Tag: Umberto Sereni

- di Redazione

La stampa ritrovata della Grande Guerra: inaugurata la mostra alla Fondazione Ricci

Sabato mattina la Fondazione Ricci Onlus di Barga e la locale sezione dell’Istituto Storico Lucchese hanno aperto ufficialmente sul territorio le celebrazioni per i cento anni dalla conclusione del primo conflitto mondiale. Lo hanno fatto con un convegno di studi e l’apertura di una mostra, entrambi gremiti e molto apprezzati. La mattinata, aperta dalla Presidente della Fondazione Cristiana Ricci, ha visto gli interventi del prof. Umberto Sereni, che ha delineato il quadro storico italiano negli anni della Grande Guerra, del col. Vittorio Lino Biondi con un intervento sul soldato italiano durante il conflitto, della prof.ssa Natalia Sereni che ha delineato il peculiare rapporto degli emigrati della Valle del Serchio con la madre patria durante e dopo la guerra, e di Pier Giuliano Cecchi che ha tracciato una geografia delle lapidi e dei monumenti memoriali presenti nel barghigiano. A questi interessanti contributi è seguita, alla presenza del senatore Andrea Marcucci, l’inaugurazione della mostra “Grande Guerra: la stampa ritrovata”, curata da Nazareno…

- di Redazione

Grande Guerra, si celebra il centenario dell’armistizio alla Fondazione Ricci

Una nuova interessante iniziativa il prossimo 20 ottobre alla Fondazione Ricci di Barga (via Roma). Per i cento anni dell’armistizio (1918-2018) ed in generale per le celebrazioni della Grande Guerra si terrà presso la fondazione un importante convegno storico che avrà come relatori il prof. Umberto Sereni, il col. Vittorio Lino Biondi, la prof.sa Natalia Sereni e lo storico locale Pier Giuliano Cecchi. Il convegno si terrà alle 10. Sereni farà una introduzione storica incentrata in particolare sulla fine della guerra, mentre Biondi affronterà il tema “Il soldato italiano nella grande guerra”; la prof.sa Sereni parlerà di “Emigrati e Grande Guerra” mentre Cecchi affronterà il tema delle memorie di Barga della Grande Guerra. Seguirà, alle 11,30, l’inaugurazione di una mostra dal titolo Grande guerra: la stampa ritrovata con l’esposizione dei periodici dell’epoca della Valle del Serchio e del Corriere Illustrato. La mostra è curata da Sara Moscardini, Nazareno Giusti e Ivano Stefani e sarà aperta sabato 20, domenica 21 e…

- di Redazione

Comune (o comuni) unico della Valle. Andrea Marcucci: la partita delle fusioni è particolarmente importante

Prosegue il dibattito sull’eventuale accorpamento delle funzioni amministrative fra realtà comunali della Valle del Serchio. Dopo le opinioni già raccolte nelle settimane scorse tra esponenti politici sicuramente bipartisan, ma convinti dell’utilità di arrivare a pochi grandi comuni, siamo andati a sentire cosa pensa in proposito il senatore del Partito Democratico, Andrea Marcucci. L’occasione ci viene proprio dalla serata che su questa tematica si terrà questa sera 3 agosto a Gallicano, durante la festa dell’Unità Fusione dei comuni, c’è chi è a favore di “piccole” fusioni e chi di “grandi” fusioni. Lei che ne pensa dell’ipotesi di ridurre drasticamente il numero dei comuni della Valle? “I Comuni molto piccoli non sono più in grado oggettivamente di assicurare servizi fondamentali per i cittadini. Lavorare per le fusione è quindi secondo me giusto. Peraltro gli incentivi, attraverso l’erogazione di strumenti finanziari, sono attrattivi. È chiaro che le fusioni devono avere una logica territoriale ed amministrativa, non devono certo essere fine a se stesse.…

- di Redazione

Comune (o comuni) unico della Valle. Andreuccetti: in Media Valle un massimo di due grandi comuni

Le fusioni dei comuni della Valle. C’è chi continua ad osteggiare la possibilità di fusioni più articolate ed importanti, per mettere insieme piccole realtà e c’è chi invece pensa che la strada da seguire sia quella per arrivare a pochi grandi comuni che rappresentino il territorio in una visione più ampia ed articolata. Di tutto questo se ne parlerà anche in occasione della prossima festa dell’Unità a Gallicano, il 3 agosto, con una serata organizzata dal PD alla quale sono stati invitati i sindaci; proprio per affrontare l’argomento fusioni ed in particolari anche per discutere l’opportunità di arrivare o meno a pochi, grandi comuni che mettano insieme anche grandi aree della Vallata. A pensare a pochi, grandi comuni è senza dubbio il segretario provinciale del PD, nonché sindaco di Borgo a Mozzano, Patrizio Andreucetti. “Sul tema delle fusioni mi sono già espresso. Forse due anni fa parlai della possibilità di andare verso un comune unico della Media Valle ed uno…

