Tag: antonio nardini

- di Redazione

Nel ricordo del loro amore per Barga

BARGA – Li ha uniti in vita l’amore per gli Alpini e per la loro Barga. Dimostrato quest’ultimo in maniera e modi diversi, il primo anche con un notevole contributo alla ricerca ed alla memoria storica di Barga, il secondo con una spinta al bello ed al bene del paese fatto con tanti gesti concreti. A ricordarli con una toccante cerimonia che si è svolta al cimitero di Sigliari, presso le tombe di Antonio e Graziano, sono stati i componenti del Gruppo Alpini di Barga,  della sezione di Barga e dell’istituto Storico Lucchese e della Fondazione Ricci, grazie in particolare alla spinta che è venuta in tal senso dal vice direttore dell’Istituto Storico Pier Giuliano Cecchi. Due mazzi di fiori sono stati deposti presso il luoghi dove Antonio e Graziano riposano per sempre; ai lati opposti del cimitero di Barga eppure ugualmente vicini. Vicini soprattutto nei ricordo, nei pensieri, nell’affetto che tutti i presenti e Barga hanno testimoniato anche ieri;…

- di Redazione

Un premio per studiosi di storia, tradizione e costume intitolato ad Antonio Nardini

BARGA – La Fondazione Ricci Onlus e l’Istituto Storico Lucchese sez. di Barga hanno istituito un premio di studio intitolato alla memoria di Antonio Nardini. Il premio è riservato a studiosi italiani o stranieri, anche senza formale qualifica accademica, che abbiano compiuto studi inediti negli ambiti di ricerca storica, archivistica, storico-artistica, o delle tradizioni e dei costumi, delle province di Lucca, Massa, Pisa e Firenze, preferibilmente con riferimenti alla Media e Alta Valle del Serchio. Per ricerca storica inedita si intendono testi che non siano stati oggetto di pubblicazione (cartacea o online) e la validità dei cui contenuti sia adeguatamente supportata da fonti archivistiche, bibliografiche o orali. Le tesi di laurea ricadono nelle suddette condizioni. Ciascun soggetto potrà candidarsi autonomamente al Premio entro il 1° settembre con le modalità indicate in bando. Il Premio verrà consegnato nel mese di dicembre 2020, in concomitanza con un evento pubblico in memoria di Antonio Nardini. Il Premio consiste nella pubblicazione del lavoro e…

- di Redazione

Nel ricordo di Antonio Nardini e Graziano Angelini

BARGA – Domenica 26 luglio alle 18,30 al cimitero di Barga ci sarà un momento in ricordo di Antonio Nardini, storico direttore per lungo tempo della sezione di Barga dell’Istituto Storico Lucchese. Nell’occasione verrà anche ricordato l’alpino Graziano Angelini. Due figure care alla comunità barghigiana entrambe scomparse nei mesi scorsi. Su impulso del vicedirettore dell’Istituto Storico  Pier Giuliano Cecchi, il gruppo ha organizzato questa piccola cerimonia insieme al Gruppo Alpini e alla Fondazione Ricci, con il patrocinio del Comune di Barga.  

- di Pier Giuliano Cecchi

Ricordando Antonio Nardini. Intervista con Angelo Pellegrini

Sono quasi quattro mesi che lo storico barghigiano Antonio Nardini ci ha lasciato alla bellissima età di 98 anni e ne sentiamo la mancanza perché ormai era come un faro che illuminava le vie della storia di Barga. Oggi, seppur lui non sia qui con noi, comunque a parlarcene restano le sue diverse pubblicazioni che fanno sì ch si avveri ancora del Poeta il detto: Non omnia moriar, non morirò del tutto. Noi però vogliamo contribuire a rinforzare quel detto latino cercando di ritessere il suo cammino culturale e per farlo siamo qui a casa di Angelo Pellegrini, ex artigiano, che con Antonio Nardini ha condiviso molti momenti di storia locale, soprattutto come iscritti prima al Gruppo Ricerche Storico-Archeologiche Barga, poi alla Sezione sempre di Barga dell’Istituto Storico Lucchese.   Angelo, come hai conosciuto Antonio Nardini? Lo conoscevo, si fa per dire, da sempre ma in particolare iniziai a frequentarlo maggiormente al tempo che con il povero dott. Raffaello Nardi…

