Tag: cimitero

- 1 di Redazione

A nuovo la fontanina del cimitero di Renaio

RENAIO – Il piccolo cimiterino di Renaio sorge a oltre 1000 metri sul livello del mare. E’ un luogo di grande spiritualità, immerso tra i castagni e con la cornice del solo cinguettare degli uccellini durante i mesi estivi, ma lo è anche quando è sferzato dai gelidi venti di tramontana d’inverno. Un luogo davvero unico, dove riposano gli abitanti della montagna e non solo visto che qui hanno scelto l’ultima dimora anche i coniugi Hunt, i fondatori di Opera Barga. E’ un cimitero se si vuole anche ecumenico visto che qui riposano, in pace ed insieme, anche coloro che sono appartenuti alla comunità valdese di Renaio, come Enrico Marci, al secolo il Righetto, comunista e valdese a capo della bottega di appalto oggi gestita dalla nipote Franca e divenuta un ristorante gettonatissimo. Il piccolo cimitero è spesso oggetto delle cure degli abitanti della zona che, senza chiedere niente a nessuno, spesso pensano in autonomia alla sua manutenzione. Poche parole…

- di Redazione

Erba alta al cimitero

BARGA – Da un nostro lettore arrivano alcune foto relative all’erba alta presso il cimitero di Barga. Chiede che si faccia qualcosa per rendere più decoroso il camposanto, partendo appunto dalla cura dei prati.

- di Redazione

I guai del cimitero di Sommocolonia

Da qualche giorno circolano su Facebook le foto dello stato di degrado del piccolo cimitero di Sommocolonia, piccolo borgo collinare che si affaccia, come una splendida terrazza esso stesso, , su Barga e la Valle del Serchio. La signora Loriana Mazzolini ha denunciato le condizioni in cui versa il cimitero: crepe che riguardano parte dei vecchi colombari, alcune tombe smosse anche nel terreno. Anche la tettoia da cui sia accede a parte dei colombari vede un trave puntellato, mentre alcune crepe si vedono nei nuovi colombari di più recente costruzione. Il tutto è conseguenza dei danni alluvionali del 2014 quando si verificò una grossa frana che interessò appunto anche i terreni del cimitero. Ora il versante è cedevole. La donna però lamenta anche una scarsa cura del cimitero come dimostra, ci dice,  la croce della cappellina pericolante e la porta della stessa chiusa alla meglio “Questa è la realtà da tanto tempo purtroppo – ci dice Loriana Mazzolini – I…

- di Redazione

Loculi danneggiati nella parte nuova del cimitero. “Cosimini: risolveremo al più presto il problema”

Da ieri una sezione dei loculi in gestione alla Misericordia di Barga, nella parte nuova del cimitero di Barga, presentano delle lesioni assai visibili che stanno distaccando le lapidi di copertura. Una specie di pressione dall’interno del colombario con le lapidi più basse che si sono anche colorate di marrone. L’area è stata immediatamente transennata per motivi di sicurezza e già ieri c’è stato un primo sopralluogo con la presenza anche del Governatore della Arciconfraternita di Misericordia di Barga., Enrico Cosimini “Sono loculi costruiti una ventina di anni fa – spiega – e che per il momento non avevano dato alcun segno di problema. Si vede chiaramente che le lapidi si stanno distaccando e  tutto è avvenuto in questi giorni . A quanto ci hanno etto i tecnici interpellati potrebbe essere un problema del collante che non regge più e che oltretutto sta aspirando umidità dal terreno. Comunque sia interverremo in modo da risolvere il problema definitivamente dopo la ricorrenza…

- di Redazione

Ecco la nuova cappellina del cimitero di Barga

Stamani, sabato 15 settembre, nella parte nuova del cimitero l’Arciconfraternita di Misericordia ha provveduto ad inaugurare la nuova Cappella per il servizio religioso di quella parte del camposanto. La cerimonia ha visto una messa solenne concelebrata dall’Arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto e dal proposto di Barga Don Stefano Serafini. Durante la mattinata, al quale hanno preso in tanti, il Governatore della Misericordia Enrico Cosimini ha ricordato il perché dell’iniziativa del Magistrato per la costruzione di questo luogo di culto ed ha ringraziato tutti coloro che in vario modo hanno contribuito anche all’arredo e alle altre opere. In totale l’intervento è costato alla Misericordia circa 45 mila euro. L’idea della Cappella è nata lo scorso anno occasione dei duecento anni della fondazione o migliore rifondazione che risale al 1817. Tra le ultime iniziative da realizzare c’era appunto quella della cappellina, realizzata a tempo di record (i lavori sono partiti nel marzo 2018 eseguiti dalla ditta locale, l’impresa edile Marchetti & Petri);…