- di Redazione

Gli “Stati Generali della Valle” per disegnare i nuovi assetti dei comuni

Nel vivace dibattito politico-istituzionale che sta caratterizzando l’agenda di molti comuni della Valle del Serchio e Garfagnana in queste settimane prende una posizione definita anche il Partito Democratico di Fabbriche di Vergemoli con il suo segretario Marisa Vannetti. “Solo poco più di un anno fa denunciammo pubblicamente il fatto che i nostri cittadini non registravano gli effetti positivi attesi dalla tanto decantata fusione fra Fabbriche di Vallico e Vergemoli – commenta Vannetti – pur ritenendo come partito lo strumento delle fusioni fra comuni, oggi come allora, un progetto da valutare seriamente per poter addivenire ad un assetto istituzionale più snello ed efficiente nella nostra Valle.” “E’ del tutto evidente che le manovre promosse in queste settimane dai due gruppi di maggioranza di Fabbriche di Vergemoli e Molazzana circa una nuova fusione non fanno altro che certificare l’assoluto fallimento del progetto che al tempo ha sancito l’unione fra Fabbriche e Vergemoli. Troviamo conferma che tale operazione fu messa in campo per…

- di Redazione

Bonini, le fusioni dei comuni sono il futuro, ma no ai colpi di testa, sì ad un tavolo di lavoro comune

“Un passaggio ormai irreversibile quello di mettere insieme più comuni ma per far questo occorre indubbiamente avviare un ragionamento condiviso, comune a tutte le realtà comunali della Valle. Credo anche io che bisogna ragionare in un’ottica di Valle e non guardando ai singoli territori. Fondere due piccoli comuni per crearne uno altrettanto piccolo, non risolve certo il problema della loro sopravvivenza”. Così il sindaco di Barga, Marco Bonini che si dice favorevole a cominciare, trovandosi peraltro d’accordo con il suo predecessore Umberto Sereni, a ragionare nell’ottica di rivoluzionare il panorama comunale della Valle del Serchio creando al massimo cinque macro comuni. Bonini ne è convinto: per far questo bisogna che sia creato un tavolo di lavoro e di confronto unitario. Ed il primo cittadini si rende disponibile anche a portare avanti questo processo. “Credo che la questione vada valutata nella giusta ottica. Vorrei quindi che si fermassero, pur rispettando le iniziative di ognuno, le fughe in avanti che possono esserci…

- di Redazione

A Coreglia commemorati Carrà e Ungaretti

Sabato scorso a Coreglia ha avuto luogo un’iniziativa promossa dall’Amministrazione comunale in ricordo di due illustri artisti che nello scorso secolo soggiornarono in quel borgo: il pittore Carlo Carrà e il poeta Giuseppe Ungaretti. Carrà vi giunse nel 1925, su invito dell’amico Manara Valgimigli: l’artista conosceva allora un periodo di crisi, da cui il soggiorno a Coreglia riuscì a salvarlo, sollevandolo con i colori e la luminosità della montagna toscana. “Il mio spirito” ricordava Carrà “si sentiva più pacificato e non mi conturbavano più quelle tetre disperazioni dell’immediato dopoguerra, non più quelle desolate sofferenze che seguirono la mia uscita da Brera. Avevo ormai acquistato una pacata fiducia nelle mie possibilità pittoriche”. Fu allora, nell’estate del 1925, che Carrà invitò a fargli visita un altro amico che attraversava un buio periodo: il poeta Giuseppe Ungaretti, che a Coreglia trascorse giorni di serenità immersa nella natura. A ricordare la magnifica presenza dei due a Coreglia è stata apposta e scoperta, lo scorso…

- di Redazione

SÌ vs NO. Barghigiani e non solo a confronto sul referendum: Bonini vs Sereni

Giunti a meno di due mesi dall’appuntamento del prossimo 4 dicembre, con l’atteso referendum attraverso il quale noi cittadini saremo chiamati a confermare o meno la riforma approvata in via definitiva dalle camere lo scorso aprile, il nostro giornale ha pensato d’offrire uno spazio di confronto nel quale possano misurarsi a favore o contro tale proposta rappresentanti delle istituzioni, della politica locale come pure professionisti o semplici cittadini. Cinque identiche domande poste ai vari interlocutori che potranno motivare la loro posizione con risposte contingentate nella loro lunghezza (massimo 400 battute per ogni risposta). Un modo d’offrire ai nostri lettori online un punto di vista diverso attraverso il quale poter guardare alla proposta di riforma della Costituzione e farsene una loro opinione. Dopo il confronto Boggi-Giovannetti, proseguiamo con due figure che meglio non potrebbero riassumere confronto e scontro tra il sì ed il no: l’ex sindaco del comune di Barga, Umberto Sereni, fautore del NO ed il sindaco in carica Marco…

