Pascoli, narratore dell’avvenire. Ecco il film

-

BARGA E’ stato presentato questa mattina nell’aula magna “Ceccarelli” dell’ISI di Barga, alla presenza degli studenti delle scuole, di tanti studiosi illustri dell’opera pascoliana e dei rappresentanti delle istituzioni pascoliane e pubbliche, il docu-film “Narratore dell’avvenire”, un film di Mauro Bartoli
con la produzione di Lab Film

Nel 2015 è decaduto il vincolo di segretezza sulle lettere che Giovanni Pascoli aveva inviato al fratello Raffaele. Sono quasi quattrocento e coprono l’intera vita del poeta, facendo emergere una voce intima, che si racconta: parla al fratello, parla a noi oggi. Prende spunto da qui il film che però vuole anche evidenziare l’attualità del personaggio Pascoli e soprattutto dei temi trattati al suo tempo che in molti casi hanno anticipato il presente attuale.

Così, grazie questo ed a studi recenti sulla vita e l’opera del poeta, il film racconta Giovanni Pascoli come mai è stato fatto prima, con riprese effettuate sia a San Mauro ed in Romagna che a Casa Pascoli a Castelvecchio e gli interventi di molti studiosi dell’opera pascoliana tra i quali, tra i presenti stamani a Barga, Alice Cencetti e Diana Toccafondi.

Nell’aula magna, assieme al presidente della fondazione Giovanni Pascoli Alessandro Adami ed alla sindaca di Barga Caterina Campani a fare gli onori di casa, erano presenti anche la direttrice di Casa Pascoli di San Mauro, Maria Rosa Boschetti, il vice presidente dell’Accademia Pascoliana di San Mauro Piero Maroni oltre naturalmente al regista Mauro Bartoli che così ci presenta il suo lavoro:

La produzione ha visto il patrocinio tra gli altri dei comuni di San Mauro Pascoli e Barga,  della Fondazione Pascoli di Castelvecchio, della Regione Emilia Romagna, di San Mauro industria, dell’Accademia Pascoliana ed è stato realizzato grazie anche al contributo della Fondazione CRL di cui era presente stamani il presidente Marcello Bertocchini.

Si tratta della seconda presentazione pubblica del film che, d’intesa con i comuni di San Mauro e Barga e gli altri enti, la fondazione Pascoli vuole adesso contribuire a distribuire nelle scuole e nelle università, nelle biblioteche italiane e negli istituti culturali proprio per favorire una conoscenza più attuale della figura di Giovanni Pascoli.

Da qui partirà anche la sinergia per altri progetti che prendendo spunto da questa opera mirano ad esempio a realizzare per il prossimo anno un concorso per le scuole sull’opera pascoliana.

L’evento di stamani è stato organizzato dalla Fondazione Pascoli di Barga per ricordare anche l’opera e la figura del prof. Gian Luigi Ruggio, fedele conservatore di Casa Pascoli a Castelvecchio, venuto a mancare  il 25 febbraio di un anno fa. In sua memoria si è aperta la mattinata con le parole dei Adami e della sindaca Campani e con la proiezione di una breve intervista.

 

 

 

Tag: , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*