Tag: NoiTV

- di Redazione

Coronavirus, 19 contagi alla Rsa di Gallicano; morto un anziano

GALLICANO – Sono diciannove i contagi da Coronavirus accertati tra venerdì e sabato alla residenza sanitaria assistita Paoli Puccetti di Gallicano. E purtroppo c’è già una persona deceduta, un anziano di Borgo a Mozzano che era ospite della struttura. La notizia della sua morte è stata riferita dal sindaco di Borgo a Mozzano, Patrizio Andreuccetti. Tutto è iniziato venerdì mattina quando era stata rilevata la positività di un’ospite della struttura, una donna di Molazzana. Il tampone le era stato fatto non perchè presentasse dei sintomi ma perchè doveva essere sottoposta ad alcuni esami in ospedale. Una scoperta quasi casuale che ha fatto però scattare l’allarme. Sono stati quindi eseguiti i tamponi a tutti gli ospiti e gli operatori sanitari; tamponi risultati positivi per 12 ospiti, uno dei quali come già detto è purtroppo deceduto e per 7 operatori della struttura. Adesso si sta decidendo come gestire la struttura, che potrebbe essere trasformata in Rsa Covid, con tutte le attrezzature necessarie,…

- di Redazione

Covid-19, contagi nella residenza sanitaria assistita di Gallicano

GALLICANO – Da Gallicano non arrivano purtroppo belle notizie. Ci sono ben 13 casi di contagio alla RSA Paoli Puccetti. Lo rende noto il sindaco David Saisi sulla pagina Facebook Gallicano News. “Al momento i casi positivi che l’Asl mi ha comunicato sono 13: 3 operatori sanitari e 10 ospiti di struttura. La situazione è però in evoluzione.” La Asl per ora aveva invece confermato 7 casi positivi. Il primo caso si era verificato ieri, una donna da tre settimane ospite della Rsa. Da qu è partito tutto il monitoraggio e sono stati effettuati i in tutto 30 tamponi che hanno portato a far registrare i 13 casi emersi og

- di Redazione

Primi 6 casi a Vagli: un’intera famiglia contagiata

VAGLI – Primi tamponi positivi al Coronavirus anche nel comune garfagnino di Vagli. Si tratta di un nucleo familiare di sei persone. Le loro condizioni non sarebbero gravi e sono adesso in quarantena all’interno della loro abitazione.

- di Redazione

Covid-19, Misericordia del Barghigiano in prima linea

BARGA – Quanto siamo stanchi? Da 1 a 10 direi 12… – questo ci racconta la governatrice della Misericordia del Barghigiano Maria Carla Andreozzi,– Adesso ci sono 9 dipendenti, 2 stagisti ed 8 volontari. Il gruppO dei volontari si è ridotto drasticamente a causa dell’emergenza: soprattutto le persone con una certa età sulle spalle e qualche patologia di troppo, hanno deciso, giustamente, di rimanere a casa. Così  alla Misericordia del Barghigiano si fa buon viso a cattivo gioco ed ognuna del persone attive è impegnata ogni giorno per diverse ore. “Non ci tiriamo certo indietro di dice sempre la Governatrice –  teniamo duro ed andiamo avanti confortati dal fatto che la gente ci sta vicino”. La Misericordia del Barghigiano è una delle eccellenze locali del volontariato: realtà direttamente sul campo sia come Punto PET del 118 a Fornaci di Barga, servendo tutto il comune ed una bella fetta di Media Valle, che svolgendo analogo servizio anche preso il punto PET…

- di Redazione

Acquabona, dalla Regione mezzo milione per gli ultimi interventi sulla regionale 445