- 2 di Pier Giuliano Cecchi

Le memorie della Grande Guerra nel comune di Barga (prima parte)

Intanto iniziamo informando i lettori che l’elenco dei Caduti e Dispersi del Comune di Barga nella Grande Guerra, redatto dallo scrivente nel 2015 e pubblicato in due articoli sul Giornale di Barga Online, sotto il titolo: “La storia dei Caduti di Barga nella Prima Guerra Mondiale”,  il primo del 14 ottobre, l’altro del 22 ottobre 2015, oggi, sempre a cura dello stesso scrivente è stato aggiornato. Il precedente elenco, che già aveva già comportato un non indifferente lavoro di ricostruzione storica, partito dall’osservazione della lapide commemorativa di tutti i Caduti del Comune presente al Cimitero di Barga, che ne assomma 149 di cui 6 nomi erano stati inspiegabilmente doppiati, quindi 143 effettivi, allora salirono a 153. Oggi, in occasione del Centenario dalla fine di quel conflitto 1918 – 2018, dopo altra indagine, effettuata incrociando quei 153 nomi con quelli presenti sulle lapidi che a suo tempo furono messe in varie frazioni del Comune di Barga e altre osservazioni, l’elenco è…

- di Pier Giuliano Cecchi

Nuova Cappella al cimitero di Barga: sabato 15 l’inaugurazione    

Sabato 15 settembre nell’ala nuova del cimitero di Barga l’Arciconfraternita di Misericordia inaugurerà la nuova Cappella per il servizio religioso di quella parte del camposanto. L’appuntamento è per le ore 10,30, con una messa solenne concelebrata dall’Arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto e dal proposto di Barga Don Stefano Serafini. L’inaugurazione sarà peraltro preceduta da altro appuntamento in programma per il giorno venerdì 14 settembre presso l’Aula Magna dell’I.S.I. a Barga, dove i Maestri Arturo Pivato e Mariella Baiocchi, un duo di pianoforte molto conosciuto e apprezzato a Barga e oltre, terranno un loro concerto in onore della bella e utile iniziativa dell’Arciconfraternita di Misericordia. L’idea della Cappella nacque in seno al Magistrato dell’Arciconfraternita in occasione dei duecento dalla fondazione o migliore rifondazione che risale al 1817, che previdero varie iniziative celebrative nel corso dell’anno 2017, tra cui spicca il volume sulla sua storia “L’Arciconfraternita di Misericordia di Barga compie 200 anni (1817 – 2017)” e, appunto, su concessione comunale…

- di Redazione

Per il muro del cimitero di Renaio

Il muro del piccolo cimitero montano di Renaio non era in grande forma ormai da tanti anni. Le infiltrazioni di acqua e l’opera successiva del ghiaccio d’inverno hanno prodotto negli anni copiose fessurazioni che da molto necessitavano di un intervento; non solo per riparare i danni, ma anche per cercare di limitare l’opera usurante delle intemperie negli anni a venire. Grazie ad un intervento di cittadinanza attiva, in questi giorni si è però alla fine risolto il problema. Un gruppo di volontari, armati di tutto il necessario, hanno provveduto a coprire tutte le fessure e le  crepe presenti. Un’operazione certosina visto lo stato del muro, da realizzare sia all’esterno che all’interno del cimitero. Protagonisti del lavoro sono stati Leo Gonnella, Doriano Giovannetti, Emanuele Renucci, Liano  Renucci, Bruno Marchi, Domenico Santi, Mario Agostini, Marco Piacentini. Va detto che il Comune di Barga, che di soldi da investire nella ordinaria e straordinaria manutenzione ne ha sempre meno purtroppo, si è comunque impegnato…