- di Redazione

La Scozia, The National, Alex Salmond, Umberto Sereni e Barga: a sunny Paisley

Lo scambio Sereni-Scozia dopo l’appoggio al presidente del parlamento scozzese per la volontà di rimanere nell’Europa, continua. Anche il giornale separatista scozzese The National si è occupato sottolineando l’iniziativa dell’ex sindaco di Barga, peraltro facendo uno spot notevole alle peculiarità scozzesi di Barga “the most Scottish town in Italy” ed ai motivi per trascorrervi, le vacanze, parlando di Barga come di una “Sunny Paisley”, assolata Paisley. Paisley è stata per anni una cittadina satellite di Glasgow molto viva e vivace e qui era concentrata una grande presenza di emigrazione barghigiana . Tutt’oggi qui vive e lavora la famiglia della nota pop star Paolo Nutini che gestisce il proprio ristorante di fish & chips ereditato dal nonno barghigiano Jackie Nutini. Il giornale scozzese riporta e sottolinea poi il messaggio inviato da Sereni a Nicola Sturgeon, soffermandosi proprio sulle parole espresse dall’ex sindaco sui legami tra Barga e la Scozia e sul perché di quel messaggio. E sulle parole espresse nei confronti…

- di Redazione

Brexit, dalla Scozia le reazioni ai messaggi di Sereni

Scambi ulteriori Sereni-Scozia in merito alla Brexit. Il deputato Alyn Smith, rappresentante dello SNP (Scottish National Party) al parlamento Europeo, al quale Umberto Sereni aveva inviato un messaggio di apprezzamento e di solidarietà per il coraggioso discorso al Parlamento Europeo in difesa dell’adesione all’Europa, ha risposto così: Thank you! We face uncertain times but will do our best to preserve our European status in Scotland. We want all Europeans to remember that we, in Scotland, voted to remain in the EU.All best, Alyn (Grazie! Siamo di fronte a tempi incerti, ma faremo del nostro meglio per preservare il nostro status europeo in Scozia. Vogliamo che tutti gli europei ricordino che noi, in Scozia, abbiamo votato per rimanere nell’U.E) A darne notizia lo stesso Sereni che fa anche sapere che nei giorni precedenti era stato Alex Salmond (nella foto), già Primo Ministro di Scozia, a manifestare il gradimento per il messaggio che aveva inviato al Primo Ministro del parlamento Scozzese Nicola…

- di Redazione

Sereni su punto nascita Barga: “Ora rientegrare Vincenzo Viglione nel suo ruolo garantendo così quella piena autonomia funzionale”

Dal consigliere comunale di opposizione a Barga, nonché ex sindaco di Barga, Umberto Sereni, dopo le dichiarazioni del direttore generale dell’ASL Toscana Nord Ovest, Maccari, riceviamo e pubblichiamo: “Le dichiarazioni rese dal direttore generale dell’A. S. L. dottor Maccari nel recente incontro con gli amministratori della Valle meritano di essere prese in grande considerazione perché disegnano la linea di direzione entro la quale negli anni a venire si svolgerà la sanità della Valle del Serchio. Finalmente ci troviamo di fronte ad uno scenario di lunga durata che consente di concordare fra A.S.L. ed Enti Locali un progetto di potenziamento e di crescita del sistema sanitario nel suo complesso e delle due strutture ospedaliere – di Barga e di Castelnuovo- che di questo sistema rappresentano i perni fondamentali. Coerente con quanto aveva dichiarato l’assessore Stefania Saccardi, quando a Castelnuovo aveva presentato gli orientamenti della Regione, ed aveva ribadito la scelta strategica della permanenza dei due ospedali, mettendo fine alla ripresa della…

- di Redazione

Brexit, per Sereni il voto scozzese motivo di grande soddisfazione

Dopo l’esito del referendum che si è svolto nel Regno Unito interviene sulla scottante questione anche l’ex sindaco di Barga Umberto Sereni, che ha scritto in questi giorni una lettera al Presidente del Parlamento scozzese, Nicola Surgeon, ricordandogli i legami tra Barga e la Scozia e complimentandosi con la maturità e con la responsabilità dimostrati da tutto il popolo scozzese. “Gentile Presidente – scfrive il prof. Sereni – non si meravigli di ricevere anche da Barga, comune della Toscana, ,in questi giorni carichi di tensione, un messaggio di solidarietà e di incoraggiamento per le decisioni che ha annunciato di voler prendere in merito alla votazione sul Brexit e sulle sue conseguenze. Per le relazioni che il comune di Barga intrattiene con la Scozia, relazioni così intense da farci autorappresentare come il più scozzese dei comuni italiani, il voto espresso dagli scozzesi alla recente consultazione è stato da noi valutato con grande soddisfazione e altrettanto grande ammirazione. Il fatto che a…