- di Redazione

Un Premio di Studi Storici nel ricordo di Antonio Nardini

Un Premio di Studi Storici dedicato al ricordo di Antonio Nardini: l’idea è promossa dalla Fondazione Ricci Onlus e dalla sezione barghigiana dell’Istituto Storico Lucchese per ricordare lo storico locale scomparso lo scorso marzo. Le due realtà hanno deciso, in accordo con la famiglia, di onorare la memoria di Nardini, per tanti anni membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Ricci e direttore dell’Istituto Storico di Barga, pensando e pubblicando un bando rivolto agli appassionati delle materie storiche. Il bando è dedicato a studiosi italiani o stranieri, anche senza formale qualifica accademica, che abbiano compiuto studi inediti negli ambiti di ricerca storica, archivistica, storico-artistica, o delle tradizioni e dei costumi, delle province di Lucca, Massa, Pisa e Firenze, preferibilmente con riferimenti alla Media e Alta Valle del Serchio. Il premio, che verrà consegnato nel mese di dicembre 2020 in concomitanza con un evento pubblico in memoria di Antonio Nardini, consiste nella pubblicazione del lavoro e in un buono per acquisto…

- di Pier Giuliano Cecchi

La possibile storia dell’antico “spedale” Santa Lucia a Barga

Leggendo un articolo che scrisse Antonio Nardini sul Giornale di Barga n. 754, del gennaio 2013: Santa Lucia nella storia, che tratta anche del culto di S. Lucia a Barga, al momento in cui cita l’omonimo spedale per gli uomini, esistente da epoche imprecisate all’interno del Quartiere di Mancianella, ci siamo sentiti nascere il desiderio di proporre un quesito che quella storia può celare nelle sue pieghe. Stiamo parlando della storia più remota, un’idea che ci conduce alla pensata e possibile origine in Barga dello “spedale” di Santa Lucia che, finalmente aggregato al Bigallo di Firenze, fu soppresso alla fine del secolo XVIII. Ovviamente si tratta di un indizio, una traccia, che se avvalorata da documenti storici ci potrebbe portare alla sua origine in Barga. Preciso e ripeto che si tratta di una supposizione da verificare e legata al nome di questo Spedale, così come si ritrova negli atti della Visita Pastorale del 1467, fatta alla pievania di Loppia, allora…

- di Redazione

- di Redazione

La Fondazione Ricci ricorda Antonio Nardini

La Fondazione Ricci Onlus rende un commosso omaggio allo storico Antonio Nardini suo consigliere da lunga data. Antonio Nardini, grande appassionato di storia, già direttore dell’Istituto Storico Lucchese, sezione di Barga, aveva messo a disposizione la sua conoscenza e le sue capacità intellettuali per la realizzazione di molti progetti realizzati dalla Fondazione Ricci. Ricordo, tra i tanti, in particolare la sua pubblicazione Storia del Teatro dei Differenti (1998)  e Barga in Cartolina (2003), dove aveva messo a disposizione la sua importantissima raccolta di cartoline e documentazione dei primi anni del Novecento e la mostra e la pubblicazione  Immagini del mondo pascoliano (2012). Ho lavorato gomito a gomito con Antonio per molto tempo nella realizzazione di queste belle mostre e delle pubblicazioni e non dimenticherò le tante informazioni e insegnamenti che mi ha dato e soprattutto il rispetto che aveva dei documenti storici. Erano come dei compagni di avventura per lui, viveva in simbiosi con essi raccontandoli agli altri con rispetto…

