Tag: dialisi

- di Redazione

Nefrologia, approvato progetto da 2,5 milioni di euro per servizi di telemedicina rivolti ai pazienti in dialisi

LIVORNO – Il Ministero della Salute ha approvato il progetto “Telemechron”, presentato come ente capofila dall’Azienda USL Toscana Nord Ovest e dal valore complessivo di oltre 2,5 milioni di euro, per la gestione a domicilio dei pazienti cronici attraverso servizi di telemedicina. Il progetto, elaborato con la collaborazione dell’Istituto superiore di sanità, l’Irccs Maugeri di Lumezzane (Brescia) e l’Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento, avrà durata triennale e prevede la sperimentazione di tecniche innovative di telemedicina per la gestione di pazienti cronici che soffrono di una pluralità di patologie, una tipologia in continua crescita nei Paesi industrializzati. In particolare le tre unità operative coinvolte nello studio, con la stretta collaborazione dell’Istituto Superiore di Sanità verificheranno l’applicabilità di questi modelli innovativi di monitoraggio su tre diverse tipologie di pazienti: la USL Toscana nord ovest sui pazienti con insufficienza renale cronica, mentre l’Istituto Maugeri sui pazienti con insufficienza cardiaca congestizia e l’Azienda di Trento sui pazienti con diabete mellito di…

- 1 di Redazione

Dialisi Barga, Bonini: “Esterrefatto dalla posizione dei sindaci”

“Mi lascia esterrefatto la posizione dei sindaci della Garfagnana sulla questione dialisi. Sono anni ormai che si parla dell’accorpamento della dialisi su Barga così come si parlava dell’accorpamento del day hospital oncologico a Castelnuovo che faceva parte della stessa riorganizzazione. Il tutto risale al 2009 e poi nel 2015 l’azienda è venuta in conferenza dei sindaci a presentare questa riorganizzazione che riguardava tante altre cose tra cui appunto l’accorpamento di dialisi e dh oncologico. Vorrei sottolineare che il day hospital oncologico è due anni che è a Castelnuovo e né in quel momento, né in seguito, né mai, si è levata una voce dai sindaci, dai sindacati e da nessun altro per difendere la postazione di Barga. Chissà perché, invece, quando c’è da trasferire qualcosa che da Barga va Castelnuovo il problema chilometrico non c’è mai ed invece quando è l’opposto allora i chilometri si allungano o diventano insormontabili. Come se quella strada fosse diversa a seconda di che direzione…

- di Redazione

De Lauretis: “Sulla sede unica della Dialisi a Barga nessuna accelerazione”

BARGA –  Nessuna accelerazione né presunti accordi verbali per la realizzazione della nuova Dialisi della Valle del Serchio a Barga. Lo evidenzia direttrice generale dell’Azienda USL Toscana nord ovest, Maria Teresa De Lauretis:  “Come si fa a parlare di presunti accordi verbali quando è lì, pronta da un anno, una nuova e grande sala di emodialisi con il doppio dei posti per raccogliere tutti i pazienti dializzati della Valle del Serchio? E’ un investimento importante, che parla da sé”. “E’ chiaro – prosegue la dottoressa De Lauretis – che la realizzazione della nuova Dialisi rappresenta una precisa scelta gestionale frutto di una programmazione avviata anni fa, quando è stato approvato lo studio di fattibilità dell’opera. Questa azione era stata presentata ufficialmente nell’aprile 2015 alla Conferenza dei Sindaci della Valle del Serchio, insieme ad altre quasi tutte attuate od in corso di attuazione, dalla Direzione di allora, per un investimento complessivo di oltre 15 milioni di euro: insieme all’accentramento della Dialisi…

- di Redazione

Diventa unico il centro dialisi. Dal 15 luglio la sede centrale diventa Barga

VALLE DEL SERCHIO – A partire dal 15 luglio 2018 la sede della Dialisi di Barga sarà il punto di riferimento principale per tutta la Valle del Serchio. La struttura, attivata lo scorso 11 dicembre 2017, a partire dalla metà del mese di luglio accoglierà infatti per i trattamenti dialitici anche i 14 pazienti che fino ad oggi usufruivano della struttura di Castelnuovo Garfagnana. Il progetto di un centro unico di Dialisi per la Valle del Serchio è uno degli interventi previsti nell’ambito della programmazione avviata nel 2009, in accordo con la Regione ed i sindaci del territorio. L’attività nefrologica nell’ospedale di Castelnuovo proseguirà comunque con le consulenze, con la dialisi in emergenza per i pazienti non trasportabili e con un ambulatorio nefrologico settimanale. Inoltre, è importante ribadire che, nell’ambito della stessa programmazione avviata nel 2009 in cui era prevista una sede unica della Dialisi a Barga, era inserita anche la realizzazione di una sede del Day Hospital Oncologico all’ospedale…

