Crolla una parte del Muraglione della Ripa

-

Preoccupazione a Barga per una frana al muraglione della Ripa, la struttura di contenimento del colle su cui sorge il Duomo di Barga. La frana ha riguardato la porzione finale del muro che in quel punto, termina proprio sotto un’abitazione che si affaccia, al di sopra, su Piazza Verzani.Diversi sassi sono rovinati nella strada sottostante che per fortuna già da un anno era chiusa al passaggio a causa di una frana verificatasi poco dopo l’ingresso di Porta Macchiaia.Il crollo ha danneggiato anche alcune luci dell’illuminazione del Muraglione della Ripa realizzata negli anni ’90 dopo un intervento di consolidamento del Muraglione della Ripa che fu attuato in seguito ad alcune crepe e lesioni
di una certa importanza che furono scoperte nel 1991.
Dopo la segnalazione, sul posto si è immediatamente recato l’assessore alla Protezione Civile, Pietro Onesti insieme ai tecnici comunali: “Non sembra che quanto avvenuto crei pericolo alcuno per le abitazioni sovrastanti, né per la stabilità del muro. La frana si è verificata per fortuna solo nella parte finale e non ha intaccato la struttura portante dell’arcata di quel tratto del muraglione.”
Comunque sia, anche per evitare ulteriori danneggiamenti del muro, già dalla prossima settimana partiranno i primi interventi di somma urgenza . Per far questo dovrà essere anche rimossa la frana verificatasi un anno fa e che bloccava la strada che non è utilizzata comunque dal traffico, ma solo per passeggiate in una delle zone più suggestive di Barga.
Le due frane esistenti, soprattutto l’ultima che dovrebbe essersi verificata ne giorni scorsi, in seguito alle copiose precipitazioni piovose, confermano comunque l’equilibrio delicato di questa area. Negli anni ’90 furono spese diverse centinaia di milioni delle vecchie lire per consolidare il muro della Ripa e la speranza è che non sia necessario ricorrere a nuovi interventi.
Il muraglione, una serie di bellissime arcate che incorniciano la base del colle su cui sorge Barga ed il suo Duomo, fu realizzato negli anni ’30 del secolo scorso.

Tag: , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*