Accademia della Cucina e Alberghiero Barga insieme per la valorizzazione del prodotto tipico

-

La trota Fario della Valle del Serchio è stata la protagonista del concorso “Valorizzare i prodotti tipici” indetto anche quest’anno dall’Accademia italiana della cucina, delegazione della Garfagnana e Valle del Serchio e rivolto agli studenti dell’Istituto Alberghiero “Fratelli Pieroni” di Barga.

L’iniziativa, a carattere annuale e promossa dall’Accademia proprio per la valorizzazione delle tipicità locali, si è conclusa ieri con la premiazione della squadra degli studenti vincitrice del concorso, ovvero la formazione composta da Gabriele Chiari, Tommaso Biagini e Vanessa Bertoncini (due allievi cuochi ed una studentessa del corso di sala) che ha presentato un menù a base di trota giudicato da una apposita giuria come il meritevole di aggiudicarsi una borsa di studio di 900 euro. Seconda posizione per Arianna Ferrari, Egidio Laeza e Luca Lorenzetti e terza posizione per Francesco Paolini, Nicola Luchetti e Hannah Rabat

La cerimonia di premiazione presso l’aula magna dell’ISI di Barga dove si è svolto anche il gran galà organizzato dalla scuola barghigiana in onore degli ospiti dell’Accademia e delle autorità; ed un convegno durante il quale si è parlato della valorizzazione dei prodotti tipici della Valle del Serchio e del importanza di una promozione degli stessi che deve partire, come ha sottolineato anche l’assessore regionale Marco Remaschi, ospite della mattinata, proprio dal lavoro delle scuole.

La mattinata ha visto la presenza di importanti relatori: Giovanni Ballarini, presidente del consiglio di Presidenza dell’Accademia Italiana di Cucina e l’accademico Agostino Stefani della Scuola di Sant’Anna di Pisa che ha parlato dei valori nutrizionali e benefici dei vegetali presenti in valle del Serchio.

A fare gli onori di casa insieme alla dirigente scolastica Catia Gonnela ed al vice sindaco del comune di Barga, Caterina Campani, Giovanni Battista Santini delegato per Garfagnana – valle del Serchio dell’Accademia.

Un concorso indetto, ha sottolineato, non solo per testare le capacità degli allievi ma anche e soprattutto per dare spazio e valorizzazione alle eccellenze enogastronomiche della Valle del Serchio .

Durante il pranzo di gala, organizzato e seguito senza una sbavatura dai docenti e dai ragazzi dell’alberghiero, nel menù preparato per l’occasione anche la presentazione di uno dei piatti della squadra vincente: il raviolo “Benvenuti in Garfagnana” a base di trota Fario;

Alla fine dunque una giornata dedicata a tutto campo ai prodotti tipici della vallata, ma anche a testimoniare il notevole impegno della scuola nella ricerca e nell’utilizzo del prodotto di qualità tipico del territorio.

Tag: , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.