Trasporto pubblico locale e coronavirus: bus pieni fino all’80%

- 1

FIRENZE – E’ stata firmata dal presidente della Regione Toscana una nuova ordinanza che recepisce il Dpcm emanato dal Governo lunedì scorso, 7 settembre 2020, in tema di trasporto pubblico locale e regionale. In particolare vengono recepite le ulteriori disposizioni attuative date dal Governo, che per quanto riguarda il tpl prevedono in particolare la decisione di fissare il limite di utilizzo all’80% della capienza massima dei mezzi di trasporto.

Grazie al recepimento delle novità introdotte ed ai 3 milioni di fondi aggiuntivi stanziati dalla Giunta regionale per integrare la normale programmazione dei servizi attraverso l’utilizzo di bus turistici e Ncc, tutte le corse di mezzi pubblici destinate a garantire i collegamenti con le scuole – come determinato nella ricognizione fatta dalle Province  – potranno essere effettuate. 

Restano in vigore tutte le ulteriori disposizioni di sicurezza.

Tag: , , , ,

Commenti

1


  1. So sincero, un l’ho mia ‘apita questa.
    80% vuol dire un posto libero ogni 5. Per quanto mi sforzi di immaginare non riesco a capire quale logica ci sia dietro. No, perché 50%, uno ogni due, mantiene una distanza, 75%, uno ogni tre, in qualche modo comunque puoi disporre con un minimo di spazio vuoto, ma francamente 80% ha una logica che fatico a comprendere (a parte l’ultima fila). Se poi aggiungiamo che (nonostante le varie segnalazioni anche alle forze dell’ordine) da sempre i bus viaggiano a circa il 180% di capienza… anche con l’80% per ogni corsa mancano due bus, che non ci sono e non ci saranno. Quindi che si fa? Era meglio dire “Per quest’anno il trasporto non c’è, arrangiatevi”. Ma ognuno è governato da chi si merita, e va ad ascoltare i discorsi di chi ha meriterà. (tutti uguali, nessun cambiamento anche se cambiasse tutto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*