- di Pier Giuliano Cecchi

Promemoria per il cimitero urbano di Barga

Questo settembre è iniziato con della pioggia a rovesci e un poco di freddino, facendoci assaporare per tempo l’autunno; poi e finalmente il tempo si è rimesso assai al bello… speriamo duri. Così, come sempre accade a chi lo vuole, si è presa anche la via per il cimitero, forse, sentendo nell’aria fresca l’avvicinarsi del tempo in cui ci recheremo con più sentimento in visita ai nostri cari. Già arrivando in vista del viale che introduce al cimitero, non è difficile esser presi da un certo sgomento nel vedere quei cipressi, piantati nel lontano 1922, uno per ogni morto del Comune di Barga nella Grande Guerra, oltre che decimati nel tempo, sempre più scheletriti. Quest’anno ricorre il Centenario di quel vittorioso ma infinitamente triste evento e qualcuno, i più anziani, avrà certamente riflettuto sull’abbandono di quel luogo cui si assegnò il nome di “Parco della Rimembranza”. Siamo consapevoli che i tempi passano ma entrati ora nel cimitero, accade di pensare…

- 6 di Redazione

Cappellina del nuovo cimitero, posata oggi la prima pietra. Appello gli artisti barghigiani per decorare la chiesina

E’ stata posata oggi la p0rima pietra simbolica per la realizzazione della nuova cappell8ina a servizio dell’ala nuova del cimitero urbano di Sigliari, a Barga. Il cantiere è stato appunto aperto oggi sotto la direzione  del’arch. Sergio Cosimini e con i lavori che saranno eseguiti dalla impresa edile Marchetti & Petri di Barga. A commissionare l’opera l’Arciconfraternita di Misericordia di Barga . Il costo dell’intervento si aggira attorno ai 30 mila euro e la cappellina, salvo imprevisti, dovrebbe essere terminata nel merse di giugno . Quella della chiesina è una iniziativa deliberata dall’Arciconfraternita in occasione del Bicentenario del 2017: “Purtroppo la burocrazia ha ritardato l’avvio ma adesso, come sottolinea il Governatore Enrico Cosimini, finalmente ci siamo”. Alla breve e simbolica cerimonia stamani alcuni componenti del sodalizio e del Gruppo Volontari ospedalieri, il personale della impresa edile, ed il proposto di Barga don Stefano Serafini che ha impartito la benedizione. Il Governatore Enrico Cosimini ha anche lanciato un appello per la…

- di Redazione

Cadono durante la tumulazione dei profili in marmo dai colombari di Loppia. La preoccupazione di un cittadino

Caro direttore Galeotti sono un cittadino di Barga e desidererei che lei non riportasse la mia firma, ma vorrei portarvi a conoscenza di un fatto assai increscioso: alcuni giorni fa sono recato al cimitero di Loppia per accompagnare una cara salma di cui preferisco per rispetto della famiglia non fare il nome; il prete come di rito ha benedetto la salma sotto il loculo dove poi la stessa doveva essere sepolta, nella parte nuova del cimitero (i loculi ultimi fatti); con lui i familiari, gli amici, gli addetti al sevizio ed il custode del cimitero. Finita la benedizione il custode fa porre il feretro sull’apposito macchinario e lo fa poi salire fino alla quarta fila dove si trovava il loculo che doveva ospitare la bara ed in quel momento (forse le vibrazioni) dalla cornice del loculo stesso si staccano delle grosse profilature di marmo. Chi era sotto solo per fortuna o prontezza di riflessi è riuscito a non essere colpito…

- di Redazione

Cimitero Renaio. Guidi: “Gli anni passano ma i problemi restano gli stessi”. Il comune replica: “Interverremo”

Torna ad intervenire su questo giornale la signora Vilma Guidi, appartenente alla famiglia Marchi di Renaio, ma residente a Lucca, per parlare delle problematiche dei pochi spazi del piccolo cimitero di Renaio. Qui le sepolture sono possibili solo in terra, perché non esistono i cosiddetti forni e nemmeno le cellette per poi riporvi i resti mortali dei propri cari in caso di esumazione per far posto alle nuove sepolture. Proprio questo è il problema che viene evidenziato dalla signora Guidi nuovamente, dopo un primo intervento del marzo del 2015. “Problema che purtroppo – scrive Vilma – non è stato risolto ed anzi si è aggiunto anche quello della cattiva manutenzione del muro. Le invio le foto del cimitero di Renaio da cui, oltre alle sepolture lungo il muro perimetrale, si può vedere anche il deterioramento di tali muri con larghe crepe, a completo rischio di caduta. Ho scritto recentemente anche al senatore Andrea Marcucci oltre che al Presidente del Consiglio,…