Senza luce ancora 40 famiglie barghigiane

-

Ancora problemi per l’approvvigionamento di energia elettrica per circa quaranta utenze spalmate nell’intero territorio barghigiano, con particolare riferimento alle zone di montagna. Questi gli strascichi della tempesta di vento dei giorni scorsi.

Anche oggi si è svolto a Pieve Fosciana un incontro tra i sindaci dei comuni della Valle del Serchio e la Prefettura per capire come risolvere il protrarsi del problema che ormai va avanti ininterrottamente da giovedì per molte famiglie non solo del comune di Barga, ma dell’intera Valle del Serchio. Con tutti i disagi e le problematiche che possono scaturire da una situazione del genere.
Anche per le famiglie che da noi risultano ancora senza luce il problema è quello che ENEL ha riassunto stamani in un comunicato: “si precisa che sulle singole linee di bassa tensione in alcune zone della Versilia, della Garfagnana, del Casentino e del pistoiese sarà necessario in alcuni casi ricostruire interi impianti che arrivano alle abitazioni perché la tempesta di vento ha raso al suolo alberi, piante ad alto fusto e pezzi di linea; un fenomeno che forse mai si era verificato negli ultimi decenni. Si tratta di danni gravissimi anche per gli impianti Enel che procederà al rifacimento delle linee con operazioni complesse e articolate, cercando nel frattempo di restituire (in molti casi già di fatto o in corso d’opera) elettricità a ogni singola utenza di bassa tensione anche con gruppi elettrogeni e soluzioni provvisorie”.
Il sindaco del Comune di Barga Marco Bonini ha sollecitato ENEL e le autorità competenti a fare qualcosa per risolvere quanto prima la situazione, anche con l’impiego di maggiori unità di personale. La risposta è stata che entro stasera la maggior parte delle problematiche ancora in essere sarà risolta. Al momento in cui scriviamo, sono le 17,35, le utenze ancora senza luce erano ancora 40.
Speriamo bene.

Tag: , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.