Tag: comuni

- 2 di Redazione

Spostamenti per gli acquisti? Nella Valle del Serchio i comuni sono piccoli; bisognerebbe estendere ufficialmente la possibilità tra più comuni.

FORNACI – Nella Valle del Serchio i comuni sono quasi tutti piccole realtà. Fare acquisti nel proprio territorio vuol dire penalizzare oltremodo le attività che ancora sono aperte in zona rossa. I sindaci in tal senso qualcosa lo hanno già detto, ma bisognerebbe che tale possibilità fosse riconosciuta ufficialmente dalle autorità e che per realtà come le nostre fosse estesa a livello di più comuni. Lo sottolinea Giuseppe Santi, a nome dei commercianti di Fornaci di Barga e del CIPAF che, come sollecitato anche da altre associazioni di categoria, chiede che ci sia maggiore chiarezza circa la possibilità di muoversi sul territorio, per fare acquisti convenienti, anche oltre i confini comunali. Non è la stessa cosa vivere le restrizioni da zona rossa o zona arancione come negozio di una grande città, o di paesi comunque grandi, e invece viverlo come commerciante di piccole realtà, di piccoli comuni, spesso con pochi abitanti. E questo è il caso della Valle del Serchio, dove…

- di Redazione

Mascherine; saranno i comuni della Valle del Serchio a distribuirle e non le farmacie

VALLE DEL SERCHIO – Non saranno né le farmacia né i supermercati ad occuparsi della distribuzione delle mascherine che la Regione Toscana destinerà alla popolazione. Dunque da lunedì non si dovranno prendere di assalto le farmacie e tanto meno i supermercati perché, almeno in Media Valle ed anche in Garfagnana, ad occuparsi della distribuzione saranno le unioni dei comuni prima, per lo smistamento, e poi i comuni e le associazioni di volontariato che collaboreranno, dopo. Tutto avverrà insomma così come è stato la scorsa volta con le associazioni ed i volontari che sul territorio recheranno le mascherine alla popolazione; con lo stesso metodo usato più di una settimana fa volta quando furono distribuite due mascherine a persona. Stavolta dovrebbero essere molte di più le mascherine da portare,  anche perché la regione aveva previsto per ogni abitante la distribuzione di 5 mascherine per volta, per un totale di sei distribuzioni in un mese. Insomma, un bel po’ di roba. Per il momento…

- di Redazione

Piattaforma montagna: UNCEM invia ai sindaci una serie di proposte da sottoporre al governo. “

VALLE DEL SERCHIO  – Uncem ha trasmesso a tutti i Sindaci e Consiglieri comunali d’Italia una “Piattaforma per la costruzione di politiche nazionali integrate per la montagna, le aree rurali e interne dell’Italia”. Un articolato documento che Uncem ha chiesto ai Sindaci di varare in Giunta o in Consiglio comunale, oltre nelle Unioni montane di Comuni e Comunità montane. Uno strumento di lavoro che l’Associazione propone anche a imprese, terzo settore, datoriali, associazioni, mondo accademico, ai sindacati, a tutte le istituzioni. Una piattaforma implementabile che riprende e rilancia i contenuti degli Stati generali della Montagna (che si sono svolti a Roma il 31 gennaio 2020 e che proseguiranno con una serie di incontri territoriali, anche tematici, promossi dal Ministero degli Affari regionali e delle Autonomie) e a seguito dell’importante dibattito sul tema montagna che si è tenuto alla Camera dei Deputati il 27 gennaio 2020, con l’approvazione all’unanimità di una serie di mozioni. “Si apre uno scenario nuovo, positivo, dove…

- di Redazione

A proposito del referendum per la fusione Villa Collemandina- Castiglione

Il “Comitato per l’Attuazione della Costituzione Valle del Serchio”, nonché i gruppi consiliari “Innovarsi per Castiglione”  e “Il Comune in comune” di Villa Collemandina, esprimono congiuntamente la loro  soddisfazione per l’esito del referendum sulla proposta di fusione.  Intendono ringraziare tutti quei cittadini che con il loro voto, con la partecipazione alle assemblee, con il loro contributo di idee e lavoro sul territorio, hanno consentito questo importante risultato che impedisce una fusione che, secondo loro,  sarebbe stata un grave errore. “E’ stata una contesa complessa e difficile – scrivono –  che ha visto le parti in campo confrontarsi in maniera articolata, corretta, civile e democratica. E’ vero – continuano –  ora manca la parola finale della Regione, ma questa non potrà che esprimersi in coerenza con la Risoluzione n. 39 del 6 aprile 2016, laddove è previsto, nel caso in cui abbia prevalso il No in un Comune, una maggioranza complessiva dei 2/3 dei votanti per poter approvare la fusione. Ci…

- di Redazione

Montemagni e Casucci (Lega): no alla fusione tra Villa Collemandina con Castiglione