CASTELNUOVO – Investimenti in arrivo dalla Regione per completare importanti interventi strade regionali in varie zone della Toscana. Con una delibera, proposta dall’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli ed approvata dalla Giunta sono state autorizzate nuove risorse per completare interventi sulla viabilità regionale, da parte delle Province toscane. Per quanto riguarda la nostra provincia l’investimento ammonta a mezzo milione di euro, a cui si aggiungono altri 95mila euro tratti da economie su stanziamenti precedenti per completare il ripristino della Sr 445 nei comuni di Gallicano e Castelnuovo Garfagnana, consolidando il movimento franoso avvenuto in località Acquabona; La strada in realtà è già percorribile senza problemi in ambedue i sensi di marci. Il finanziamento serve per portare a termine alcune opera di rifinitura e chiudere completamente il cantiere, che è di competenza provinciale. Gli altri finanziamenti regionali riguardano invece la variante al centro abitato di Castelnuovo Val di Cecina, in provincia di Pisa, ed il terzo lotto della variante alla regionale…

- di Redazione

Neve sopra i 1000 metri, colpo di coda dell’inverno

VALLE DEL SERCHIO – La neve vera, se le previsioni risulteranno corrette, in montagna la si aspetta per la notte e per la giornata di giovedì, se il vento calerà però di intensità e le temperature risaliranno Quello di mercoledì è stato invece solo un ulteriore assaggio di inverno che da qualche giorni sta regalando, dopo le temperature primaverili fino a domenica scorsa, giorni davvero invernali. A San Pellegrino in Alpe questo mercoledì mattina, come ci riferisce Paolo Lunardi, titolare dello storico ristorante albergo L’Appennino – Da Pacetto, solo una spolverata di neve, portata da forti venti da nord est che hanno atto volare i fiocchi anche più in basso fino a Chiozza; il vento forte ed il gelo sono i principali  protagonisti con temperature che a San Pellegrino sono scese a – 12. Le strade sono rimaste regolarmente aperte, ma del resto non è che ci sia un grande traffico visto l’emergenza coronavirus. Queste altre immagini si riferiscono a…

- di Redazione

KME in attesa di certezze per il DPCM Chiudi Italia

FORNACI DI BARGA – Con il DPCM Chiudi Italia, KME, con il suo stabilimento di Fornaci di Barga rientra tra le attività produttive che entro il 25 marzo dovranno chiudere i battenti. Tra i codici ATECO autorizzati a continuare l’attività non figurano quelli propri dello stabilimento metallurgico di Fornaci e dunque per la fabbrica si prospetta la chiusura di tutte le attività almeno fino al 3 aprile prossimo. Potrebbero però esserci sviluppi diversi. Sulla questione apertura e chiusura della fabbrica infatti fermento in questi giorni. FIOM per questo martedì 24 marzo, ha proclamato, unica sigla sindacale, uno sciopero di 8 ore in fabbrica ed ha chiesto da subito la chiusura immediata; l’azienda dal canto suo ha invece chiesto la deroga da parte del Prefetto di Lucca prevista per alcune attività, in quanto KME fornisce filiere legate a servizi essenziali ad apparecchi elettromedicali; FIM e UILM invece hanno scelto la via della mediazione con l’azienda concordando poi alla fine di predisporre…

- di Redazione

Dal San Luca appello alla prudenza: “Troppo presto per fare un bilancio”

LUCCA – La curva del contagio cresce, in maniera più lenta. Ma è in espansione. E’ un appello alla prudenza quello che viene dal primario di malattie infettive dell’ospedale San Lucca di Lucca Sauro Luchi: non dobbiamo distogliere l’attenzione dal rigore con cui rispettiamo le regole. Raccomanda. Nonostante i dati degli ultimi giorni registrano una lieve diminuzione della crescita, ma è ancora troppo presto per capire se la strada è giusta. Bene le misure restrittive contenute nel nuovo decreto, secondo Luchi, ma se necessario si dovranno attuare misure ancora più stringenti

- di Redazione

Caos sulla chiusura delle aziende: “Decreto da interpretare, serve chiarezza”

