Mastronaldi: il centro socio sanitario di Fornaci rischia di essere trasferito a Gallicano?

-

In questi ultimi giorni si intensificano indubbiamente i botta e risposta e gli attacchi tra i candidati. Ad intervenire oggi è anche Luca Mastronaldi a capo della Lista del Cuore, che partendo dalla vicenda gassificatore arriva poi a lanciare  un interrogativo sulla possibilità che il centro socio sanitario di Fornaci di Barga venga trasferito a Gallicano.

“Ora come allora, potrei iniziare così questo mio comunicato affinché gli elettori del comune di Barga riflettano su chi hanno davanti per la corsa alla carica di Sindaco – scrive Mastronaldi –  Anni fa evidenziai  per primo il problema di KME e del suo progetto che prevede di realizzare un pirogassificatore a Fornaci di Barga, fui accusato in ogni sede di creare allarmismo ingiustificato e di strumentalizzare a fine politici una crisi occupazionale e aziendale. Avevo ragione e il problema è emerso in tutta la sua drammaticità.

Il partito democratico che all’inizio aveva posizione attendiste, ma che anche oggi vede al suo interno correnti di pensiero diverso, solo dopo la batosta elettorale delle politiche del 4 marzo, folgorato sulla via di Damasco ha cambiato idea. In questi giorni ho posto all’attenzione dei cittadini la situazione sanitaria del nostro presidio ospedaliero, ma i mie avversari, troppo impegnati a litigare tra di loro, tra reciproche accuse di bilanci ASBUC e comunali si sono ben guardati da affrontare l’argomento.

Adesso lancio un altro allarme, dopo che il comune di Gallicano è riuscito ad ottenere un finanziamento di più di due milioni di euro e dopo che negli anni passati il centro veterinario è di sicurezza alimentare si è trasferito nel distretto di Gallicano, si vocifera che anche il distretto del centro socio sanitario di Fornaci di Barga subirebbe analoga sorte, andando a impoverire ulteriormente l’offerta sanitaria nel nostro comune. Attendo fiducioso risposte nel merito”.

Tag: , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*