Tag: NoiTV

- di Redazione

Unione Campanari Valle del Serchio al Raduno nazionale di Gubbio

VALLE DEL SERCHIO – È in corso a Gubbio il 59° raduno nazionale dei suonatori di campane. Tra i partecipanti anche l’Unione Campanari della Valle del Serchio che raggruppa i campanari di Barga, Chiozza, Cardoso e Cascio-Perpoli, a cui si sono uniti amici campanari di Castelnuovo di Garfagnana e di Palagnana e conta circa 40 iscritti. I gruppi garfagnini si esibiscono nel doppio in terzo, nel doppio in quarto e nella caratteristica toccheggiata, sistema di suono utilizzato anche il 17 giugno di ogni anno nella Torre di Pisa, in occasione della festa di San Ranieri e per il quale il gruppo garfagnino ha un permesso speciale dalla curia pisana per l’accesso e il suono dei pregiati e delicati bronzi della torre.

- di Redazione

Gioco d’azzardo: come uscire dalla dipendenza?

VIAREGGIO – Una piaga sociale ormai il gioco d’azzardo. Un business che in Italia ha superato i 100 miliardi di euro l’anno, complice la diffusione di slot machine in bar, tabacchi e in grandi sale da gioco sparse ovunque. Una crescita del 50% in dieci anni. Eppure solo dal 2017 la ludopatia, la dipendenza dal gioco, è riconosciuta come malattia in carico al servizio sanitario regionale nei livelli essenziali di assistenza. Nel 2018 nella Asl Toscana Nord Ovest sono stati 514 i pazienti seguiti dai Serd. 61 in Versilia, 87 nella Piana di Lucca. Record nella vicina Riviera apuana con 103 casi. Da poco più di un mese la Regione Toscana ha attivato un numero verde (800 881515) per fornire consulenza di psicoterapueti  e mettere gli utenti in contatto diretto con i Serd, dove un team specializzato si occupa di curare ogni forma patologica di dipendenza. Ma come si può uscire dalla ludopatia?

- di Redazione

Meteo variabile per i Ponti del 25 aprile e del Primo Maggio

PROV. DI LUCCA – Altri ponti e festività ci attendono con la possibilità di scampagnate e anche brevi vacanze. Già, ma dopo una Pasqua discreta e una Pasquetta in parte rovinata nel pomeriggio, ci si chiede quali condizioni meteorologiche ci attendono per il ponte del 25 aprile e per quello successivo del primo maggio. La curiosità ci ha indotti anche a porre una domanda sulla prossima estate. Sbilanciarsi non è facile ma su giugno si può anche fare.

- di Redazione

Una Pasquetta tra le nuvole…in tutti i sensi alla Fortezza di Montalfonso

CASTELNUOVO GARFAGNANA – Il tempo incerto del giorno di pasquetta ha limitato solo in piccola parte il successo della manifestazione “ Pasquetta tra le nuvole” che si svolge da alcuni anni organizzata dall’amministrazione comunale nella suggestiva Fortezza Estense dedicata ad Alfonso 1° d’Este a Castelnuovo Garfagnana. La giornata ha avuto innanzitutto lo scopo di richiamare sul colle che domina Castelnuovo le famiglie a rivivere il lunedì dell’angelo nel modo quais antico, di come veniva trascorso in passato. La festa è cominciata al mattino con una passeggiata ecologica e culturale. Poi ha preso il via “Pasquetta tra le nuvole” e sono arrivati davvero in tanti utilizzando il servizio navetta che ha portato i partecipanti in questo luogo davvero unico. La manifestazione assume anche l’etichetta di festa del volo; infatti non era difficile vedere giovanissimi alle prese con piccoli aerei o aquiloni anche se il successo e l’apprezzamento maggiore è stato riservato ai voli turistici in elicottero, servizio garantito dalla Rotowork. In…

- di Redazione

E’ primavera: sulla Turrite son tornate a volare le rondini

VALLE DEL SERCHIO – Dicono che una rondine non fa primavera… Ma guardate queste immagini che ci sono state inviate da una nostra telespettatrice (Carla) dalla Valle del Serchio. Stamani (mercoledì) ci ha scritto Carla di aver osservato questo spettacolo delle rondini a pelo d’acqua sul fiume Turrite.   Aggiunge che erano anni ormai che non si vedevano (le rondini) così numerose. E conclude auspicando che non sia una casualità ma aggiungiamo noi che invece si tratti di un bel segnale.