“I piccoli e pittoreschi borghi toscani col passare del tempo rischiano, purtroppo, di andare incontro a problematiche sempre più crescenti, ma riteniamo che la fusione fra di essi non sia la soluzione migliore per ovviare ad eventuali criticità.” Così Elisa Montemagni e Marco Casucci, Consiglieri regionali della Lega, in riferimento alla fusione tra Villa Collemandina e Castiglione di Garfagnana: “Ci riferiamo a quanto dibattuto in un’assemblea pubblica, a cui abbiamo partecipato, tenutasi a Villa Collemandina che, domenica, sarà chiamata ad un’ipotesi di fusione con Castiglione di Garfagnana; siamo convinti che puntare a fondere assieme più realtà non sia assolutamente la panacea a tutti i mali.” “I cittadini – concludono Montemagni e Casucci – devono essere i soli protagonisti di decisioni che, alla fine, li riguardano direttamente e quindi auspichiamo che, domenica prossima, le persone partecipino in gran numero al referendum, avendo avuto, almeno ce lo auguriamo, tutte le giuste ed esaurienti informazioni in relazione ad una consultazione popolare che, in…

- di Redazione

Fusione dei comuni. Iniziativa per il no a Castiglione di Garfagnana

La campagna referendaria per la fusione dei Comuni di Castiglione Garfagnana e Villa Collemandina sta entrando nella fase più accesa.Per quanto riguarda il fronte del no, a Castiglione, venerdì 11 maggio alle ore 21, nella piazza Vittorio Emanuele (in sala consiliare in caso di maltempo), verranno illustrate le ragioni per opporsi alla fusione, da parte del Comitato per l’Attuazione della Costituzione Valle del Serchio e del gruppo consiliare di minoranza Innovarsi per Castiglione. Interverranno il consigliere comunale Stefano Folegnani e gli attivisti del Comitato, Mario Regoli, Leonardo Mazzei e Marco Bonini. Secondo il Comitato per l’Attuazione della Costituzione: “i Sindaci dei Comuni interessati dalla consultazione, Gaspari e Tamagnini, non hanno mancato di lanciare nell’arena il solito ritornello che ormai accompagna ogni referendum locale o nazionale, circa il fatto che si tratterebbe dell’ultimo treno disponibile e che non vi sarebbero altre occasioni; ci auguriamo che le popolazioni rifiutino anche questo passaggio, così come hanno evitato di salire sul treno del referendum…

- 2 di Redazione

Nei comuni Dem della media Valle la riflessione sul voto

Il voto negativo in Media Valle per il Partito democratico; il mancato distacco di Marcucci su Mallegni ed anzi la sua sconfitta secca in alcuni comuni come Borgo a Mozzano e Bagni di Lucca, , in una Media Valle del Serchio a forti toni DEM, il segno lo ha lasciato. C’è amarezza e delusione  tra i sindaci che governano questo territorio e che in generale si sarebbero attesi un risultato non di questa portata al negativo. Non ha dubbi il sindaco di Borgo a Mozzano Patrizio Andreucetti, membro anche del direttivo territoriale del PD. Qui Marcucci è stato superato dai candidati della destra Mallegni ed anche da Pagnini del Movimento 5 stelle e pure Baccelli è finito terzo dietro a Zucconi (destra) e Landi (5 stelle): “Certo per il PD è stata una sconfitta, per il PD e per Renzi. – dice il sindaco –  A livello generale in questo voto ha prevalso una forte avversione nei confronti dei profughi…

- 5 di Redazione

Poste, dal 19 il recapito a giorni alterni. Ora è ufficiale

Ora c’è la certezza: il 19 febbraio prossimo partirà il servizio di recapito postale a giorni alterni nei comuni di Barga, Borgo a Mozzano, Coreglia, Pescaglia, Bagni di Lucca, Fabbriche di Vergemoli, Molazzana e Gallicano, Ce lo conferma lo stesso sindaco di Barga, Marco Bonini che a nome di tutti i sindaci dei comuni coinvolti esprime preoccupazione per gli eventuali disservizi che si potrebbero venire a verificare. Tanto che a Poste era stata chiesta una proroga che però non è stata accolta. Dal 19 febbraio prossimo il recapito a giorni alterni partirà. Se questo poco tempo basterà per organizzare al meglio il servizio non è dato saperlo, ma qualche dubbio in proposito lo esprimono anche i sindaci. “Di ragioni per preoccuparsi – spiega Bonini – ce ne sono almeno due: la prima è a livello occupazionale per la riduzione dell’organico; l’altra è che già adesso il recapito postale non funziona e la posta arriva da una a due volte alla…

