Il teatro a scuola ai tempi del Covid-19 e della DaD

-

CORFINO -DOMENICA 21 giugno, mediante la piattaforma Meet, in modalità on line, è stato presentato l’elaborato finale del Progetto Musica e Teatro “Facciamo una pausa”, realizzato dagli alunni della Scuola dell’Infanzia e Primaria di Corfino. Erano presenti all’incontro a distanza, oltre agli alunni e alle rispettive famiglie, la Dirigente Scolastica Dott. Iolanda Bocci, il Provveditore Dott. Donatella Buonriposi, il Sindaco di Villacollemandina Francesco Pioli e il consigliere Alessandro Vanni.

Il video presentato è stato il prodotto finale di un percorso di “teatro a distanza”, che ha coinvolto gli alunni, i genitori, che sono stati disponibili e molto collaborativi, le insegnanti del plesso e l’esperta Marta Manetti. Da anni la scuola dell’Infanzia e Primaria lavora in continuità su alcuni progetti e in particolare sul Progetto Teatro e Musica, finanziato dal Comune di Villa Collemandina. Solitamente venivano realizzati due eventi, uno a Natale e uno alla fine dell’anno con rappresentazioni teatrali che rielaboravano i temi fondamentali affrontati nella didattica nel corso dell’anno.

Quest’anno a causa della pandemia, sembrava che questo progetto non potesse essere realizzato, ma la partecipazione delle insegnanti Alessandra Vanni e Federica Fontanini, agli incontri di formazione del progetto “Spaesi”, promosso da Indire in occasione del Centenario della nascita di Gianni Rodari, nell’ambito della sperimentazione nazionale “Movimento delle Piccole Scuole”, ha fornito la motivazione e l’energia necessarie a riprendere il percorso in modo sperimentale, creando quella che si può definire un’esperienza di teatro a distanza. Gli alunni hanno lavorato ai personaggi, ai testi, alle scenografie e ai costumi, registrato e inviato i loro elaborati, che sono stati poi montati sulla base di una storia, “cucita” sulle idee dei bambini. Il tema affrontato è stato quello della geografia del paese di Corfino, dello “spaesamento”, del paese deserto a causa della “maledizione Corona”, dell’importanza della scuola per “trasformare i sogni in realtà”.

Questa esperienza ha permesso di rielaborare la distanza dai compagni, dalle insegnanti, dai nonni e ha rappresentato un momento di condivisione con i genitori, che sono stati i “registi” di questo lavoro. Come ha scritto al termine del lavoro la nostra esperta Marta “Benvenuti a teatro dove tutto è finto e niente é falso. Può essere stato faticoso, difficile, per alcuni persino inutile ma dietro a quei finti personaggi ci sono… bambini veri, con la loro timidezza, con la loro spensieratezza, le loro vere paure e i loro timori, con i veri loro sogni e i desideri”.

Hanno partecipato al progetto “Spaesi” anche la Scuola dell’Infanzia di Castiglione e la classe terza della Scuola Primaria di Pieve Fosciana, con elaborati e storie estremamente belli e densi di significato.

 L’I. C. di Castiglione di Garfagnana fa parte da alcuni anni del Movimento delle Piccole Scuole promosso da Indire (Istituto Nazionale Documentazione, Innovazione, Ricerca Educativa). Le insegnanti Vanni e Fontanini, negli scorsi anni scolastici hanno frequentato due laboratori di formazione sperimentale rivolto alle Piccole Scuole, che aveva l’obiettivo di disseminare buone pratiche nelle piccole realtà scolastiche di tutta Italia, per valutarne l’efficacia e per condividere esperienze provenienti da realtà anche molto differenti, ma accomunate dal modello “piccola scuola” con pluriclasse. L’esperienza e la collaborazione con Indire sono state interessanti e hanno creato un filo e un rapporto che prosegue nel tempo.

 

 

Tag: , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.