappresentato da una statua colossale  di legno posta dietro l’altare maggiore del duomo di Barga. E’ un’opera  medioevale che anticamente poggiava sopra il medesimo altare così come dice il Targioni. Nel 1802, su proposta del Brandi, fu costruita una nicchia  dietro l’altare e lì venne posta la colossale statua. Non è vera la leggenda  che, per disporla nella suddetta nicchia,  gli furono tagliate le gambe! Da questa leggenda però prese radici un sonetto che così diceva: “dei santi il più grande , il più forte, il più buono, il popolo di Barga  Lo volle Patrono. Perché non andasse poi via dal paese, con poca creanza le gambe gli prese”. Di questa diceria è falsa la credenza  che colui che aveva segato le gambe della statua ed i suoi discendenti sarebbero deceduti  a causa del taglio degli arti inferiori. San Cristoforo  veste di rosso come martire ,  tiene in mano un bastone di pino   e sulla spalla porta…

- di Redazione

La processione di San Cristoforo 2018

Dopo le celebrazioni istituzionali, come da tradizione, la vigilia del santo patrono ha ceduto il passo alle celebrazioni religiose con la solenne processione che ha portato il “braccio” del Santo dalla Chiesa del sacro Cuore fino in Duomo. L’0evento si è tenuto ieri sera, in una calda serata di luglio, con la presenza di tanta gente lungo il percorso, ma un a partecipazione invece alla processione che ci è sembrata meno numerosa delle passate edizioni. Anche tra le compagnie delle chiese barghigiana abbiamo notato un certo calo dfi partecipanti, confermato da alcuni degli stessi componenti. Quello della processione è stato comunque come al solito un momento intenso ed emozionante. Vissuto dai fedeli, ma anche da tanti cittadini che hanno voluto assistere, insieme ai turisti, al passaggio del corteo. Presenti alla processione oltre agli amministratori del comune di Barga, in apertura i gonfaloni di Firenze, a ricordo dell’isola fiorentina che era Barga, e Lucca, dei comuni “ospiti” di Fiumalbo e Pieve…

- di Redazione

San Cristoforo d’oro, ecco tutti i premiati

Tutto come da programma per l’edizione 2018 del premio “San Cristoforo d’oro” consegnato, insieme ad altre targhe e riconoscimenti nel pomeriggio della vigilia del santo patrono, il 24 luglio, presso il teatro dei Differenti. L’ultima edizione di questa amministrazione comunale e del sindaco Marco Bonini in particolare, che con questo anno chiude il suo mandato come primo cittadino Sono stati tre i San Cristoforo d’Oro che quest’anno sono stati consegnati per premiare le persone e le realtà, stavolta tutte del comune, che con il loro lavoro e impegno si sono distinti nel mondo ed in patria ed hanno portato alti i colori di Barga: l’Associazione Pro Loco, la pluricampionessa di salto in alto Idea Pieroni e la campionessa del mondo di judo Cristina Marsili. Unica variazione rispetto al programma, l’assenza per altri impegni della giovane Idea, fresca del quarto posto agli europei under 18; a lei il riconoscimento sarà consegnato la sera del 28 luglio a Fornaci di Barga. Presenti…

- di Redazione

Ecco la bandiera di San Cristoforo

Come da tradizione i campanari di Barga, stamani 18 luglio, hanno issato la bandiera sul pennone del Duomo per annunciare la festa del Santo Patrono, San Cristoforo, che si terrà il 25 luglio prossimo. Rispettando la stessa tradizione, all’alzabandiera è seguito a mezzogiorno in punto il rintocco a distesa della campana grossa, poi il doppio e infine la “distesa a galletto” della campana mezzana del Duomo di Barga. E’ una cerimonia questa della tradizione, che ci piacere rimarcare e documentare ogni anno.     L’esposizione della bandiera di Barga sul campanile del Duomo, segna l’inizio dei festeggiamenti in onore del patrono di Barga San Cristoforo (la ricorrenza il 25 luglio con prologo il 24 con la solenne processione). Il doppio che è seguito a mezzogiorno, si ripeterà ogni giorno fino al 24 luglio, per preparare la comunità alla festa patronale. Questi doppi hanno anche un aspetto curioso: alla fine della sonata, la campana mezzana viene nuovamente portata come si dice…

- di Ivano Stefani

Il culto di San Cristoforo

Sabato pomeriggio, 23 giugno, alla Fondazione Ricci Onlus di Barga presentazione del libro del prof. Stefano Borsi “Storia di San Cristoforo – Origine e diffusione di un culto tra mito e realtà”. Alla presenza di un attento pubblico, con presentazione e introduzione di Cristiana Ricci, Caterina Campani e Sara Moscardini, l’autore ha parlato, con dovizia di particolari, della storia plurisecolare del culto a San Cristoforo. Egli ha ripercorsomodalità di diffusione e forme di divulgazione ricostruendo vicende e contestualizzando storicamente e geograficamente, argomentando sull’agiografia, riferendo sulle scelte architettoniche e iconografiche, descrivendo l’antico sostrato precristiano. Partendo poi dal caso di Barga e la diocesi di Lucca in epoca medievale, egli ha indagato su alcuni edifici intitolati a San Cristoforo estendendo il campo di ricerca fino al continente europeo.  Al termine alcune domande dei presenti e un breve intervento di Marco Poma.