PROVINCIA DI LUCCA – Alla fine il decreto è arrivato. Lo stop di tutte le realtà produttive fino al 3 aprile cambierà ancora e di più la vita di cittadini e lavoratori. Le fabbriche che producono merci non essenziali hanno tempo fino a martedi per organizzarsi e terminare le lavorazioni in corso. Alla fine il decreto è arrivato. Lo stop di tutte le realtà produttive fino al 3 aprile cambierà ancora e di più la vita di cittadini e lavoratori. Le fabbriche che producono merci non essenziali hanno tempo fino a martedi per organizzarsi e terminare le lavorazioni in corso. La serrata parte da mercoledì 25 marzo. La decisione del governo di concedere 72 ore per la chiusura delle aziende ha tenuto conto della richiesta di Confindustria di di una maggiore chiarezza per le imprese, fino a poche ore fa nel caos dovuto alla difficoltà di capire quali fossero le attività consentite e quali no. Possono restare aperte solo le…

- di Redazione

Fine settimana di controlli in Valle del Serchio

VALLE DEL SERCHIO – Sono proseguiti  anche nel fine settimana, sul tutto il territorio della Media Valle del Serchio i controlli delle forze dell’ordine. Va detto che in linea di massima i paesi sono rimasti deserti ed anche le principali arterie hanno visto la presenza di un traffico limitato. Per quanto riguarda i controlli sul territorio, particolarmente intensa è è l’attività svolta anche dalla polizia municipale. Per i comuni di Borgo a Mozzano, Coreglia, Pescaglia, Bagni di Lucca e Gallicano c’è un servizio associato di polizia municipale con a capo il comandante Marco Martini . In questo week end la risposta della popolazione alle norme previste è stata più che buona, ci fa sapere. I controlli hanno evidenziato un sostanziale rispetto delle misure da parte degli automobilisti. Poca gente in giro per le strade che quindi in linea di massima risultano pressoché deserte e, per gli automobilisti presenti, massimo rispetto di quelle che sono le esigenze che permettono di uscire…

- di Redazione

Raid di lupi ( o cani ) in un allevamento di Mologno

BARGA – Quattro capre sbranate e due sparite. Questo il risultati del raid avvenuto in questi giorni a Mologno nel comune di Barga, presso una piccola tenuta agricola privata della famiglia Giannotti   In questa piccola tenuta, si trovano capre, galline e conigli ma nei giorni scorsi c’è stata la brutta sorpresa,  quando uno dei due fratelli della famiglia Giannotti è giunto sul posto da Barga per dare da mangiare agli animali: quattro capre erano a terra morte, sbranate, mentre altre due erano sparite. Delle sette capre che possedevano, solo una è rimasta in vita. Non era mai successo niente del genere ci hanno raccontato i due fratelli che ci dicono che da trentacinque anni che hanno questa  piccola tenuta con l’orto e gli animali ma le capre non erano mai state prese di mira. Qualche volta hanno avuto la visita di volpi e faine interessate alle galline, ma le capre avevano vissuto fino ad ora tranquille nel recinto ed…

- di Redazione

21 marzo, primo giorno di Primavera

VALLE DEL SERCHIO – La natura non lo sa che  il calendario ci dice che è da oggi siamo ufficialmente entrati in primavera; Il mondo vegetale  da oltre una settimana ci manda  segnali piuttosto chiari che la primavera 2020 è già arrivata; con un po’ di anticipo questo lo si capisce dal verde dei prati, dai germogli dei alberi e poi ci sono i fiori che sono i veri protagonisti della primavera; il fiore è l’elemento riproduttivo del mondo vegetale e in questo periodo darà il meglio di se. Ovunque si vedono  fiori con colori accessi,  molto spesso sono gialli, proprio  per attirare insetti in modo di garantire la specie vegetale  che basa la riproduzione  nell’impollinazione; il tutto con  l’aiuto di  animali e del vento. Certo è che la primavera viverla in questo tempo di Coronavirus non è facile ed è anche un po’ surreale. Non possiamo uscire come invece il periodo di porterebbe a fare, ora poi sono chiusi…