Biblioteca di Barga, un’eccellenza

-

Caro Luca, vorrei condividere con te e con i lettori del giornale una mia recente ed attuale esperienza che definisco, senza paura di essere smentita, un’eccellenza barghigiana.

Circa un mese e mezzo fa mi sono recata, dopo moltissimo tempo, presso la biblioteca comunale per abbonarmi e prendere dei libri in prestito. La prima sorpresa è stata la possibilità del prestito interbibliotecario, ovvero fare arrivare da altre biblioteche libri non presenti nella biblioteca di Barga, in tempi brevissimi e senza costi per l’abbonato, a meno che non arrivino da fuori regione, ma l’importo è comunque irrisorio. Quando vi sono tornata per ritirare i volumi che avevo richiesto, ho guardato un po’ meglio l’ambiente ed ho deciso di provare a studiare in biblioteca. Da quel giorno ho scoperto un mondo. I locali di Villa Gherardi che la ospitano, contribuiscono, con la loro eleganza, a predisporre, fin da subito, la mente e lo spirito allo studio e al “bello”. Le persone che vi lavorano sono estremamente gentili e disponibili con tutti e sempre pronte ad assecondare le necessità di ognuno. Ho

scoperto, cosa che non mi aspettavo, che la nostra biblioteca è molto di più del prestito di libri che, comunque, è continuo sia per singoli cittadini che per scolaresche accompagnate dagli insegnanti. Sono, infatti, molti gli studenti che quotidianamente utilizzano gli ambienti della biblioteca per studiare, dai ragazzi delle scuole medie che si ritrovano in gruppi per svolgere ricerche, a quelli delle scuole superiori e universitari, a ragazzi stranieri, a studiosi e ricercatori di ogni età. Gli studenti hanno a disposizione libri, vocabolari e computer potendo integrare tutti questi strumenti per ampliare le possibilità di studio. La biblioteca di Barga, seppur nel rispettoso silenzio che le si addice, è un sano luogo di incontro tra coetanei e tra generazioni, un luogo di inclusione e di condivisione. Da quando la frequento quotidianamente ho capito che investire in una biblioteca significa investire per la scuola, per la formazione permanente, per le politiche giovanili, per l’inclusione. A volte pensiamo a progetti nuovi, super tecnologici, che ci diano lustro e sottovalutiamo ciò che abbiamo già e che dovremmo cercare di curare e promuovere. Ringrazio il Comune di Barga che, in tutti questi anni, attraverso l’impegno di persone qualificate, ha messo a disposizione dei cittadini uno strumento tanto prezioso.

Roberta Conti

Tag: , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.