Sereni e Tognarelli: “il Comune aiuti la Misericordia del Barghigiano”. Chiesto un incontro

- 1

Il comune di Barga non puoi permettersi di perdere un servizio fondamentale come il servizio ambulanza della Misericordia del Barghigiano”.
Lo affermano in un comunicato congiunto Umberto Sereni e la capogruppo consiliare di “Con Sereni per un nuovo inizio” Francesca Tognarelli.

La dichiarazione al termine di un incontro di una delegazione del gruppo consiliare di opposizione, avvenuto questa mattina, con la Governatrice della Misericordia, Elena Venezi.

Un incontro che fa seguito al grido di allarme lanciato

nei giorni scorsi dalla Misericordia per le ormai croniche difficoltà finanziarie ed anche per le ultime magagne dovute all’impossibilità di garantire, causa la carenza di fondi, un adeguato servizio di soccorso nei centri storici a causa della vetustà dei mezzi dedicati a questa emergenza.

“Chiediamo un incontro con l’Amministrazione Comunale per prendere precisi impegni a favore della Misericordia e stabilire un programma per il risanamento finanziario ed il potenziamento di questa attività – dichiarano Sereni e Tognarelli – E successivamente di andare ad organizzare un’assemblea popolare per la costituzione di un comitato civico di sostegno a questo sodalizio che la comunità barghigiana non può permettersi di perdere vista la sua enorme importanza”.

Tali richieste emergono, fanno sapere, dagli elementi appresi durante l’incontro con la Governatrice:

“La situazione è di estrema gravità – dichiarano -; il servizio ambulanza è a rischio di conclusione, oberato da una situazione debitoria che si trascina da anni, eredità delle precedenti gestioni. Tutto adesso si affida al sacrificio del personale (9 dipendenti) che ha rinunciato anche a parte degli stipendi per continuare a svolgere ed a garantire l’attività. Adesso inoltre, per poter continuare a svolgere il servizio, c’è bisogno di nuovi mezzi: uno attrezzato per garantire il soccorso nei centri storici e l’altro per sostituire l’autoambulanza più attrezzata che ormai è vetusta e non più affidabile”.

“Con le proprie forze – continuano Sereni e Tognarelli – la Misericordia non ce la può fare. Da parte del sodalizio è stato peraltro lamentato l’assoluto disinteresse dell’Amministrazione Comunale. Un interesse ed un appoggio di cui hanno invece necessità anche per sostenere le sue richieste e la sua causa.
Ci vuole adesso una inversione di tendenza, un grande impegno generale delle istituzioni e della popolazione.”

Tag: , , , , ,

Commenti

1


  1. Misericordia
    Abbiamo trovato dei soldi per “Piaggiagrande”.Trovarono soldi per rifare la chiesetta delle Palmente, abbiamo trovato soldi per rifare case e facciate a persone delle quali io personalmente non credevo ne avessero bisogno. E non si possono trovare i soldi per l’Ambulanza? Che venga lanciata una richiesta di finanziamento popolare per comprare almeno i mezzi di cui c’é bisogno con urgenza. Credo che si possa fare. Con la volontà di tutti e ilpatrocinio del Comune della comunità ecclesiale. Fate approntare le urne per raccogliere i soldi e aprite un conto corrente per la bisogna. Credo cui sarà una risposta positiva.Giuseppe Luti – 21.07.2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.