- di Redazione

Chiusa per un giorno la dialisi di Castelnuovo

CASTELNUOVO DI GARFAGNANA – L’Azienda USL Toscana nord ovest comunica che da domani (venerdì 12 gennaio 2018) sarà sospesa, per un necessario intervento di manutenzione straordinaria, l’attività della struttura di Dialisi di Castelnuovo Garfagnana. Il servizio riprenderà normalmente già da lunedì 15 gennaio 2018.

- di Redazione

L’Azienda USL Toscana nord a proposito della dialisi e non solo

In merito all’intervento del gruppo comunale di opposizione di Castelnuovo Garfagnana, l’Azienda USL Toscana nord ovest respinge con forza la tesi di un progressivo smantellamento dei servizi in Valle del Serchio. “In particolare – scrive l’ASL –  per quanto riguarda le visite per la tiroide le agende disponibili a Castelnuovo sono sempre due. Non c’è quindi alcuna riduzione del servizio ed anzi verrà attuato un aumento dell’offerta in Valle del Serchio, visto che sono già previste 4 ore settimanali in più (si passerà dalle attuali 16 a 20, grazie ad una terza specialista). Per la questione centro socio sanitario, le caratteristiche richieste nel bando sono quelle che servono per l’accreditamento e che sono comuni a tutte le strutture che l’Azienda ha aperto o sta aprendo nei vari territori. Anche in questo caso si tratta dunque di un intervento finalizzato al miglioramento del servizio, considerato che la sede di Via Puccini era ormai piccola ed inadeguata alle esigenze dei cittadini. In…

- di Redazione

Le precisazioni dell’’Azienda USL sulla Dialisi Valle del Serchio (si riconferma il progetto di Barga)

LUCCA – In merito ai servizi di Dialisi in Valle del Serchio, l’Azienda Usl Toscana nord ovest conferma, come già evidenziato nei mesi precedenti, che la tempistica di ogni azione da attuare verrà concordata con la Conferenza dei Sindaci della Valle del Serchio, come è sempre stato fatto in questi anni. Il progetto di un centro unico di Dialisi per la Valle del Serchio è uno degli interventi previsti nell’ambito della programmazione avviata nel 2009, in accordo con la Regione ed i sindaci del territorio, ma l’ASL fa sapere che su questa decisione attende appunto un definitivo pronunciamento della conferenza dei sindaci riguardo alla tempistica di questo intervento. Non è che lo dice tanto chiaramente, ma sembra almeno che l’ASL  lo voglia far capire in queste prime dichiarazioni e sicuramente in quanto dice di seguito:   “I vantaggi di questa riorganizzazione – dichiara l’azienda –  sarebbero essenzialmente legati a due aspetti ricorda l’ASL: il primo è quello della modernizzazione tecnologica che…

- di Redazione

Lucca e Barga: cinque pazienti della Nefrologia sottoposti a trapianto renale

LUCCA – Dall’inizio dell’anno cinque pazienti della Nefrologia dell’ambito territoriale di Lucca sono stati sottoposti a trapianto renale, di cui tre (tutti nello scorso mese di luglio) che eseguivano dialisi all’ospedale di Barga. “Questo importante risultato – spiega Riccardo Giusti, responsabile della Nefrologia di Lucca – è legato all’intensa attività che da anni viene portata avanti nella nostra struttura, dove al momento circa 60 pazienti sono in attesa di un trapianto di rene. Grazie ad una precisa e attenta collaborazione fra i medici dell’ambito territoriale di Lucca ed i Centri trapianto, sia in Toscana che fuori regione, è possibile raggiungere obiettivi così rilevanti. In particolare grazie all’impegno delle dottoresse Vita Maria Agate della Dialisi di Barga e Castelnuovo, Laura Bozzoli ed Elisa Colombini di Lucca, coordinate dalla referente per la Regione Toscana dottoressa Manuela Parrini, coadiuvate dalle infermiere dedicate a questa attività. Al momento, inoltre, circa 100 pazienti già trapiantati vengono seguiti periodicamente dall’ambulatorio del follow-up del trapianto e hanno…

- 1 di Redazione

L’Assessore regionale Saccardi: “Ospedale unico non è più priorità”. Garanzie per il punto nascita di Barga