- 5 di Luca Galeotti

Ci ha lasciato l’Antonio Nardini

BARGA – Alla fine l’Antonio, dopo una vita lunga e fruttuosa di lavoro e di studi, ha deciso di lasciarci. Questa mattina, all’ospedale di Castelnuovo dove era ricoverato da qualche giorno, se n’è andato il carissimo amico di questo giornale, l’Antonio Nardini. Con lui se ne va un pezzo indubbiamente importante della memoria storica di questo paese, ma anche, e soprattutto, una gran brava persona che a Barga mancherà ed è già mancata in questi anni in cui non lo vedevamo più in giro. Aveva ben 98 anni l’Antonio, e quindi si può dire che la sua vita l’abbia vissuta tutta, ma il non saperlo più qui, nella sua casa a pochi metri dalla redazione di questo giornale che tanto stimava, e dove spesso lo abbiamo incontrato, ci fa sentire un grosso vuoto dentro. Era ormai da qualche anno che non lo vedevamo più in giro, a causa le sue condizioni di salute, ma ce lo vogliamo ricordare come era; in…

- 1 di Pier Giuliano Cecchi

Novantotto candeline per Antonio Nardini

BARGA – Bellissimo il traguardo raggiunto dal nostro Antonio Nardini, lo storico di Barga che vorremmo solo a riposo seppur il traguardo raggiunto in età e nel campo della ricerca nel nostro passato e i molteplici successi raggiunti in quest’affascinante settore di Barga lo può far sentire certamente appagato meritando tutto il plauso di noi barghigiani e di chi ha a cuore le nostre vicende del passato. Certo è che in tanti anni ha saputo dare molto a Barga anche in altri e diversi campi della vita sociale e ieri 8 febbraio 2020, una storica e importante realtà di Barga di cui Antonio ne è stato il segretario e ancora un importante iscritto, il Gruppo Alpini di Barga, come già in altre simili occasioni, con dei suoi rappresentanti, ha voluto recarsi alla sua casa per festeggiare con lui il bel traguardo dei 98 anni. Non un’occasione per i soli auguri ma anche per dimostrargli tutto l’apprezzamento per ciò che ha…

- di Redazione

97 candeline per Antonio Nardini

Un’altra candelina spenta, e adesso son 97, per l’amico, il carissimo amico Antonio Nardini, per tanti anni bravo artigiano, ma soprattutto appassionatissimo storico di Barga e per tanti anni anche alla guida e tra i promotori delle iniziative del Gruppo Alpini di Barga. L’Antonio il 7 febbraio scorso ha celebrato 97 anni e con piacere riportiamo che della sua festa si sono ricordati  gli alpini di Barga che sabato 9 febbraio, nel pomeriggio, sono andati a trovarlo e lo hanno salutato e festeggiato come il decano del Gruppo di Barga quale egli è; ricordando i tanti impegni che grazie anche al suo lavoro, sono stati portati avanti negli anni passati. A lui hanno donato anche una “targa” in legno con su disegnato il cappello alpino; quello che con tanto orgoglio ha portato per tanti anni ad ogni servizio di volontariato, ad ogni iniziativa del gruppo e ad ogni manifestazione ufficiale a cui partecipassero gli alpini di Barga Antonio, lo vogliamo…

- 2 di Redazione

La scomparsa di Antonio Nardini; con lui pagine indelebili della storia dei trasporti pubblici locali

Ieri ci ha lasciato improvvisamente, a poco più di 80 anni portati peraltro benissimo, il caro Antonio Nardini. Antonio, con il fratello Giorgio, era stato l’ultimo proprietari proprietari delle Autolinee Nardini fino alla cessione di questa storica attività barghigiana al CLAP in cui i bus Nardini furono inglobali nel 1982. La Ditta Nardini fu fondata nel 1927 dai fratelli Gino e Umberto. All’inizio venivano effettuate solo tre corse giornaliere fra Barga e  la Stazione Ferroviaria di Fornaci di Barga. Il suo maggior sviluppo lo si registra soprattutto nel dopoguerra con una flotta arrivata a 11 mezzi ed oltre 20 dipendenti. Per anni, per tanti anni, i bus Nardini hanno accompagnato i viaggi di tanti barghigiani. Grazie a questa impresa, grazie alla sua storia la famiglia Nardini fino a pochi anni fa ha rappresentato una vera e propria istituzione per tutta la Valle del Serchio. I suoi autobus sempre ben tenuti e puliti facevano bella mostra ovunque, spingendosi anche fino a…

  • 1
  • 2