A San Pietro in Campo una scuola di murales

-

Una scuola di murales per ragazzi da 10 a 14 anni. Questa la bella iniziativa promossa dal Comitato paesano di San Pietro in campo e resa possibile grazie all’artista Sandra Rigali.

L’annuncio stamattina presso il Comune di Barga, alla presenza tra gli altri del sindaco di Barga, Marco Bonini, del presidente del Comi tato Paesano, Pietro Pisani, dell’artista Sandra Rigali principale artefice del progetto, e del consigliere comunale Francesco Consani.

“Si tratta di un vero e proprio progetto per la nascita a San Pietro in Campo di un laboratorio per formare i ragazzi all’arte dei murales – come spiega il presidente Pietro Pisani – Entro il mese di febbraio verrà completato il progetto mentre tra marzo e maggio verranno svolte le lezioni pratiche e quelle teoriche che porteranno alla realizzazione di un grande murales sul muro del Circolo del Comitato paesano”

“Quest’anno il tema ė di raccontare il comitato paesano e le sue iniziative – aggiunge Sandra Rigali – ma speriamo che vengano fuori altre idee e altri muri interessanti negli anni a venire. Questo ci auguriamo infatti che sia il primo seme destinato a dare tanti germogli”.

Insomma per la Rigali un vero e proprio progetto pilota per favorire la nascita di una scuola delle arti sul territorio; esigenza che ha raccolto da più parti, afferma, ed in particolare dalla vocazione di tanti giovani, riscontrata oltretutto in questi anni anche nelle esperienze avviate con il Comitato paesano di San Pietro in Campo”.

Tutto nasce infatti da una collaborazione fattiva tra Rigali ed il comitato paesano nata in questi anni nell’ambito delle iniziative artistiche portate avanti durante la manifestazione della “Trebbiatura” come le estemporanee di pittura che hanno coinvolto i giovani del paese.

Da questa collaborazione è nata l’esigenza di realizzare qualcosa di più duraturo, che potesse lanciare le basi ad una vera e propria formazione dei giovani ed alla possibilità di favorire permanentemente le loro vocazioni artistiche e la ricerca di nuovi talenti.

“La scelta della scuola di murales è perché questo è il linguaggio artistico più contemporaneo e quindi lo strumento migliore per insegnare ai ragazzi le tecniche artistiche, utilizzando come superficie il muro”.

La “scuola di murales” dunque sarà la nuova scommessa di san Pietro in campo e del suo comitato. Obiettivo finale, il primo, un grande murales che farà bella mostra di sé proprio nel cuore pulsante del paese, la sede del comitato paesano.,

Intanto San Pietro in Campo si prepara per i prossimi appuntamenti con la tradizione. Sabato e domenica i festeggiamenti di Santa Apollonia, con la tradizionale passeggiata notturna di Santa Apollonia e l’accensione del falò il sabato e la santa messa solenne la domenica e nel pomeriggio il consueto appuntamento con io carnevalino dei piccoli.

Tag: , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.