Il progetto ospedale unico viene per il momento, e forse per sempre, accantonato. Non rientra infatti tra le priorità della Regione Toscana così come comunicato ieri pomeriggio all’articolazione zonale dei sindaci riunita a Castelnuovo, dall’Assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi. L’incontro atteso ormai da mesi si è dunque svolto e questo è stato uno dei punti emersi dal confronto sulla riorganizzazione sanitaria della valle del Serchio che era stato richiesto dai primi cittadini. Si va avanti quindi sulla strada della riorganizzazione dei due presidi che passerà, così ha comunicato l’assessore regionale, anche dalla realizzazione a Barga della nuova sala operatoria per il parto e dalla garanzia che non verrà toccato il punto nascita di Barga. Così racconta anche il presidente dell’articolazione zonale dei sindaci, il primo cittadino di Barga, Marco Bonini che si è detto soddisfatto degli esiti dell’incontro: “Una riunione che dal mio punto di vista giudico positivamente – ha dichiarato – Nessuna riduzione dei servizi in Valle del…

- 3 di Redazione

Una soluzione diversa per risolvere l’annosa questione degli ospedali della Valle: “Potenziare Barga”

Dopo il recente nuovo articolo di Sereni sento la necessità di esternare il mio personale punto di vista nella speranza che venga raccolto da chi ha la responsabilità di gestire questa importante fase. Sono d’accordo nello stabilire una tregua che dia garanzie ai due plessi per qualità dei servizi e qualità dei professionisti sia medico che infermieristico per i prossimi dieci anni in modo che la popolazione si senta più tranquilla; sono infatti già troppi i problemi che affliggono gli abitanti di questa zona del paese a prevalenza di anziani che almeno l’assistenza sanitaria sia un non problema. Poi però , dato che Dieci anni sono i tempi che ci vogliono per realizzare una nuova struttura, una politica LUNGIMIRANTE, io credo che dovrebbe convergere su una soluzione che io ritengo la più logica e la più economica. E cioè quella di abbinare accanto all’attuale edificio di Barga un nuovo monoblocco, fatto con criteri di efficienza, moderno, antisismico, in linea con…

- di Redazione

Rifondazione: “Tagliasacchi propone solo il declassamento di Barga. Non ci siamo!”

Rifondazione Comunista di Barga è contraria al declassamento dell’Ospedale di Barga proposto dal sindaco di Castelnuovo Garfagnana Tagliasacchi. Lo afferma in un comunicato stampa. “Dopo mesi di unità tra i sindaci della Media Valle del Serchio e della Garfagnana sul tema della sanità, ora siamo tornati al campanilismo ed alla contrapposizione con il risultato di un indebolimento della forza di contrattazione della nostra zona nei confronti di ASL e regione. Rifondazione è da sempre impegnata nella difesa dei servizi sanitari della nostra valle e della Garfagnana contro i tagli al personale ed ai posti letto. In attesa dell’ incontro tra l’assessore regionale e l’Articolazione zonale per la salute, riteniamo che non debbano essere fatte modifiche all’attuale stato delle cose. Riteniamo, inoltre, che si possano migliorare i servizi sanitari resi ai cittadini se si fanno investimenti sulle figure professionali che debbono ruotare sugli ospedali di Lucca, Barga e Castelnuovo arricchendo la loro esperienza. Da sempre crediamo nell’integrazione dell’ospedale di Barga e…

- di Redazione

Tagliasacchi: “Tutti i reparti ospedalieri a Castelnuovo”. Barga: “noi non ci stiamo”

Ha suscitato non pochi mal di pancia negli ambienti politici barghigiani, l’esito del consiglio comunale sulla sanità avvenuto nei giorni scorsi a Castelnuovo Garfagnana. In particolare a preoccupare Barga sono le dichiarazioni del vice presidente della Conferenza dei sindaci, nonché sindaco di Castelnuovo, Andrea Tagliasacchi che in nome dell’unità tra Garfagnana e Media Valle, in attesa di nuovi sviluppi che per il momento non sono percorribili sul nuovo ospedale unico, ha dichiarato che bisogna rinforzare i due presidi ospedalieri e individuare quello che idoneo per gli acuti. Tagliasacchi ha affermato che la disomogeneità tra i due presidi potrebbe essere superata collocando presso l’ospedale di Castelnuovo i reparti di medicina, chirurgia e specialistiche, ostetricia, culle, pronto soccorso e radiologia, mentre a Barga dovrebbero spettare servizi ambulatoriali e comunque non relativi ai ricoveri. E su questo ha affermato che è urgente la necessità di aprire un confronto serio con l’azienda. Ma è andato anche oltre dichiarando che nella relazione bilancio 2015 approvata…