Il PD doni il patrimonio del partito Comunista di Barga alla Biblioteca Comunale

-

(nella foto una riunione nella vecchia sede PD “Ansano Aurori”)

apprendo dal Giornale di Barga, tramite le parole dell’amico Vincenzo Cardone, della chiusura della sede storica “Ansano Aurori” che fu soprattutto la sede del PCI. Ovviamente sono tanti i ricordi di compagne e compagni con i quali ebbi modo di “vivere” intensamente in quella sede, sia per renderla praticabile e accogliente, sia per farvi vivere lo spirito democratico alla “partecipazione” della vita civile e politica della nostro Comune e della nostra Valle. Compagne e compagni molti fortunatamente ancora vivi ma altri che ci hanno lasciati.
A tutti mando un ideale abbraccio. E’ una ricca storia fatta di umanità, di vicende gloriose e fondamentali per il nostro territorio, di fervente dedizione gratuita. Non andrà perduta la memoria perchè sono tante le documentazioni scritte, anche sul nostro Giornale di Barga, che comunque vivono nelle case di molti concittadini e di molti compagni. Però credo si potrebbe fare di più per assicurare alla storia di Barga questo patrimonio storico.

Quando nel lontano 1989 il PCI cessò come tale e cambiò nome provocando anche la scissione con l’ala che rimase più ancorata a sinistra, mi permisi di avanzare una proposta che però, penso a causa di un clima ancora fortemente polemico e concorrenziale, fu respinta con forza dagli allora dirigenti del nuovo PDS. Nella sede di Vicolo del Sole c’erano e ci saranno ancora nella nuova sede del PD documenti, volantini, fotografie, bandiere che testimoniano l’attività del PCI di quegli anni. C’erano poi tanti bei quadri, alla cui raccolta io avevo contribuito fattivamente, che ci erano stati donati dai pittori barghigiani dell’epoca tra i quali anche artisti importanti come Cordati, Da Prato, i cari amici Cesare Puccinelli, e Swietlan Kraczyna, Alba Calamari e altri. Mi permetto oggi, lontano da ogni spirito polemico o provocatorio, di rinnovare la proposta di allora che intendeva donare alla Biblioteca Comunale del nostro Comune tutto quanto appartenuto al PCI perchè sia dedicato a questo uno spazio specifico che rimanga come testimonianza storica di tutta la comunità.

Ovviamente spero in una favorevole accoglienza da parte dei dirigenti attuali del PD di questa proposta fatta con spirito assolutamente amichevole e dettata dalla sola preoccupazione che questa memoria possa un giorno andare dispersa.

Ti ringrazio dell’ospitalità inviando a te e a tutti gli amici lettori del Giornale i più affettuosi saluti.

Paolo Pieri

Tag: , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.