- di Redazione

L’appello di Coldiretti per Earth Day: la terra è difesa quando viene coltivata!

FIRENZE – Secondo i dati dell’ultimo Censimento agricolo in Toscana, su una superficie agricola totale di 1milione e 300mila ettari, sono 8oomila gli ettari di superficie agricola utilizzata con seminativi, coltivazioni legnose agrarie, prati permanenti, terreni destinati al pascolo, vivai e castagneti da frutto. Quindi sono circa 500mila gli ettari di superficie agricola non utilizzata e in stato di abbandono, Mezzo milione di ettari sui quali la coltivazione potrebbe facilmente riprendere con pratiche agricole ordinarie, che con il tempo andrebbero ad incrementare il già nutrito patrimonio di boschi che a livello regionale conta 1milione e 200mila ettari.  In occasione dell’Earth Day, la Giornata Mondiale della terra celebrata lo scorso 22 aprile in tutto il mondo, Coldiretti Toscana ha messo in luce lo stato dell’uso del suolo nella nostra regione. “Nella nostra regione assistiamo ad un progressivo decremento delle superficie agricole utilizzate che vengono abbandonate e subiscono un processo di rimboschimento – dice Fabrizio Filippi, presidente di Coldiretti Toscana -Molte le…

- di Redazione

La mostra fotografica di Marco Barsanti: dal paesaggio al…nudo

PIEVE FOSCIANA – Un viaggio ricco di emozioni quello proposto dal fotografo lucchese Marco Barsanti nella sua personale dal titolo She is Landescape inaugurata il 5 e conclusa il 22 aprile a Sillico in Garfagnana. Si è trattato di un’esposizione fotografica davvero molto raffinata e ricca di contenuti che ha guidato i tanti visitatori nelle varie stanze coinvolgendoli in una sorta di viaggio artistico ricco di emozioni; dalla pellicola al digitale raccontando ambienti e luoghi al limite dell’immaginario arricchiti dalla presenza di figure femminili completamente nude, a volte in primo piano in altre invece attraverso una fusione artistica con l’ambiente che ospitava la posa fotografica trasformando gli scatti in quadri d’autore. La mostra, ospitata all’interno di Palazzo Carli certifica questo piccolo borgo, Sillico, come uno dei centri culturali più importanti di tutta la valle del Serchio. La mostra racconta anche la trasformazione artistica dello stesso autore dal paesaggio al nudo femminile inserito in ambienti molto particolari. Sia mo certi che…

- di Redazione

Successo per la mostra fotografica “Oltre il dolore”

B. A MOZZANO – Oltre il Dolore è il titolo della mostra fotografica che si è chiusa con successo pochi giorni fa a Borgo a Mozzano a piano terra della biblioteca Fratelli Pellegrini. La mostra che di certo non conclude il suo percorso raccoglie una ventina di scatti di grandi dimensioni. Le foto, di alto livello tecnico assumono anche un messaggio davvero straordinario che vede l’autore degli autoscatti anche il soggetto protagonista delle opere fotografato sempre da dietro mentre  raggiunge luoghi impervi nonostante la sua invalidità. David Bonaventuri da sempre appassionato di fotografia nel 2012 subì un grave incidente sul lavoro, perse la gamba sinistra durante l’abbattimento di una pianta in quanto faceva il boscaiolo, da quel momento per il giovane artista di Montefegatesi di Bagni di Lucca anziché rassegnarsi ad una vita piena di limitazioni ha intrapreso un percorso personale umano e artistico di grande livello e questa mostra propone un messaggio di speranza per tutti.  

