Buone pratiche e ricette per l’ambiente, gli impegni del Comune per il 2020

-

BARGA – Per l’anno 2020 l’Amministrazione Comunale si propone di portare avanti diversi progetti nell’ambito ambientale come annunciato anche in sede di approvazione di bilancio di previsione. Ma quali sono questi progetti? Ne parliamo con l’assessore all’ambiente Francesca Romagnoli.

“Primo fra tutti – ci risponde – l’importante campagna sul “plastic free” che dovrà portare ad una riduzione dell’uso della plastica a partire dagli uffici comunali. Si lavorerà anche alla creazione di un marchio, che potrà essere utilizzato, anche in sagre ecc. per identificare quelle iniziative appunto plastic free, che meritano di essere evidenziate.

L’Amministrazione riprenderà poi i contatti con i Responsabili del progetto “banco del non spreco” affinché questo sia ulteriormente promosso e sostenuto.

Si porterà avanti come già avvenuto in questo anno trascorso, il progetto Cities Health che prevede nel triennio 2019-2021 la realizzazione di un’indagine epidemiologica partecipata che renderà dati sulla salute degli abitanti della Valle, in relazione all’inquinamento, favorendo la costruzione di una rete di monitoraggio ambientale. Affianco a questo progetto sarà portata avanti l’importante collaborazione instaurata con l’Università di Pisa, per la caratterizzazione e analisi di suoli  e acqua.

Ad Agosto 2020 l’Amministrazione ha richiesto alla Regione Toscana, come ricorda l’assessore, l’installazione di una centralina sul territorio del Comune.”.

A proposito di inquinamento, l’assessore Romagnoli ricorda che il comune ha preso i primi contatti per l’installazione di colonnine di ricarica elettrica per auto, in punti strategici del territorio comunale.

Tra i punti di maggiore impegno il progetto MAB iniziato nei primi mesi di amministrazione: “Ci vedrà impegnati nel proseguo degli incontri calendarizzati, per arrivare fino alla conclusione di aprile 2020, dove dovremmo proporre la nostra candidatura all’ingresso nella Biosfera Appennino Tosco Emiliano – spiega Romagnoli –  A seguito dell’eventuale accettazione di questa, l’Amministrazione dovrà impegnarsi a portare avanti progettualità fondamentali e collaborazione al fine di spendere e far conoscere il proprio territorio fuori dai propri confini”.

In tema ambientale attenzione anche al tema animale. Il comune si è impegnato per arrivare all’installazione di cestini e sacchetti per la raccolta delle deiezioni animali e si intensificheranno i controlli da parte dei Vigili Urbani, per multare coloro che non rispettano tale regola.

L’Amministrazione ha poi preso i primi contatti per attivare sul nostro territorio il progetto “doggy bag”:

“Il progetto mira a sensibilizzare le persone al non spreco del cibo, portando a casa appunto gli avanzi, magari, di una cena del ristorante”.

“Un altro progetto, che sta riprendendo il suo iter – continua l’assessore – , anche a livello nazionale, è quello del “banco farmaceutico”. L’Amministrazione sin dal suo insediamento si è impegnata a portarlo avanti, assieme alle farmacie del territorio. Il progetto che prevede una raccolta dei medicinali, con almeno 8 mesi di vita, dovranno essere conferiti in appositi contenitori installati nelle farmacie aderenti. Questi saranno poi distribuiti sia a livello quotidiano che per fini sociali.

Il 2020 vedrà anche l’attivazione del progetto “salviamo le tartarughe”. Il progetto in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Toscana Nord prevede la pulizia, oltre che l’adozione, dei torrenti affluenti Serchio, da sporco e plastica, prima che siano riversati appunto nel Serchio e di conseguenza nel mare.

Per quanto riguarda l’efficientamento energetico è in atto un importante progetto, un project financing, che riguarda tutta l’illuminazione pubblica del Comune. Il progetto prevede la sostituzione di tutti i corpi illuminanti, e l’installazione di nuovi punti luci distribuiti sul territorio oltre che l’efficientamento delle centrali termiche di tutti gli edifici pubblici.

Un aspetto su cui l’Amministrazione si dovrà concentrare infine, sarà quello dell’agricoltura. Il territorio vede la presenza di numerose aziende agricole, che producono prodotti quali grano, miele, zafferano ecc e che devono entrare in rete al fine di aumentare le opportunità di intercettare risorse, finanziamenti, ma anche per portare a conoscenza oltre al prodotto anche le lavorazioni che a questi portano.”

Tag: , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.