Progetto Comune, bene adeguamento sismico ISI, ma mancano gli interventi promessi a Natale

-

Bene gli interventi di adeguamento antisismico annunciati dalla Provincia per l’ISI 2, ma mancano ancora da essere effettuati gli interventi relativi alle infiltrazioni ed alle altre problematoiche per le quali il presidente Menesini aveva promesso un intervento prima di Natale.

Così il gruppo consiliare di opposizione Progetto Comune.

“Abbiamo appreso con piacere dalla stampa l’approvazione dell’intervento di Adeguamento Sismico e Manutenzione Straordinaria dell’ ISI di Barga.

Sempre dalla stampa però non emergono quelle criticità che ancora oggi sono irrisolte, che la provincia nella persona di Menesini promise di risolvere durante il periodo di Vacanze Natalizie,

tra queste la più urgente riguarda la messa in sicurezza, nella parte vecchia sede centrale dell’ istituto, la quale anche se verrà demolita in futuro, necessita comunque dell’ immediata fruibilità delle scale per permettere agli studenti di recarsi nelle aule in totale sicurezza, ed evitare quindi di dover utilizzare la scala esterna.

Un altro intervento assolutamente necessario riguarda invece la sede dell’ ISI 2, anche per questa sede, la Provincia, ha il dovere di intervenire relativamente al tetto il cui stato è causa di ripetute infiltrazioni d’ acqua che riguardano alcune aule che sono ad oggi impraticabili. Si rileva inoltre che, nello stabile un bagno femminile è inutilizzabile da tempo.

Un altro intervento, non meno urgente dei precedenti, riguarda la palestra utilizzata dalle scuole medie inferiori di Barga, la quale versa ad oggi in un pessimo stato, nonostante vi sia stato un piccolo intervento nei giorni scorsi.

Il Gruppo Consiliare “ Progetto Comune “ chiede con forza alla Provincia di Lucca ed al Sindaco di Barga, di adoperarsi al fine di poter accelerare i tempi per questi indispensabili interventi, in modo da poter garantire ai ragazzi dei luoghi confortevoli per poter svolgere al meglio le attività didattiche”.

Tag: , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*