- di Redazione

I sindaci della Garfagnana: “Assi viari, opera fondamentale per il territorio lucchese”

GARFAGNANA – Gli assi viari sono un’opera fondamentale per tutto il territorio lucchese. Lo dicono i sindaci dell’Unione dei Comuni della Garfagnana che in un documento congiunto chiedono quindi di concludere il percorso amministrativo e far partire i lavori per realizzare la nuova viabibilità. Nel documento i sindaci garfagnini chiedono però anche che il progetto definitivo dell’Anas recepisca le osservazioni volte a mitigare l’impatto ambientale, ridurre i costi e prevedere impatti meno invasivi sul territorio, considerando con particolare attenzione le istanze espresse dai Comuni della piana di Lucca.

- di Redazione

Una Pasqua vissuta tra fiducia nel futuro, turismo e tempo grigio

PROV. DI LUCCA – La Pasqua è trascorsa all’insegna delle liturgie ma non solo. E’ stata l’ultima dell’Arcivescovo Italo Castellani che ha celebrato la SS Messa in Cattedrale. Molti turisti a Lucca attratti dalle bellezze della città e dai vari mercatini. Giornata nuvolosa ma abbastanza tranquilla al mare e in montagna. Il boom è atteso per il giorno di Pasquetta.   Natale con i tuoi…Pasqua con chi vuoi. L’antico adagio magari di questi tempi forse andrebbe riconiato con…Pasquetta con chi vuoi. In realtà Lucca è, e rimane una città di straordinaria vocazione turistica e i turisti appunto non sono mancati, soprattutto gli stranieri ma anche italiani provenienti dal nord. Le bellezze uniche della città, le mura e tutto il resto, ma anche il mercato dell’antiquariato dislocato in diversi angoli del centro storico ha destato curiosità e attrazione. Insomma Lucca non si è smentita neppure nel giorno di Pasqua. In una Cattedrale di San Martino davvero gremita ultima Pasqua a Lucca…

- di Redazione

Paul Tiongik (GP Alpi Apuane) trionfa alla mezza maratona di Banja Luka

ATLETICA – Ancora una bellissima conferma del valore assoluto di Paul Tiongik, atleta keniano dal GP Parco Alpi Apuane del presidentissimo Graziano Poli. Nell’uovo di Pasqua Tiongik ha infatti trovato una splendida vittoria nella mezza maratona di Banja Luka in Bosnia. L’atleta biancoverde ha coperto la distanza in 1h.02’31”. Un successo ed una prestazione tecnica che fanno ben sperare anche in vista dei prossimi impegni del sodalizio apuano.

- di Redazione

A Pasquetta riapre il Museo del Castagno; novità con lo spazio del grano

PESCAGLIA – Come avviene ormai da alcuni anni il giorno di Pasquetta a Colognora di Pescaglia si celebra l’apertura stagionale del Museo del Castagno. Evento gestito e voluto con amore dal direttore del museo Angelo Frati.   Il Museo espone reperti etnografici relativi al castagno e all’interno di questa mostra di circa  2000 oggetti si trova davvero di tutto: dal carbonaio al fabbro, dal falegname al bottaio fino ad arrivare alla lavorazione delle castagne e molto altro ancora. Tutto nasce dal ritrovamento di questa pergamena da parte di Mons. Giuseppe Ghilarducci e dal quel momento Angelo Frati e alcuni suoi collaboratori iniziarono un lavoro di ricerca e di raccolta fino ad arrivare ad oggi che possiamo dire che l’esposizione sia praticamente completata grazie anche alla novità di quest’anno, un nuovo spazio  dedicato al grano lì dove anticamente già c’era un granaio. Altra novità targata 2019 è l’ampliamento della sala museo dedicata al musicista Alfredo Catalani arricchita da nuovi cimeli e…