Pirogassificatore KME: la conferenza dei servizi respinge il progetto

-

FORNACI – La notizia  è confermata. La conferenza dei servizi che doveva pronunciarsi in merito al progetto del gassificatore di KME (progetto “Rilancio dello Stabilimento KME Italy S.p.a. di Fornaci di Barga (LU) con la Realizzazione di una Piattaforma Energetica”), ha espresso  parere negativo al procedimento. La riunione della conferenza si è svolta l’8 luglio scorso.

La notizia è stata confermata pochi minuti fa dall’Amministrazione Comunale di Barga.

“Grande soddisfazione, il Comune ha visto riconosciute le ragioni di una battaglia che ha  sostenuto praticamente dall’inizio della vicenda”.  Così la prima cittadina di Barga Caterina Campani ha commentato la decisione, appena giunta sulla sua scrivania, in cui la Conferenza dei Servizi della Regione Toscana si è espressa negativamente nei confronti del progetto per il gassificatore della Kme a Fornaci di Barga.

“Tra gli elementi che hanno pesato nel giudizio negativo il contrasto con gli strumenti urbanistici, le valutazioni della Soprintendenza in merito agli impatti sul paesaggio e dell’azienda sanitaria in relazione alla salute pubblica”

Secondo quanto trapela importante nella decisione anche la necessità di ricostruire Casa Buglia sull’area interessata dal progetto, così come stabilito dalla sentenza del Tar pubblicata il Giugno scorso. Oltre agli aspetti sopra riportati la Conferenza ha poi rilevato l’esistenza di ulteriori elementi critici  e carenze del progetto che non sono stati chiariti in fase di istruttoria.

A questo punto l’Azienda ha 10 giorni a disposizione per presentare le proprie osservazioni nei confronti dell’esito negativo.

“Come Sindaco del Comune maggiormente interessato dall’esito del procedimento – dice ancora la Camopani – non posso che esprimere soddisfazione perché il Comune ha visto riconosciute le ragioni che ha sempre sostenuto fin dall’inizio di questa vicenda. Il Comune di Barga – conclude – continuerà ad essere a fianco dei lavoratori e dell’Azienda a sostegno di progetti  di rilancio dello stabilimento al fine di salvaguardare i posti di lavoro e l’economia della Valle”

Tag: ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*