Con Vincenzo Pardini e tanti autori locali il saluto del “Tra le righe di Barga”

-

Ieri sera ultima serata dell’edizione 2016 del festival letterario Tra le Righe di Barga, organizzato da Tra le righe libri e Prospektiva, con il patrocinio del comune di Barga, ProLoco, Slow Food.
Una puntata finale interamente dedicata alla Valle del Serchio e alla Lucchesia letteraria, ma anche alla conoscenza tra libri, miele, prodotti tipici del territorio, in collaborazione con Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio.
Molti gli ospiti speciali ad illustrare i passaggi del libro “Guida alla Saggezza. Atlantide dei luoghi della lucchesia”, primo tra tutti un grande interprete letterario lucchese, Vincenzo Pardini, che non ha certo bisogno di presentazioni. Proprio Pardini ha riassunto l’importanza di un saggio come questo dove gli autori ripercorrono la storia della valle parlando di personaggi illustri e storie realmente accadute, facendo rivivere al lettore i luoghi e le vite di questi personaggi. E’ proprio un bel saggio sulla memoria e sulla nostra identità questo e, come ricorda Pardini: “Senza memoria senza identità non saremmo più niente, non ci sarebbe più civiltà ne cultura”.

Il saggio è appunto un viaggio nella Atlantide che è la Valle del Serchio e la Lucchesia, un luogo ancestrale dal quale provengono tutte le leggende, le storie, le passioni. Da questo spunto prende il primo passo il sentiero che attraversa tutta la lucchesia, dal mare alle montagne, raccogliendo le visioni di “raccontatori” che incontrano personaggi come Giacomo Puccini, Giovanni Pascoli, Ludovico Ariosto, Ilaria Del Carretto, Pietro da Talada, Mario Tobino, i pescatori liberi di Viareggio, gli assassini e i martiri di Sant’Anna di Stazzema, e li uniscono ai paesaggi dove la grande storia si è fermata nell’istante dell’esplosione delle tragedie.
Il libro inizia con una riflessione di Andrea Giannasi sulla strage di S. Anna di Stazzema perpetrata dai nazifascisti. Daniele Vogrig intrattiene invece sulla figura di Giacomo Puccini, ripercorrendone la vita, le opere e le passioni. Nicola Bibilotti rivisita la Viareggio del 1921, quando il fascismo si imponeva con la violenza e il disprezzo verso coloro che non ne condividevano l’ideologia e i metodi. La storica barghigiana Sara Moscardini, con pagine molto sentite, ha giocato invece in casa raccontando la vita del Pascoli nella “valle del bello e del buono” e il suo amore per Castelvecchio. L’autrice emiliana Normanna Albertini si è spinta poi a Borsigliana, nei paesaggi che ispirarono Pietro da Talada, il pittore che diede vita a meravigliose Madonne, non più statiche ma donne vere in movimento. E ancora, Vittorio Angelino, con il suo Ludovico Ariosto ha ripercorso la storia della Garfagnana rinascimentale come “terra di lupi e di briganti”. Mario Rocchi parla nel volume della bella Ilaria del Carretto e dell’amore di Guinigi per lei. Monica Dini, col suo intervento, è entrata dentro le atmosfere di Maggiano, l’ospedale psichiatrico più antico d’Italia, risvegliando gli spettri che ancora aleggiano tra i cortili, i corridoi, e le stanze abbandonate. Bruno Giannoni, nel suo contributo, ha invece riportato nella Lucca del 1500-1600 ed ai suoi cannoni dislocati lungo le mura. Infine Simonetta Simonetti che ha fatto rivivere le gesta e le storie delle donne della resistenza, una resistenza senza colore, una resistenza vissuta da donne umili, ma che con il loro contributo hanno fatto tanto per la loro zona.
La serata si è conclusa con la presentazione nell’ambito dello Slow food Garfagnana del saggio di Ivo Poli dal titolo “Gli erbi boni, della cucina tradizionale della cucina garfagnina”, accompagnato dalla degustazione del miele di Francesca Buonagurelli dell’agriturismo “Il Benefizio” e dei salumi e dei vini della Garfagnana.Ieri sera ultima serata dell’edizione 2016 del festival letterario Tra le Righe di Barga, organizzato da Tra le righe libri e Prospektiva, con il patrocinio del comune di Barga, ProLoco, Slow Food.

Tag: , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.