- di Redazione

Fusione comuni, sì a referendum istituzione Comune di Villa Castiglione

Via libera all’indizione del referendum per l’istituzione del Comune di Villa di Castiglione dalla fusione dei comuni di Castiglione di Garfagnana e di Villa Collemandina, in provincia di Lucca. La proposta di deliberazione è stata licenziata a maggioranza nella seduta odierna del Consiglio regionale della Toscana dopo che i sindaci dei comuni interessati, Daniele Gaspari e Dorino Tamagnini, rispettivamente di Castiglione di Garfagnana e di Villa Collemandina, sono stati auditi in commissione Affari istituzionali. “Abbiamo avuto modo di ascoltare i primi cittadini per toccare con mano le esigenze delle comunità coinvolte e poter valutare al meglio in questo modo l’opportunità di indizione del referendum. – fa presente Giacomo Bugliani, consigliere regionale Pd e presidente commissione Affari istituzionali – Abbiamo potuto approfondire così le caratteristiche dei comuni direttamente da chi li amministra, riuscendo a constatare che si tratta di due realtà contigue non solo per territorio ma anche per servizi, in cui un’organizzazione sinergica risulta determinante nell’interesse della popolazione. Ascolto e…

- di Redazione

Il Comitato: stop alle fusioni

Stop alle fusioni dei comuni. Ribadisce la sua ferma posizione il Comitato per l’attuazione della costituzione Valle del Serchio. Lo fa con questo comunicato: “Dopo le vicende della proposta di fusione di Appennino in Garfagnana, sulla quale la decisione dovrà essere presa ormai in breve tempo, il  dibattito sul tema è tenuto vivo da quello che è accaduto a Gallicano.  Lo stop che il Sindaco Saisi ha clamorosamente decretato alla consultazione informale per la unificazione con Molazzana e Fabbriche di Vergemoli, che noi del Comitato auspichiamo sia una definitiva rinuncia ad ogni ipotesi di fusione, conferma ancora una volta le ragioni dell’attività informativa che abbiamo svolto in questi  ultimi mesi. Rivendichiamo con forza un ruolo determinante nell’avere contribuito a far conoscere le motivazioni di contrarietà alle fusioni dei Comuni, nel far comprendere che non si tratta di processi automatici, predeterminati e scontati. Il dibattito di queste ultime settimane dimostra che finora l’argomento era stato trattato con superficialità e senza gli…

- 1 di Redazione

Richiedenti asilo e minihub a Colle Fobia, Bonini: “Un accordo che restituisce voce in capitolo ai comuni. Vi spiego perché

Come pubblicato il 2 agosto scorso, la Prefettura sta lavorando alla realizzazione di alcuni minihub per l’accoglienza temporanea dei richiedenti asilo in provincia di Lucca, allo scopo di alleggerire il campo della Croce Rossa alle Tagliate. Una delle quattro strutture, un’altra è da trovare in Garfagnana dove c’è qualche perplessità, una nella piana ed una quarta in Versilia, dovrebbe essere per la media valle nel comune di Barga e precisamente a Colle Fobia, sui colli prospicenti l’Appennino barghigiano. Si sta lavorando all’accordo con i comuni della Valle che però, proprio nel caso si proceda in questo senso, vorrebbero mettere i classici puntini sulle i. A spiegarceli, i puntini, il sindaco di Barga, Marco Bonini: “La soluzione minihub a Colle Fobia sta andando avanti, ma vorrei chiarire che Colle Fobia non sarebbe una soluzione definitiva; sarebbe solo provvisoria, dove i richiedenti asilo sarebbero destinati a rimanere pochi giorni. Anche se lontani dai centri abitati non si lederebbe quindi la capacità e…

- di Redazione

Fusioni: no al mercanteggiamento dei Comuni

Il “Comitato per l’Attuazione della Costituzione Valle del Serchio” entra nel dibattito, molto vivo in questo periodo, delle fusioni tra Comuni esprimendo il proprio parere negativo, nella sostanza e nel metodo e annunciando iniziative politiche e di mobilitazione su questa tematica, in particolare nei referendum che dovranno consentire alle popolazioni interessate di pronunciarsi sulle singole proposte di Fusione tra Comuni. “No al mercanteggiamento dei Comuni – scrive – le fusioni proposte sono motivate da soli aspetti economico finanziari, non rispondono a criteri organizzativi, geografici, territoriali etc.. Si corre dietro ad incentivi temporanei, per sbarcare il lunario qualche anno, sacrificando storie e tradizioni di comunità secolari ad una logica puramente economicistica. Le fusioni in procinto di realizzarsi sono state decise in maniera troppo frettolosa e senza un coinvolgimento sufficiente delle popolazioni interessate, senza un coordinamento tra le varie ipotesi, senza una visione d’insieme dell’intera Valle del Serchio. Le fusioni ridurranno i Comuni più piccoli in periferie di quelli maggiori; dopo il…

  • 1
  • 2